Nuovo orrore dell’Isis, arso vivo il pilota giordano

Pubblicato il 03 febbraio 2015 da redazione

isis
NEW YORK. – Raggiungendo una nuova vetta di atrocità e barbarie, lo Stato islamico ha annunciato e mostrato la morte del pilota giordano che aveva catturato in Siria alla vigilia di Natale: lo ha chiuso in una gabbia, lo ha cosparso di benzina, e lo ha dato alle fiamme, vivo. E poi ha diffuso il video di rito, di ben 22 minuti e 34 secondi; proprio mentre re Abdallah di Giordania si trovava negli Usa. Il sovrano ha immediatamente deciso di interrompere la visita, ma prima di ripartire per Amman comunque trovato spazio per un incontro con il presidente Barack Obama. Stavolta il filmato è del tutto diverso da quelli con cui sono state annunciate le decapitazioni dei giornalisti e dei cooperanti occidentali e giapponesi: questa volta il condannato è un militare, un nemico dichiarato, che nel delirio degli emiri dell’Isis meritava evidentemente una morte ‘esemplare’, che desse il chiaro senso della vendetta, e che fosse anche di monito agli altri militari della coalizione guidata dagli Usa. Questa volta non c’è l’ormai famigerato ‘Jihad John’, il boia vestito di nero dal forte accento britannico. Questa volta, il carnefice è un jihadista in tuta militare, un “emiro di una regione dello Stato islamico colpita” dai bombardamenti, come afferma una voce fuori campo. Colpita da bombardamenti come quelli che andava a compiere il tenente Muaz Kassasbe quando il 24 dicembre il suo F-16 è precipitato viciano a Raqqa, capitale dello Stato Islamico. Quel giorno, i jihadisti dell’ Isis mostrarono al mondo l’umiliazione del tenente Kassasbe, mentre veniva recuperato da un bacino d’acqua, nudo dalla cintola in giù e affermarono che il suo caccia era stato abbattuto da uno dei loro missili. Circostanza che il Pentagono ha poi smentito, affermando che il velivolo aveva invece avuto problemi tecnici. Nelle immagini si vede in una prima parte il pilota che indossa la tuta arancione come quelle del carcere di Guantanamo e degli altri prigionieri dell’Isis messi a morte. Ha un vistoso ematoma sotto l’occhio destro e pronuncia una sorta di monologo, spiegando vari aspetti della campagna anti-Isis. Mentre parla, si alternano immagini di siti bombardati dalla coalizione. Poi, lo si vede chiuso in una gabbia. E’ poco più alta della sua statura. Kassasbe è in piedi, con le mani sul volto. L’emiro dà fuoco ad una striscia di benzina. Le fiamme raggiungono la gabbia, la circondano, e infine avvolgono il corpo del pilota. Nelle ultime immagini, un bulldozer ricopre il suo corpo di macerie, come le vittime dei bombardamenti mostrate poco prima. Per i giordani il tenente Kassabe, che aveva 26 anni e apparteneva ad un’influente tribù, era un eroe, anche se l’impegno della Giordania nella coalizione anti-Isis non è particolarmente popolare. Anche per questo, Amman aveva deciso di trattare con l’Isis, sperando di poterlo riportare a casa. Aveva accettato di scambiarlo con una terrorista irachena, Sajida al-Rishawi, condannata a morte in Giordania perché coinvolta negli attentati ad una serie di alberghi ad Amman in cui morirono una sessantina di persone. L’Isis voleva la sua liberazione: in cambio avrebbe rilasciato il reporter giapponese Kenji Goto e risparmiato la vita a Kassasbe. Lo avrebbe ‘risparmiato’, ma non liberato. E aveva fissato un ultimatum. Ma la Giordania aveva chiesto una ‘prova in vita’ del tenente, che non è mai arrivata. Così il termine fissato è scaduto, Goto è stato decapitato e ora è arrivato anche il video della atroce morte del pilota. La prova richiesta da Amman, d’altra parte, non sarebbe potuta arrivare: secondo la tv giordana, infatti, il pilota è stato messo a morte oltre un mese fa, il 3 gennaio. Prima di ripartire per Amman, re Abdallah ha registrato un vide messaggio per il suo popolo, affermando che Kassasbe era “un eroe”, “che ha dato la vita per difendere la sua fede, il Paese e la Nazione”, mentre la sua uccisione è un atto di “codardia da parte di un gruppo che non ha alcuna relazione con l’Islam”, Ora, ha detto il sovrano che discende dal profeta Maometto, “è dovere di tutti i giordani rimanere uniti”. Obama invece ha tuonato contro la “brutalità” dell’Isis, che “rafforza la nostra determinazione” a sconfiggerlo. E intanto, da Amman fonti governative giordane hanno fatto sapere che il re avrebbe già scelto la risposta da dare ai jihadisti: nel giro di poche ore, forse all’alba di domani, sarà messa a morte la terrorista irachena Sajida Rishawi assieme ad altri cinque condannati. (di Stefano de Paolis/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora