Tsipras disarma la polizia alle manifestazioni

Pubblicato il 02 febbraio 2015 da redazione

polizia greca

ATENE. – L’iniziativa del nuovo governo greco guidato dal premier Alexis Tsipras di disarmare la polizia antisommossa sta provocando “confusione e incertezza” fra gli agenti preposti a mantenere l’ordine pubblico i quali – solo nell’ultimo decennio – hanno rischiato moltissime volte la vita nei violenti scontri di piazza avvenuti ad Atene in occasione di proteste e scioperi. Come ha confermato il viceministro greco dell’Ordine pubblico e per la Protezione del cittadino Yannis Panousis, “il ruolo della polizia nelle manifestazioni deve cambiare e l’uso delle armi da fuoco va evitato, se non in casi estremi”. La dichiarazione di Panousis è venuta dopo che sabato scorso, per la prima volta da anni, una manifestazione anti-razzista non ha visto la pressante presenza della polizia, né cariche contro i dimostranti. La decisione di Panousis di togliere le pistole alla polizia antisommossa è stata presa inizialmente con scetticismo. Ma dopo le manifestazioni di sabato ad Atene che si sono svolte senza violenze, gli agenti hanno fatto sapere di sentirsi “confusi e incerti”. Sabato scorso iscritti e simpatizzanti del partito filo-nazista Chrysi Avghì (Alba Dorata) hanno organizzato una manifestazione in memoria dei tre elicotteristi greci periti nel 1996 sull’isoletta di Imia nel corso di un confronto armato con le forze armate turche. Gli uomini della polizia anti-sommossa sono stati dispiegati senza armi da fuoco e hanno ricevuto l’ordine di tenersi a debita distanza dai dimostranti. Questo sviluppo sembra aver confuso anche i manifestanti che – invece di avere uno scontro fisico con gli agenti, che forse cercavano – hanno avuto la possibilità di imbrattare con graffiti i veicoli della polizia allineati lungo i marciapiedi e scattare anche foto. Da parte loro, i poliziotti si sono lamentati dei graffiti ritenendoli atti di “vandalismo” contro i quali non è stato permesso reagire. Testimoni hanno confermato che la polizia non aveva armi in vista. Panousis ha spiegato anche di attendersi che la polizia faccia sempre meno uso dei gas lacrimogeni durante le manifestazioni di protesta. “Quei tempi – ha detto – dovrebbero essere finiti. Per arrivare a usare spray chimici, significa che la situazione ha raggiunto un livello estremo e i dimostranti usano altri tipi di armi, come pezzi di marmo o altro. Ma le sostanze chimiche non si devono usare contro i maestri in sciopero o i pensionati”. Il vice ministro ha infine reso noto che il nuovo governo intende ridurre di almeno 2.000 unità il numero dei poliziotti attualmente in servizio come guardie del corpo di persone considerate “molto importanti” (i Vip) e riaffidarli ai loro precedenti incarichi.

Ultima ora

15:46Tav:rapporti con recluso No Tav,ricorso contro licenziamento

(ANSA) - TORINO, 25 MAG - Una educatrice torinese di una cooperativa che opera nella casa circondariale 'Lorusso e Cutugno' è stata sospesa dall'incarico per avere intrattenuto rapporti con alcuni attivisti nell'area anarco-insurrezionalista e per aver pubblicato su Facebook foto di alcuni No Tav arrestati in segno di solidarietà. Il legale, l'avvocato Roberto Lamacchia, ha chiesto ai giudici del Tar la revoca del divieto di lavorare nel carcere delle Vallette. "Per tre anni lei ha svolto la sua attività nel padiglione dei tossicodipendenti, che nulla hanno a che fare con il Movimento No Tav, e l'ha fatto con buoni risultati - ha spiegato il legale - Tutto questo non determina l'esistenza di ragioni di sicurezza tali da allontanarla dal carcere". "Voglio riavere il mio lavoro - commenta Angela - Non mi è stato nemmeno permesso di salutare i ragazzi che seguivo". Alcuni autonomi hanno organizzato un presidio di solidarietà davanti agli uffici del Tar.

15:29M5s: La Rocca, se rinviata a giudizio non mi ricandido

(ANSA) - PALERMO, 24 MAG - "Se sarò rinviata a giudizio non mi ricandiderò alle regionali, come ho già annunciato nei giorni scorsi". Lo dice Claudia La Rocca, deputata dei 5stelle che si è auto-sospesa dopo avere ricevuto l'avviso di garanzia nell'inchiesta firme false della Procura di Palermo con la quale ha collaborato ammettendo di essere stata presente nel giorno della ricopiatura degli autografi di chi aveva firmato a sostegno della lista per le comunali del 2012.

15:27Manchester: Bonino, dobbiamo resistere culturalmente

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Attentato a Manchester? La sicurezza al 100% rispetto ai lupi solitari è impossibile. Ci saranno stati sicuramente degli errori nella prevenzione. Non dobbiamo cedere alla paura. Non dobbiamo dargliela vinta. Dobbiamo resistere culturalmente". Queste le parole di Emma Bonino presente stamani all'Università Statale di Milano.

15:22L.elettorale: Gelmini, nessun inciucio ma accelerazione urne

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Nessun Nazareno bis, nessun inciucio. Silvio Berlusconi con Forza Italia è impegnato a garantire una legge elettorale in grado di portare rapidamente gli italiani alle urne. Il centrodestra non ha bisogno di continui distinguo ma di una forte azione comune che racconti agli italiani qual è il Paese che vogliamo costruire". Così Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera.

15:21Boldrini, bene Confindustria su coesione e crescita

(ANSA) - ROMA, 24 MAY - "Ho trovato molto interessante l'accento posto sulla coesione e sulla crescita, così come mi è piaciuta l'insistenza sull'importanza di investire di più sui giovani". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini a margine dell'Assemblea di Confindustria. "Ho anche trovato importante la sottolineatura sulla necessità di rafforzare una casa comune in Europa per le aziende, che se non saranno capaci di stare insieme non avranno uno spazio in futuro", aggiunge.

15:18Calcio: serie B, una giornata a Vignali

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Una giornata di squalifica a Vignali dello Spezia, espulso per doppia ammonizione nel primo turno dei playoff di Serie B. Il giocatore sconterà la squalifica nella prossima stagione, essendo stata la squadra ligure eliminata dal Benevento.

15:18Vaccini: Rosato, non c’era altra strada che obbligo

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "I vaccini sono farmaci efficaci e sicuri. Hanno permesso di sconfiggere malattie terribili di cui ormai non abbiamo più memoria, come il vaiolo cancellato dalla faccia della Terra solo alcuni decenni fa. Di altre malattie infettive abbiamo sentito parlare ma non le avvertiamo più come una minaccia, anche se circolano ancora nell'Europa dell'Est. Per anni siamo stati protetti dal progresso della scienza ma ultimamente c'è stata un'inversione di rotta, ingiustificata". Lo scrive il capogruppo del Pd alla Camera Ettore Rosato in un post su Facebook rispondendo alle preoccupazioni per l'obbligo delle vaccinazioni. "Il calo delle vaccinazioni, rispetto ad altri Paesi europei, è diventato preoccupante. Gli italiani si vaccinano sempre meno contro la poliomielite, il tetano, la difterite, la rosolia, il morbillo, con un trend in discesa. Occorreva invertire la tendenza prima che fosse troppo tardi. Per affrontare questa emergenza non c'era altra strada che rendere obbligatorie le vaccinazioni".

Archivio Ultima ora