La nuova Ferrari è SF15-T, prima il nome poi la forma

vettel-ferrari

ROMA. – Un nuovo nome per mettere in risalto il termine scuderia. Comincia a prendere forma dalla sigla, SF15-T, la nuova Ferrari che parteciperà al Mondiale di Formula 1 a via il prossimo 15 marzo in Australia a Melbourne. La Rossa del futuro sarà svelata il 30 gennaio al mondo sul sito web del team di Maranello e sulle piattaforme digitali e social. Subito dopo, la monoposto del Cavallino Rampante parteciperà alla prima sessione di test invernali, in programma dall’1 al 4 febbraio sul circuito di Jerez de la Frontera in Spagna. Il nome della nuova Ferrari, con cui Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen correranno per il Mondiale 2015 di Formula 1, rappresenta l’anno in corso e la T di Turbo, anche se la vera novità rispetto alla sigla dello scorso anno scelta attraverso un referendum online, oltre alla veste grafica, è rappresentata dalla S di Scuderia. Un team che con il nuovo arrivato Vettel, amico e compagno del ‘vecchio’ Raikkonen, punterà anche sullo spirito di squadra per risollevare le sorti della Rossa dopo un anno da dimenticare, come sottolineato più volte dal presidente della Ferrari Sergio Marchionne. “Oltre ad essere entrambi campioni del mondo, Sebastian e Kimi – evidenziò Marchionne il giorno dell’annuncio del quattro volte campione del mondo arrivato dalla Red Bull – sono uniti anche da una grande amicizia nella vita. Tutti noi sappiamo quanto sia importante, in questo momento, un sano spirito di squadra; uno spirito che nasce da persone che credono fortemente in un progetto e ne vogliono condividere impegno, sacrifici e risultati”. In attesa di vedere come sarà la nuova Ferrari, oggi la Lotus ha diffuso le prime immagini della sua nuova monoposto, la E23 Hybrid: la vettura con cui correranno Romain Grosjean e Pastor Maldonado è una radicale innovazione della monoposto del 2014, mentre la novità principale è di sicuro la sostituzione della power unit Renault con quella Mercedes con cui la scuderia di Enstone spera di migliorare le deludenti prestazioni dell’anno scorso.

Condividi: