Tsipras ricuce con l’Ue, la Grecia pagherà i suoi debiti

Pubblicato il 31 gennaio 2015 da redazione

EU Parliament President Martin Schulz visits Athens

BRUXELLES. – La Grecia onorerà i suoi debiti e “non cerca il conflitto” con la Ue. Il suo nuovo governo “non ha mai avuto intenzione di agire unilateralmente sul debito” e vuole solo “tempo per respirare e creare un nostro programma di ripresa a medio termine”. Dopo lo scontro ad alta tensione di ieri tra il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem ed il ministro delle finanze Yanis Varoufakis,e l’ennesimo tracollo della borsa di Atene, è Alexis Tsipras a rassicurare direttamente l’Europa con un nota che non lascia dubbi sin dalle prime parole: “Il mio obbligo di rispettare il chiaro mandato ricevuto dal popolo greco di mettere fine alle politiche di austerità e tornare ad una agenda di crescita non implica in alcun modo che noi non rispetteremo i nostri obblighi sui prestiti verso la Bce ed il Fmi”. Poi il premier chiarisce che “le riflessioni con i partner europei sono appena cominciate”, ovvero che la Grecia è pronta a trattare e cerca un accordo “con benefici reciproci”. Così nei palazzi di Bruxelles si tira un sospiro di sollievo. Gli staff di Juncker e Tsipras sono al lavoro per trovare una data per un primo faccia a faccia diretto, possibilmente la prossima settimana. Ma intanto fonti europee osservano che “le cose si stanno calmando” e che “l’importante è cominciare a trattare” e “vedere i piani concreti”. Le parole di Tsipras danno l’idea che Atene abbia finalmente tolto dal tavolo l’ipotesi del taglio del debito. Che provocherebbe una reazione a catena negli altri paesi sotto troika, come Spagna, Irlanda, Portogallo o Cipro. Per il resto, molto si può fare. A cominciare dal togliere di mezzo proprio la troika. Lo stesso Juncker lo ha già detto: “Nella forma attuale non dovrebbe avere un futuro”. Al suo posto il presidente della Commissione propone una struttura parlamentare, con membri del parlamento Ue e nazionale, che valuti gli accordi tra governo greco e Ue. A piacere a Bruxelles è anche la promessa di Tsipras di “radicali riforme contro l’evasione fiscale, la corruzione e le politiche clientelari”. Il comunicato del premier arriva poche ore dopo che la stessa Angela Merkel, dalle pagine dell’Hamburger Abendblatt, esclude in prima persona un nuovo ‘haircut’. Quello già fatto, afferma, “è stata una volontaria rinuncia dei creditori privati, un nuovo taglio del debito non lo vedo”. Di fatto ribadisce quanto già detto nei giorni scorsi dal suo portavoce e dal ministro delle finanze, Wolfgang Schaeuble, e probabilmente ripetuto anche ieri sera nella cena con Francois Hollande, ospiti di Martin Schulz a Strasburgo. Oggi però, per la prima volta dal giorno della vittoria elettorale di Syriza riconferma che “l’obiettivo è, adesso come prima, che la Grecia resti membro dell’eurozona”. Poi torna a garantire la “solidarietà” europea alla Grecia e gli altri “paesi particolarmente colpiti dalla crisi”, ma solo se “intraprendono le riforme e le misure di risparmio”. Intanto anche la Bce chiarisce che potrebbe abbandonare Atene. Il vicepresidente Vitorino Constancio, in una conferenza a Cambridge, ricorda che l’Eurotower compra i titoli-spazzatura della Grecia grazie a una “deroga” che viene concessa proprio perché c’è un programma di salvataggio Ue/Fmi. Se un paese rinuncia a rispettarlo, “non bisogna sorprendersi se quella deroga viene cancellata”. E mentre il governo greco accelera la presa di contatto con le controparti (Varoufakis sarà già domani a Parigi per vedere Sapin, lunedì sarà a Londra e martedì a Roma, mentre Tsipras sarà ricevuto da Renzi) a Bruxelles si limano le previsioni economiche che saranno rese note giovedì prossimo. Che saranno il punto di partenza per arrivare al nuovo accordo con Atene. (di Marco Galdi/ANSA)

  • Filippo Parentini

    spero che la campagna elettorale di Tsipras non sia stata un bluff come è solito in Italia…..

    • lavoceditalia

      In campagna elettorale si promette di tutto…. poi bisogna fare i conti con la dura realtà!!!

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora