Papa: “Basta indifferenza, testimoniare carità e solidarietà”

Pubblicato il 27 gennaio 2015 da redazione

papa_lava_i_piedi

CITTA’ DEL VATICANO. – La lotta contro la “globalizzazione dell’indifferenza” non è un principio astratto nell’ottica di papa Francesco, ma una “una delle sfide più urgenti” per la Chiesa, le sue comunità, i singoli fedeli. Il Papa lo enuncia con forza nel Messaggio per la Quaresima 2015, presentato oggi in Vaticano, spiegando che proprio la Quaresima dev’essere un “tempo di rinnovamento” in cui i valori della carità e della solidarietà verso i più deboli e bisognosi diventino concreti principi-guida per la vita di ogni giorno. “Quando noi stiamo bene e ci sentiamo comodi, certamente ci dimentichiamo degli altri – lamenta il Pontefice -, non ci interessano i loro problemi, le loro sofferenze e le ingiustizie che subiscono… allora il nostro cuore cade nell’indifferenza: mentre io sto relativamente bene e comodo, mi dimentico di quelli che non stanno bene”. E questa “attitudine egoistica” ha preso oggi “una dimensione mondiale”, a tal punto che – come Bergoglio aveva denunciato fin dal suo viaggio a Lampedusa nel luglio 2013 – possiamo parlare di una “globalizzazione dell’indifferenza”. Una “reale tentazione”, quella di essere indifferenti alle sorti del prossimo, che secondo il Papa non risparmia neanche “noi cristiani”, che invece debbono reagire e “non chiudersi in sé stessi”. A questo fine è la testimonianza della Chiesa che deve dare la linea, poiché secondo Francesco “nessuno possiede solo per sé, ma quanto ha è per tutti”. Ciò riguarda anche le parrocchie e le comunità, a proposito delle quali, comunque, il Pontefice solleva interrogativi: “si riesce in tali realtà ecclesiali a sperimentare di far parte di un solo corpo? Un corpo che insieme riceve e condivide quanto Dio vuole donare? Un corpo, che conosce e si prende cura dei suoi membri più deboli, poveri e piccoli? O ci rifugiamo – chiede – in un amore universale che si impegna lontano nel mondo, ma dimentica il Lazzaro seduto davanti alla propria porta chiusa?”. Per papa Francesco, “ogni comunità cristiana è chiamata a varcare la soglia che la pone in relazione con la società che la circonda”. La Chiesa, infatti, “per sua natura è missionaria, non ripiegata su sé stessa”. “Quanto desidero – è l’appello del Pontefice – che i luoghi in cui si manifesta la Chiesa, le nostre parrocchie e le nostre comunità in particolare, diventino delle isole di misericordia in mezzo al mare dell’indifferenza”. Bergoglio invita anche i singoli a non cadere nella tentazione, a non lasciarsi assorbire dalla “spirale di spavento e di impotenza” dinanzi alla saturazione di “notizie e immagini sconvolgenti che ci narrano la sofferenza umana”, alimentando la sensazione di “tutta la nostra incapacità ad intervenire”. Oltre che pregare (e qui il Papa invita all’iniziativa “24 ore per il Signore” del 13 e 14 marzo, promossa dal dicastero per la Nuova evangelizzazione), “possiamo aiutare con gesti di carità, raggiungendo sia i vicini che i lontano, grazie ai tanti organismi di carità della Chiesa”. E la partecipazione alle sofferenze e ai bisogni degli altri è anche un “richiamo alla conversione”, contro le nostre “pretese di onnipotenza” e contro “la tentazione diabolica che ci fa credere di poter salvarci e salvare il mondo da soli”. “Opporre alla globalizzazione dell’indifferenza la globalizzazione della solidarietà”, ha esortato durante la presentazione del Messaggio Michel Roy, segretario generale di Caritas Internationalis, organismo della Chiesa impegnato in tutti i luoghi delle emergenze mondiali. Il segretario del Pontificio Consiglio ‘Cor Unum’, mons. Giampietro Dal Toso, ha ricordato tra l’altro le iniziative per Haiti, il Medio Oriente – “dove i cristiani sono come carte con cui giocano i potenti” – e le Filippine, appena visitate dal Papa, con il centro costruito a Tacloban per i sopravvissuti al tifone Yolanda. Intanto, nella Giornata delle memoria, oggi il Papa ha lanciato anche un tweet per commemorare la Shoah: “Auschwitz grida il dolore di una sofferenza immane e invoca un futuro di rispetto, pace ed incontro tra popoli”.  (di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora