Renzi pensa ad un ministero per il Mezzogiorno e prepara un tour nelle città del Sud

Pubblicato il 04 febbraio 2015 da redazione

riforme

ROMA. – Il salto è netto. E arriva alla Prima Repubblica. Porta a lì l’idea del presidente del Consiglio, Matteo Renzi di allargare il ministero per gli Affari regionali e di trasformarlo in un ministero per il Mezzogiorno. Porta ad un periodo storico in cui fu ‘messo’ il tassello meridionale del miracolo italiano, poco più di 60 anni fa, anni del governo De Gasperi. E porta ad una volontà: quella di rendere il Mezzogiorno quanto mai centrale. Potrebbe essere una donna a reggere le redini del neo ministero, dopo le dimissioni di Maria Carmela Lanzetta da ministro degli Affari regionali. E il dicastero potrebbe anche occuparsi della gestione dei fondi europei. Non solo. Dovrebbe anche riprendere presto il tour di Renzi in diverse città del Sud, forse a cominciare da Melfi. Una idea, quella del premier su un ministero ad hoc, che porta inevitabilmente a ripercorrere la lunga la storia della ‘centralità’ del Sud nei programmi di Governo: con la Cassa del Mezzogiorno, prima; l’Agensud, dopo. E con l’Iri. Con i miliardi delle vecchie lire spesi in interventi che hanno cambiato il volto del Sud; con altrettanti miliardi sprecati. Anche Silvio Berlusconi ed il suo allora ministro dell’Economia Giulio Tremonti furono tentati dall’idea di dare nuova centralità alla questione meridionale. Con un piano e con una banca del Mezzogiorno che aveva la sua ‘filosofia’ nel lasciare i soldi a Sud, grazie al radicamento sul territorio delle banche di credito cooperativo e che poi, però, è finita con l’occuparsi principalmente di prestiti ai dipendenti delle Poste. Tentativi più o meno abortiti a parte, è nella Prima Repubblica che il rilancio del Mezzogiorno diventa l’asset principale, con quella Cassa del Mezzogiorno che nacque, da un’idea del meridionalista Pasquale Saraceno, con la legge 646 del 1950: intervento straordinario voluto dal governo di Alcide De Gasperi per modernizzare un Sud che era rimasto pericolosamente indietro. Trentaquattro anni molto controversi, quelli della Casmez. Nelle intenzioni, l’ente intendeva ricalcare le agenzie di sviluppo locale avviate negli Stati Uniti d’America durante il New Deal. Fu così che l’acqua arrivò in molte case, furono realizzate fogne, ponti, bonifiche. Ma ci fu anche il grosso ‘affare’ delle partecipazioni statali e delle cosiddette ‘cattedrali nel deserto’. Nel 1984 fu il governo di Bettino Craxi a deciderne la soppressione. Arrivò l’Agensud, che durò ancora fino al 1992. E a questa data l’investimento complessivo per il sud e’ da capogiro: 279.763 miliardi di lire, vale a dire 140 miliardi di euro. E proprio fino al 1992 che il ministero per il Mezzogiorno è esistito, quando fu unificato nel ministero del Bilancio sotto il governo Amato. Il suo potere fu grande nella seconda metà degli anni ’80, grazie alla legge 64/86 che stanziava 120mila miliardi di lire, di allora. Le lotte di potere, la burocraticità, i pochi risultati ne portarono alla cancellazione che, insieme a una radicale riforma di tutto il sistema degli incentivi, servì anche ad impedire che si procedesse al referendum di abolizione della legge per il Mezzogiorno, voluto dalla Lega: un referendum che, comunque andasse, avrebbe spaccato il paese tra nord e sud. (di Patrizia Sessa/ANSA)

Ultima ora

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

09:57Birmania: Msf, almeno 6.700 Rohingya uccisi in un mese

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Almeno 6.700 Rohingya, inclusi 730 bambini sotto ai 5 anni, sono stati uccisi tra agosto e settembre scorsi in Birmania: lo denuncia Medici senza Frontiere (Msf) in uno studio pubblicato online. Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime, scrive la Bbc, la maggior parte indicate come "terroristi islamici". Dalle violenze di agosto sono oltre 645.000 i Rohingya fuggiti in Bangladesh, afferma Msf. La maggior parte delle vittime, stima Msf, sono state uccise da colpi di arma da fuoco, molte altre bruciate vive nelle proprie case date alle fiamme o picchiate a morte. "I numeri sono sottostimati, non abbiamo monitorato tutti i campi rifugiati", spiega Msf, che ha raccolto testimonianze tra i Rohingya fuggiti in Bangladesh: "Abbiamo resoconti su intere famiglie bloccate nelle case poi date alle fiamme". Sulla base dei dati esaminati, Msf stima che le vittime nel mese di agosto possano superare le 13.000 persone.

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

Archivio Ultima ora