Tsipras ricuce con l’Ue, la Grecia pagherà i suoi debiti

Pubblicato il 31 gennaio 2015 da redazione

EU Parliament President Martin Schulz visits Athens

BRUXELLES. – La Grecia onorerà i suoi debiti e “non cerca il conflitto” con la Ue. Il suo nuovo governo “non ha mai avuto intenzione di agire unilateralmente sul debito” e vuole solo “tempo per respirare e creare un nostro programma di ripresa a medio termine”. Dopo lo scontro ad alta tensione di ieri tra il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem ed il ministro delle finanze Yanis Varoufakis,e l’ennesimo tracollo della borsa di Atene, è Alexis Tsipras a rassicurare direttamente l’Europa con un nota che non lascia dubbi sin dalle prime parole: “Il mio obbligo di rispettare il chiaro mandato ricevuto dal popolo greco di mettere fine alle politiche di austerità e tornare ad una agenda di crescita non implica in alcun modo che noi non rispetteremo i nostri obblighi sui prestiti verso la Bce ed il Fmi”. Poi il premier chiarisce che “le riflessioni con i partner europei sono appena cominciate”, ovvero che la Grecia è pronta a trattare e cerca un accordo “con benefici reciproci”. Così nei palazzi di Bruxelles si tira un sospiro di sollievo. Gli staff di Juncker e Tsipras sono al lavoro per trovare una data per un primo faccia a faccia diretto, possibilmente la prossima settimana. Ma intanto fonti europee osservano che “le cose si stanno calmando” e che “l’importante è cominciare a trattare” e “vedere i piani concreti”. Le parole di Tsipras danno l’idea che Atene abbia finalmente tolto dal tavolo l’ipotesi del taglio del debito. Che provocherebbe una reazione a catena negli altri paesi sotto troika, come Spagna, Irlanda, Portogallo o Cipro. Per il resto, molto si può fare. A cominciare dal togliere di mezzo proprio la troika. Lo stesso Juncker lo ha già detto: “Nella forma attuale non dovrebbe avere un futuro”. Al suo posto il presidente della Commissione propone una struttura parlamentare, con membri del parlamento Ue e nazionale, che valuti gli accordi tra governo greco e Ue. A piacere a Bruxelles è anche la promessa di Tsipras di “radicali riforme contro l’evasione fiscale, la corruzione e le politiche clientelari”. Il comunicato del premier arriva poche ore dopo che la stessa Angela Merkel, dalle pagine dell’Hamburger Abendblatt, esclude in prima persona un nuovo ‘haircut’. Quello già fatto, afferma, “è stata una volontaria rinuncia dei creditori privati, un nuovo taglio del debito non lo vedo”. Di fatto ribadisce quanto già detto nei giorni scorsi dal suo portavoce e dal ministro delle finanze, Wolfgang Schaeuble, e probabilmente ripetuto anche ieri sera nella cena con Francois Hollande, ospiti di Martin Schulz a Strasburgo. Oggi però, per la prima volta dal giorno della vittoria elettorale di Syriza riconferma che “l’obiettivo è, adesso come prima, che la Grecia resti membro dell’eurozona”. Poi torna a garantire la “solidarietà” europea alla Grecia e gli altri “paesi particolarmente colpiti dalla crisi”, ma solo se “intraprendono le riforme e le misure di risparmio”. Intanto anche la Bce chiarisce che potrebbe abbandonare Atene. Il vicepresidente Vitorino Constancio, in una conferenza a Cambridge, ricorda che l’Eurotower compra i titoli-spazzatura della Grecia grazie a una “deroga” che viene concessa proprio perché c’è un programma di salvataggio Ue/Fmi. Se un paese rinuncia a rispettarlo, “non bisogna sorprendersi se quella deroga viene cancellata”. E mentre il governo greco accelera la presa di contatto con le controparti (Varoufakis sarà già domani a Parigi per vedere Sapin, lunedì sarà a Londra e martedì a Roma, mentre Tsipras sarà ricevuto da Renzi) a Bruxelles si limano le previsioni economiche che saranno rese note giovedì prossimo. Che saranno il punto di partenza per arrivare al nuovo accordo con Atene. (di Marco Galdi/ANSA)

  • Filippo Parentini

    spero che la campagna elettorale di Tsipras non sia stata un bluff come è solito in Italia…..

    • lavoceditalia

      In campagna elettorale si promette di tutto…. poi bisogna fare i conti con la dura realtà!!!

Ultima ora

00:15Terremoto: Sarri, vittoria Napoli dedicata a gente Ischia

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Questa vittoria è dedicata alla popolazione di Ischia che purtroppo sta vivendo un momento molto difficile". E' il pensiero di Maurizio Sarri alla popolazione dell'isola colpita dal terremoto, dopo la qualificazione del Napoli alla fase a gironi della Champions League.

23:56Champions: Callejon, Napoli merita questo palcoscenico

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Tornare in Champions era quello che volevamo, il Napoli è una squadra che merita i grandi palcoscenici. Abbiamo sempre imposto il nostro calcio e penso che la qualificazione sia meritata". Josè Callejon, autore della prima rete con il Nizza, si gode così il successo sul campo dei francesi che vale la qualificazione alla fase a gironi della Champions.

23:54Champions: Favre, “Balotelli insufficiente”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "La prestazione di Balotelli? Preferirei non parlare di questo argomento. Quello che ha fatto stasera è totalmente insufficiente, deve fare di più di quello che ho visto stasera". Il tecnico del Nizza Lucien Favre boccia senza mezzi termini la prova di Supermario contro il Napoli. "Nel momento del sorteggio - aggiunge l'allenatore dei francesi eliminati dai partenopei -, avrei voluto qualsiasi altra squadra, anche più blasonata, ma non questo Napoli. Perché è davvero molto organizzata, gioca un grande calcio. Lo conoscevo, lo studio da tre anni: ha giocatori estremamente tecnici e anche rapidi. Potevamo fare poco".

23:52Champions: Insigne “Grande prova maturità, mai perso testa”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto una grande gara, giocando da squadra. Non era facile, ma noi siamo sempre rimasti uniti e non abbiamo mai perso la testa. Non sfigurerei nel Barcellona? Grazie, ma io voglio continuare a fare bene con questa maglia. Barcellona è il sogno di tutti, si sa, ma ora mi interessa giocare con questa maglia". Lorenzo Insigne si gode la serata e il gol che ha spinto il Napoli alla fase a gironi della Champions. "Abbiamo dato una grande prova di maturità, ma dobbiamo subito tornare concentrati per la sfida contro l'Atalanta - aggiunge -, che l'anno scorso ci ha messo in difficoltà. Noi non dobbiamo pensare di essere l'anti Juventus, dobbiamo solo pensare a fare il nostro campionato. Lo stesso discorso vale per la Champions: dobbiamo solo pensare a fare bene, poi chi meriterà di passare, passerà".

23:50Champions: gioia Sarri, giusto premio per questo Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto bene, questa è la nostra strada per arrivare a fare risultati. Mentre se ci mettiamo a gestire le partite andiamo in difficoltà. Penso che la Champions sia il giusto premio per un gruppo che l'anno scorso ha fatto 86 punti: non ricordo a memoria di una squadra che arriva a 86 punti e non gioca la Champions l'anno dopo". Maurizio Sarri non nasconde la gioia dopo il 2-0 a Nizza che porta il suo Napoli nella fase a gironi del torneo. "Questo è un gruppo che ha grandi valori morali - dice l'allenatore -, spirito di attaccamento alla maglia, non è stato necessario motivarli tanto: il merito è tutto loro. Stiamo cominciando a prendere coscienza dei limiti che abbiamo e solo così potremo colmarli: a volte rischiamo ancora di diventare leziosi, ma se riusciremo a mettere una pezza a queste piccole situazioni lo sapremo solo in futuro. Qualche difetto ce l'abbiamo ancora e non sarà facile colmare il gap con le grandi. Mercato? Se andrà via qualcuno, magari qualcuno arriverà: ora siamo al completo".

23:31Champions: Siviglia avanza alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Maribor, Siviglia e Olympiacos accedono alla fase a gironi della Champions League. Qualificato anche il Celtic. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Siviglia-Istanbul Basaksehir 2-2 (andata 2-1) Rijeka-Olympiacos 0-1 (andata 1-2) Maribor-Hapoel Beer Sheva 1-0 (andata 1-2) Astana-Celtic 4-3 (andata 0-5).

23:16Champions: 2-0 al Nizza, Napoli qualificato

(ANSA) - NIZZA, 22 AGO - Il Napoli batte il Nizza 2-0 (0-0) nella gara di ritorno dei playoff di Champions League e si qualifica alla fase a gironi. La squadra di Sarri ha dominato il match anche in trasferta chiudendo con lo stesso risultato dell'andata al San Paolo. Decidono le reti nella ripresa, al 2' con Callejon e il raddoppio al 43' con Insigne.

Archivio Ultima ora