Allegri: “Triplete? La Juve può fare una grande Champions”

Soccer: Champions League; Juventus-Atletico Madrid

TORINO. – Perso il ‘grande slam’ con la sconfitta di Doha nella SuperCoppa italiana, la Juventus trascinata dal talento di Pogba può sempre puntare al ‘triplete’ (campionato, Champions e Coppa Italia). Allegri è realista: “Sogno il triplete? Più che sognare bisogna essere competitivi fino alla fine. In campionato abbiamo qualche punto di vantaggio ma è ancora lungo. Ci vuole molto equilibrio, e capire che mancano ancora tante vittorie per lo scudetto”. C’è poi l’Europa: “anche con questa rosa – dice il tecnico bianconero, possiamo fare una grande Champions”. Ed infine la Coppa Italia: “è un obiettivo della stagione. La Juve non la vince da vent’anni”. Proprio per questo passare a Parma, domani sera, “é un obbligo: arrivare in semifinale è un dovere”. In campionato sarebbe testacoda con un abisso di 40 punti, domani si comincia alla pari: “Non troveremo una situazione facile – spiega Allegri – ma in campo non andranno i problemi societari del Parma ma un gruppo di ragazzi che cercherà di fare un’impresa e batterci in un momento così difficile. Non dobbiamo sottovalutare assolutamente l’impegno, ma affrontarlo con la giusta maturità per non uscire con le ossa rotte”. C’è poi il mercato, che non è solo il futuro di Pogba. “Un altro attaccante? Se non arrivano giocatori che migliorano la rosa è inutile prenderlo” ribadisce Allegri. Il nome caldo e’ sempre quello di Simone Zaza ma il patron del Sassuolo, Giorgio Squinzi, ha chiuso ancora una volta la porta: “Non lo cediamo, ne abbiamo bisogno”. L’arrivo dell’attaccante dovrebbe essere rimandato a giugno, quindi, anche se potrebbero ancora esserci sorprese. Il rinforzo in attacco, in caso di addio anticipato di Giovinco, non dovrebbe essere Cassano. “Non parlo di giocatori che non sono della Juve, al momento ho 5 attaccanti, è in arrivo Sturaro per il centrocampo, poi valuteremo il resto – sottolinea Allegri -. Antonio ha 32 anni, al Milan è stato importante nella volata scudetto, ma preferisco parlare di chi ho a disposizione, di quelli che arriveranno ne parlerò quando arriveranno. L’acquisto comunque l’abbiamo fatto, in difesa con il rientro di Barzagli. Poi vediamo se c’è possibilità di combinare qualcosa in attacco: siamo vigili, non abbiamo alcuna preoccupazione”. A Parma sarà turnover con Storari in porta, Ogbonna e Padoin in difesa, Pirlo di nuovo titolare dopo lo stop per la febbre e Marchisio in campo perché salterà Udine per squalifica domenica prossima. Non è convocato Carlos Tevez, “che ha bisogno di fare allenamenti specifici” per recuperare dall’infiammazione ad un ginocchio. E’ possibile che venga riproposto il 4-3-3, già visto con il Verona, con Pepe, Llorente e Coman in attacco.