Quirinale: fino a sabato Renzi non svelerà il nome

Pubblicato il 27 gennaio 2015 da redazione

Fonti delegazioni,Renzi d'accordo su politico al Colle
ROMA. – Nebbia fitta. A un giorno e mezzo dall’inizio delle votazioni sul Quirinale (giovedì alle 15) e a tre giorni dal momento clou (sabato mattina, quarto voto, soglia abbassata a 505 consensi) Matteo Renzi ancora non scopre le sue carte. E per qualcuno, forse, si tiene aperte più strade e non ha davvero ancora definitivamente scelto. Oggi è il giorno delle consultazioni ufficiali al Nazareno. Il segretario-premier ascolta attentamente tutti i partiti, annuisce e prende appunti con diligenza. Ma il fatto che Silvio Berlusconi non vada ad incontrarlo, mandando solo i suoi capigruppo, la dice lunga sullo stato dell’arte. Renzi ha fatto sapere anche al Cavaliere (mentre oggi si rinsalda il Patto del Nazareno, con il sì del Senato alla legge elettorale) che farà un nome secco solo all’ultimo momento utile, sabato mattina. Renzi e Berlusconi potrebbero però vedersi domani all’ora di pranzo. Il silenzio del premier lascia interdetti i suoi interlocutori, che brancolano nel buio come non mai. A partire dagli stessi grandi elettori del Pd, che domani Renzi ha riconvocato per ‘aggiornali’ sugli incontri di oggi, ma ai quali non farà nessun nome. La cortina fumogena che si alza da Palazzo Chigi sulle reali intenzioni del premier non risparmia i Dem, ai quali si è limitato a garantire che sceglierà un politico dalla forte caratura, come oggi gli ha chiesto anche Alfano. E che questo politico verrà dal Pd. Ma anche loro, fino a Sabato, restano al buio. Ciò che preme di più a Renzi è chiudere entro sabato, dimostrare che ha saputo portare a casa, con la stessa maggioranza, le riforme e anche un nuovo Presidente della Repubblica. Il nome del prescelto sarà perciò quello in grado di evitare sorprese e di ottenere almeno 520 dei 580 voti che (al netto di tutte le ‘opposizioni’) di Pd-Fi e Area Popolare. Difficile però pensare che Renzi si faccia imporre nomi da altri. Il prossimo Presidente (forte o debole, uomo o donna) non potrà essere in alcun modo un candidato che il premier ‘subisce’, scelto da altri e non da lui. A Renzi serve chiudere presto e bene, con una vittoria che sia ascrivibile a lui e che possa spendersi come il frutto di una stagione politica diversa, di condivisione con le opposizioni sulle scelte importanti e di governo consapevole, di un Pd maturo e non più paralizzato dalle lotte fratricide. (di Milena Di Mauro/ANSA)

Ultima ora

19:11Studi a rischio per figli teste giustizia, programma mirato

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 16 DIC - Due giovani studenti, impossibilitati a frequentare le lezioni perché figli di un testimone di giustizia e a rischio di perdere l'anno scolastico, hanno seguito un programma mirato di formazione che alterna lezioni domiciliari ad attività didattiche a distanza. E' la soluzione - resa nota dalla Prefettura di Reggio Calabria - trovata grazie alle sinergie istituzionali che si sono attivate dopo la segnalazione di un sacerdote. Le linee guida operative obbligano all'adozione di rigide misure di sicurezza, per cui gli studi dei due ragazzi erano a rischio. Dopo la segnalazione ricevuta l'istituto scolastico reggino e l'Ufficio scolastico provinciale, è stato avviato un dialogo per individuare le più idonee soluzioni per garantire le esigenze di protezione con quelle del diritto allo studio ed alla formazione. "Le buone prassi devono diventare la regola: anche per questo è importante che il Senato approvi definitivamente la riforma sui testimoni di giustizia, commenta il deputato Pd Davide Mattiello.

19:05Trasferimento beni: giudizio immediato per Massimo Nicoletti

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Richiesta di giudizio immediato della Procura di Roma per Massimo Nicoletti, figlio di Enrico, quest'ultimo ritenuto dagli inquirenti l'ex cassiere della banda della Magliana. Il pm Luca Tescaroli gli contesta l'accusa di trasferimento fraudolento di beni finalizzato ad eludere la normativa antimafia in materia di misure di prevenzione patrimoniale. La richiesta di immediato è estesa anche a Mario Mattei, considerato un prestanome di Nicoletti. Il gip Flavia Costantini ha fissato la data del 14 febbraio prossimo per l'esame della richiesta. I due imputati avranno facoltà di chiedere di essere giudicati con il rito abbreviato.

