Tsipras ricuce con l’Ue, la Grecia pagherà i suoi debiti

Pubblicato il 31 gennaio 2015 da redazione

EU Parliament President Martin Schulz visits Athens

BRUXELLES. – La Grecia onorerà i suoi debiti e “non cerca il conflitto” con la Ue. Il suo nuovo governo “non ha mai avuto intenzione di agire unilateralmente sul debito” e vuole solo “tempo per respirare e creare un nostro programma di ripresa a medio termine”. Dopo lo scontro ad alta tensione di ieri tra il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem ed il ministro delle finanze Yanis Varoufakis,e l’ennesimo tracollo della borsa di Atene, è Alexis Tsipras a rassicurare direttamente l’Europa con un nota che non lascia dubbi sin dalle prime parole: “Il mio obbligo di rispettare il chiaro mandato ricevuto dal popolo greco di mettere fine alle politiche di austerità e tornare ad una agenda di crescita non implica in alcun modo che noi non rispetteremo i nostri obblighi sui prestiti verso la Bce ed il Fmi”. Poi il premier chiarisce che “le riflessioni con i partner europei sono appena cominciate”, ovvero che la Grecia è pronta a trattare e cerca un accordo “con benefici reciproci”. Così nei palazzi di Bruxelles si tira un sospiro di sollievo. Gli staff di Juncker e Tsipras sono al lavoro per trovare una data per un primo faccia a faccia diretto, possibilmente la prossima settimana. Ma intanto fonti europee osservano che “le cose si stanno calmando” e che “l’importante è cominciare a trattare” e “vedere i piani concreti”. Le parole di Tsipras danno l’idea che Atene abbia finalmente tolto dal tavolo l’ipotesi del taglio del debito. Che provocherebbe una reazione a catena negli altri paesi sotto troika, come Spagna, Irlanda, Portogallo o Cipro. Per il resto, molto si può fare. A cominciare dal togliere di mezzo proprio la troika. Lo stesso Juncker lo ha già detto: “Nella forma attuale non dovrebbe avere un futuro”. Al suo posto il presidente della Commissione propone una struttura parlamentare, con membri del parlamento Ue e nazionale, che valuti gli accordi tra governo greco e Ue. A piacere a Bruxelles è anche la promessa di Tsipras di “radicali riforme contro l’evasione fiscale, la corruzione e le politiche clientelari”. Il comunicato del premier arriva poche ore dopo che la stessa Angela Merkel, dalle pagine dell’Hamburger Abendblatt, esclude in prima persona un nuovo ‘haircut’. Quello già fatto, afferma, “è stata una volontaria rinuncia dei creditori privati, un nuovo taglio del debito non lo vedo”. Di fatto ribadisce quanto già detto nei giorni scorsi dal suo portavoce e dal ministro delle finanze, Wolfgang Schaeuble, e probabilmente ripetuto anche ieri sera nella cena con Francois Hollande, ospiti di Martin Schulz a Strasburgo. Oggi però, per la prima volta dal giorno della vittoria elettorale di Syriza riconferma che “l’obiettivo è, adesso come prima, che la Grecia resti membro dell’eurozona”. Poi torna a garantire la “solidarietà” europea alla Grecia e gli altri “paesi particolarmente colpiti dalla crisi”, ma solo se “intraprendono le riforme e le misure di risparmio”. Intanto anche la Bce chiarisce che potrebbe abbandonare Atene. Il vicepresidente Vitorino Constancio, in una conferenza a Cambridge, ricorda che l’Eurotower compra i titoli-spazzatura della Grecia grazie a una “deroga” che viene concessa proprio perché c’è un programma di salvataggio Ue/Fmi. Se un paese rinuncia a rispettarlo, “non bisogna sorprendersi se quella deroga viene cancellata”. E mentre il governo greco accelera la presa di contatto con le controparti (Varoufakis sarà già domani a Parigi per vedere Sapin, lunedì sarà a Londra e martedì a Roma, mentre Tsipras sarà ricevuto da Renzi) a Bruxelles si limano le previsioni economiche che saranno rese note giovedì prossimo. Che saranno il punto di partenza per arrivare al nuovo accordo con Atene. (di Marco Galdi/ANSA)

  • Filippo Parentini

    spero che la campagna elettorale di Tsipras non sia stata un bluff come è solito in Italia…..

    • lavoceditalia

      In campagna elettorale si promette di tutto…. poi bisogna fare i conti con la dura realtà!!!

