Tsipras ricuce con l’Ue, la Grecia pagherà i suoi debiti

Pubblicato il 31 gennaio 2015 da redazione

EU Parliament President Martin Schulz visits Athens

BRUXELLES. – La Grecia onorerà i suoi debiti e “non cerca il conflitto” con la Ue. Il suo nuovo governo “non ha mai avuto intenzione di agire unilateralmente sul debito” e vuole solo “tempo per respirare e creare un nostro programma di ripresa a medio termine”. Dopo lo scontro ad alta tensione di ieri tra il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem ed il ministro delle finanze Yanis Varoufakis,e l’ennesimo tracollo della borsa di Atene, è Alexis Tsipras a rassicurare direttamente l’Europa con un nota che non lascia dubbi sin dalle prime parole: “Il mio obbligo di rispettare il chiaro mandato ricevuto dal popolo greco di mettere fine alle politiche di austerità e tornare ad una agenda di crescita non implica in alcun modo che noi non rispetteremo i nostri obblighi sui prestiti verso la Bce ed il Fmi”. Poi il premier chiarisce che “le riflessioni con i partner europei sono appena cominciate”, ovvero che la Grecia è pronta a trattare e cerca un accordo “con benefici reciproci”. Così nei palazzi di Bruxelles si tira un sospiro di sollievo. Gli staff di Juncker e Tsipras sono al lavoro per trovare una data per un primo faccia a faccia diretto, possibilmente la prossima settimana. Ma intanto fonti europee osservano che “le cose si stanno calmando” e che “l’importante è cominciare a trattare” e “vedere i piani concreti”. Le parole di Tsipras danno l’idea che Atene abbia finalmente tolto dal tavolo l’ipotesi del taglio del debito. Che provocherebbe una reazione a catena negli altri paesi sotto troika, come Spagna, Irlanda, Portogallo o Cipro. Per il resto, molto si può fare. A cominciare dal togliere di mezzo proprio la troika. Lo stesso Juncker lo ha già detto: “Nella forma attuale non dovrebbe avere un futuro”. Al suo posto il presidente della Commissione propone una struttura parlamentare, con membri del parlamento Ue e nazionale, che valuti gli accordi tra governo greco e Ue. A piacere a Bruxelles è anche la promessa di Tsipras di “radicali riforme contro l’evasione fiscale, la corruzione e le politiche clientelari”. Il comunicato del premier arriva poche ore dopo che la stessa Angela Merkel, dalle pagine dell’Hamburger Abendblatt, esclude in prima persona un nuovo ‘haircut’. Quello già fatto, afferma, “è stata una volontaria rinuncia dei creditori privati, un nuovo taglio del debito non lo vedo”. Di fatto ribadisce quanto già detto nei giorni scorsi dal suo portavoce e dal ministro delle finanze, Wolfgang Schaeuble, e probabilmente ripetuto anche ieri sera nella cena con Francois Hollande, ospiti di Martin Schulz a Strasburgo. Oggi però, per la prima volta dal giorno della vittoria elettorale di Syriza riconferma che “l’obiettivo è, adesso come prima, che la Grecia resti membro dell’eurozona”. Poi torna a garantire la “solidarietà” europea alla Grecia e gli altri “paesi particolarmente colpiti dalla crisi”, ma solo se “intraprendono le riforme e le misure di risparmio”. Intanto anche la Bce chiarisce che potrebbe abbandonare Atene. Il vicepresidente Vitorino Constancio, in una conferenza a Cambridge, ricorda che l’Eurotower compra i titoli-spazzatura della Grecia grazie a una “deroga” che viene concessa proprio perché c’è un programma di salvataggio Ue/Fmi. Se un paese rinuncia a rispettarlo, “non bisogna sorprendersi se quella deroga viene cancellata”. E mentre il governo greco accelera la presa di contatto con le controparti (Varoufakis sarà già domani a Parigi per vedere Sapin, lunedì sarà a Londra e martedì a Roma, mentre Tsipras sarà ricevuto da Renzi) a Bruxelles si limano le previsioni economiche che saranno rese note giovedì prossimo. Che saranno il punto di partenza per arrivare al nuovo accordo con Atene. (di Marco Galdi/ANSA)

  • Filippo Parentini

    spero che la campagna elettorale di Tsipras non sia stata un bluff come è solito in Italia…..

    • lavoceditalia

      In campagna elettorale si promette di tutto…. poi bisogna fare i conti con la dura realtà!!!