18:50Calcio: Serie B, vincono Palermo e Bari

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Palermo batte la Ternana e conserva il primo posto nella classifica di serie B dopo 19 giornate, inseguito a tre punti dal Bari, vittorioso a Perugia. Il Cesena frena il Parma, che scivola al terzo posto accanto al Frosinone, che a sua volta pareggia, a Carpi. Un punto a testa anche per Empoli e Cremonese. Risultati: Foggia-Venezia 2-2 (ieri); Avellino-Ascoli 1-1; Carpi-Frosinone 1-1; Cremonese-Empoli 1-1; Entella-Salernitana 0-2; Palermo-Ternana 1-0; Parma-Cesena 0-0; Perugia-Bari 1-3; Pro Vercelli-Spezia 0-2. Domani si giocano Brescia-Cittadella e Pescara-Novara.

18:45Corea Nord: ‘ha hackerato milioni Bitcoin’

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'intelligence sudcoreana è convinta che ci sia Pyongyang dietro gli attacchi hacker alle criptovalute, in particolare Bitcoin, e che Pyongyang abbia così accumulato milioni in valuta virtuale. Lo riferisce la Bbc. Almeno 7 milioni di dollari sono stati rubati, oggi hanno un valore decuplicato di 82,7 milioni. Inoltre, gli hacker si sono impadroniti dei dati personali di almeno 30.000 persone. Secondo gli esperti, l'obiettivo dell'attacco è quello di evadere le sanzioni fiscali a cui è sottoposto la Corea del Nord. Da tempo si sospetta che Kim Jong-un abbia accumulato un presunto tesoretto di Bitcoin da usare contro le pesanti sanzioni imposte al Paese.

18:38Pd: lascia “millennial” Vichi, aveva picchiato arbitro

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Siccome "ho sempre messo davanti il bene del partito rispetto al destino personale, decido di compiere un gesto di responsabilità dimettendomi da componente della Direzione Nazionale con la promessa che il mio impegno nel Pd e nei Giovani Democratici prosegue con generosità e altruismo". Così Gianluca Vichi, il giovane "millennial" cooptato nella segreteria nazionale del Pd annuncia il suo passo indietro dopo il "gesto brutto che ho commesso in un campo di calcio" nelle Marche "durante una partita di calcio". Vichi infatti, durante l'incontro, aveva dato una ginocchiata all'arbitro.

18:30Calcio: serie A, Inter-Udinese 1-3

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'Inter cade in casa, prima sconfitta del campionato, nel primo anticipo della 17/a giornata di serie A, battuta 3-1 dall'Udinese. La squadra bianconera è andata in vantaggio al 14' con Lasagna, ma dopo solo due minuti Icardi (17 reti in campionato) ha pareggiato. L'Inter non è riuscita a completare la rimonta e a inizio ripresa è avvenuto l'episodio forse decisivo, con intervento della Var: su cross di Widmer la palla ha impattato sul braccio aperto di Santon in area, ma l'arbitro Mariani ha dato rimessa dal fondo prima di cambiare idea grazie al video. Accertatosi che il pallone non era uscito, ha concesso il rigore, trasformato da De Paul al 16'. Al 25', terzo gol dell'Udinese su contropiede finalizzato da Barak e l'Inter non è riuscita a reagire.

18:22Migranti: Libia, almeno 270 salvati da Guardia costiera

(ANSA) - TRIPOLI, 16 DIC - La Guardia costiera libica ha tratto in salvo almeno 270 migranti al largo delle coste del Paese nordafricano. L'ufficiale della Marina libica el-Hadi Kheil ha precisato che i migranti arabi e africani, tra cui sono presenti anche donne e bambini, sono stati portati ad una base della Marina a Tripoli. "Ci siamo persi e non sapevamo dove dirigere la nostra imbarcazione - ha spiegato Omar Yusef, sudanese -. Abbiamo chiamato la Guardia costiera. Un elicottero è arrivato e ci ha guidato".

Archivio Ultima ora