Ultima ora

15:46Tav:rapporti con recluso No Tav,ricorso contro licenziamento

(ANSA) - TORINO, 25 MAG - Una educatrice torinese di una cooperativa che opera nella casa circondariale 'Lorusso e Cutugno' è stata sospesa dall'incarico per avere intrattenuto rapporti con alcuni attivisti nell'area anarco-insurrezionalista e per aver pubblicato su Facebook foto di alcuni No Tav arrestati in segno di solidarietà. Il legale, l'avvocato Roberto Lamacchia, ha chiesto ai giudici del Tar la revoca del divieto di lavorare nel carcere delle Vallette. "Per tre anni lei ha svolto la sua attività nel padiglione dei tossicodipendenti, che nulla hanno a che fare con il Movimento No Tav, e l'ha fatto con buoni risultati - ha spiegato il legale - Tutto questo non determina l'esistenza di ragioni di sicurezza tali da allontanarla dal carcere". "Voglio riavere il mio lavoro - commenta Angela - Non mi è stato nemmeno permesso di salutare i ragazzi che seguivo". Alcuni autonomi hanno organizzato un presidio di solidarietà davanti agli uffici del Tar.

15:29M5s: La Rocca, se rinviata a giudizio non mi ricandido

(ANSA) - PALERMO, 24 MAG - "Se sarò rinviata a giudizio non mi ricandiderò alle regionali, come ho già annunciato nei giorni scorsi". Lo dice Claudia La Rocca, deputata dei 5stelle che si è auto-sospesa dopo avere ricevuto l'avviso di garanzia nell'inchiesta firme false della Procura di Palermo con la quale ha collaborato ammettendo di essere stata presente nel giorno della ricopiatura degli autografi di chi aveva firmato a sostegno della lista per le comunali del 2012.

15:27Manchester: Bonino, dobbiamo resistere culturalmente

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Attentato a Manchester? La sicurezza al 100% rispetto ai lupi solitari è impossibile. Ci saranno stati sicuramente degli errori nella prevenzione. Non dobbiamo cedere alla paura. Non dobbiamo dargliela vinta. Dobbiamo resistere culturalmente". Queste le parole di Emma Bonino presente stamani all'Università Statale di Milano.

15:22L.elettorale: Gelmini, nessun inciucio ma accelerazione urne

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Nessun Nazareno bis, nessun inciucio. Silvio Berlusconi con Forza Italia è impegnato a garantire una legge elettorale in grado di portare rapidamente gli italiani alle urne. Il centrodestra non ha bisogno di continui distinguo ma di una forte azione comune che racconti agli italiani qual è il Paese che vogliamo costruire". Così Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera.

15:21Boldrini, bene Confindustria su coesione e crescita

(ANSA) - ROMA, 24 MAY - "Ho trovato molto interessante l'accento posto sulla coesione e sulla crescita, così come mi è piaciuta l'insistenza sull'importanza di investire di più sui giovani". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini a margine dell'Assemblea di Confindustria. "Ho anche trovato importante la sottolineatura sulla necessità di rafforzare una casa comune in Europa per le aziende, che se non saranno capaci di stare insieme non avranno uno spazio in futuro", aggiunge.

15:18Calcio: serie B, una giornata a Vignali

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Una giornata di squalifica a Vignali dello Spezia, espulso per doppia ammonizione nel primo turno dei playoff di Serie B. Il giocatore sconterà la squalifica nella prossima stagione, essendo stata la squadra ligure eliminata dal Benevento.

15:18Vaccini: Rosato, non c’era altra strada che obbligo

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "I vaccini sono farmaci efficaci e sicuri. Hanno permesso di sconfiggere malattie terribili di cui ormai non abbiamo più memoria, come il vaiolo cancellato dalla faccia della Terra solo alcuni decenni fa. Di altre malattie infettive abbiamo sentito parlare ma non le avvertiamo più come una minaccia, anche se circolano ancora nell'Europa dell'Est. Per anni siamo stati protetti dal progresso della scienza ma ultimamente c'è stata un'inversione di rotta, ingiustificata". Lo scrive il capogruppo del Pd alla Camera Ettore Rosato in un post su Facebook rispondendo alle preoccupazioni per l'obbligo delle vaccinazioni. "Il calo delle vaccinazioni, rispetto ad altri Paesi europei, è diventato preoccupante. Gli italiani si vaccinano sempre meno contro la poliomielite, il tetano, la difterite, la rosolia, il morbillo, con un trend in discesa. Occorreva invertire la tendenza prima che fosse troppo tardi. Per affrontare questa emergenza non c'era altra strada che rendere obbligatorie le vaccinazioni".

Archivio Ultima ora