Ultima ora

16:32Calcio: Ausilio stoppa voci Messi, “Basta illudere tifosi”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Moratti ha detto che Suning sta preparando un grande colpo? Trovare giocatori migliori di quelli che abbiamo non è facile, ma faremo il possibile per costruire un'Inter sempre più competitiva": così il ds dell'Inter, Piero Ausilio che però a 'Premium' stoppa ogni indiscrezione relativa a Leo Messi: "Non parlerei di lui, sarebbe un continuo illudere i tifosi: è vero che la proprietà è solida e ha grandi possibilità e ambizioni, ma ci sono dei parametri imposti dalla Uefa cui dobbiamo sempre tenere conto. Altri arrivi a fine gennaio? Noi pensiamo di avere una squadra a posto: sappiamo dove bisogna migliorare, ma non è possibile farlo nel mercato di gennaio. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto con Gagliardini. Quindi in entrata nessuna sorpresa, mentre faremo qualcosa in uscita". (ANSA)

16:30Israele: Rivlin invita Trump a Gerusalemme

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha invitato ufficialmente Donald Trump in Israele e a Gerusalemme. In una lettera inviata al neo capo della Casa Bianca, Rivlin si è congratulato a nome degli israeliani con Trump sottolineando che "l'alleanza tra Israele e Usa non è solo basata sull'amicizia, ma è anche incardinata in valori comuni e un lungo attaccamento alla libertà e alla democrazia: pietre fondanti delle nostre due società".

16:28Calcio: Allegri “Juventus ha vinto con rabbia e qualità”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "C'è stata responsabilità da parte di tutti, ma oltre alla fame e alla rabbia, la squadra ha anche giocato bene tecnicamente". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri dopo il 2-0 sulla Lazio. "Fame e qualità sono entrambe componenti fondamentali per vincere - spiega il tecnico a Premium - specialmente in Champions dove vogliamo fare bene. Il modulo? Mercoledì mattina mi sono svegliato e ho deciso di cambiare. Ho scelto così perché venivamo da una partita non bella a Firenze e oggi c'era la partita giusta per un esperimento del genere. Abbiamo regalato qualche ripartenza alla Lazio e da questo punto di vista bisogna migliorare: se vogliamo fare il salto per vincere il campionato e provarci in Champions, dovremo essere un pochino più spregiudicati. Le critiche nei miei confronti? Non sono mai esagerate, a volte sono giuste e a volte no. Ogni annata, nel calcio, è una storia a sé: non è che prendi i giocatori, li butti dentro e va tutto bene. Ci vuole tempo per assorbire i cambi".

16:25Rigopiano: 24 dispersi,anche senegalese

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - Sale a 24 il numero dei dispersi della tragedia dell'Hotel Rigopiano. All'interno della struttura c'era anche un immigrato senegalese Faye Dame in possesso di un permesso di soggiorno ed era regolarmente assunto. Lo hanno appurato gli investigatori, che confermano anche come l'immigrato fosse nella struttura al momento della tragedia: la sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti.

16:21Pd: Emiliano, se apre Congresso possibile che mi candidi

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Se qualcuno si prende la briga di aprire il Congresso è possibile che mi candido. Di certo non starò a guardare". Lo afferma il governatore della Puglia Michele Emiliano, ospite di 'Faccia a Faccia', in onda questa sera su La7. Emiliano spiega, inoltre, come anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore. Cosa ho imparato da segretario regionale? "Che da solo non si va da nessuno parte, mi auguro che questo sia compreso da tutto il Pd".

16:21Calcio: Higuain “noi niente dubbi, fatto la nostra gara”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Nessuna risposta, abbiamo fatto la nostra partita, sapevamo che era difficile, ad un orario difficile, contro una squadra che stava facendo bene. Abbiamo fatto di tutto per portarla a casa e per fortuna ci siamo riusciti". Gonzalo Higuain commenta così il successo della Juve in casa con la Lazio e tiene a distanza le critiche subite dai bianconeri dopo il ko con la Fiorentina. "Dubbi? no, a voi era venuto, noi siamo sempre stati convinti delle nostre cose, sapevamo di aver sbagliato - ha aggiunto l'argentino -. Oggi abbiamo trovato la soluzione e l'abbiamo dimostrato". Con un modulo inedito e una squadra tutta all'attacco: "La strada è che se giochiamo con questo modulo dobbiamo lavorare di più. Oggi l'abbiamo fatto e la Lazio non ha fatto nulla e abbiamo dimostrato che possiamo giocare con questo modulo".

16:20Terremoto: Finocchiaro, Gentiloni pronto a riferire

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è pronto a riferire in Parlamento sulle tragiche vicende di questi giorni". A confermarlo è la ministra per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro. "Tale disponibilità - aggiunge la ministra - sarà comunicata formalmente a breve ai presidenti di Camera e Senato".

Archivio Ultima ora