Ad Amman impiccati due terroristi di Al Qaida

Pubblicato il 04 febbraio 2015 da redazione

La terrorista Sajida al-Rishawi e Muadh al-Kassasbe, il pilo

AMMAN/BEIRUT. -Lo shock ha lasciato il posto alla rabbia e alla vendetta. Dopo le agghiaccianti immagini diffuse ieri dall’Isis del pilota giordano bruciato vivo, ad Amman sono stati impiccati all’alba di oggi due terroristi di Al Qaida, tra i quali la donna della quale l’Isis aveva chiesto il rilascio promettendo la liberazione dell’ostaggio. Mentre la società giordana, che nei mesi scorsi era parsa divisa sulla partecipazione alla Coalizione internazionale a guida americana, sembra ora fare quadrato intorno al re Abdallah, intenzionato più che mai a continuare i raid contro lo Stato islamico in Siria: tanto che in serata caccia giordani, secondo fonti vicine ai Peshmerga curdi, hanno massicciamente bombardato Mosul, la ‘capitale’ del Califfato in Iraq, uccidendo 55 membri dell’Isis, tra cui un loro leader, Abu-Obida Al-Tunisian. Anche Ahmed al Tayyeb, l’imam dell’università Al Azhar del Cairo, il centro teologico più importante dell’Islam sunnita, ha espresso tutta la sua ira contro i responsabili dell’uccisione del pilota ventiseienne Muaz al Kassesbeh, arrivando ad affermare che i jihadisti dovrebbero essere “crocifissi” e mutilati, e definendo lo Stato islamico “un’organizzazione terroristica satanica”. Durissima anche la reazione dell’Unione europea, che però prende nettamente le distanze dalle esecuzioni compiute stamane per rappresaglia dei due militanti iracheni di al Qaida già condannati a morte: una donna, Sajida al-Rishawi, riconosciuta come membro di un commando che nel 2005 si rese responsabile di tre attentati in grandi alberghi di Amman uccidendo 60 persone, e Ziad al Karbuli, condannato nel 2008 per aver pianificato attacchi contro cittadini giordani in Iraq. “Mentre devono essere fatti tutti gli sforzi per combattere il terrorismo e far pagare le conseguenze ai responsabili, la nostra reazione alla minaccia posta dal Daesh (lo Stato islamico nell’acronimo in arabo) deve essere in linea con i nostri valori comuni di giustizia e diritti dei prigionieri”, ha affermato l’alto rappresentante per la politica estera dell’Ue, Federica Mogherini. “La posizione europea contro la pena capitale resta invariata”, ha aggiunto. Una posizione ben diversa quella espressa dai giordani che oggi, a Karak, città natale di Kassasbeh, hanno manifestato nelle strade chiedendo “vendetta” e gridando slogan di sostegno al re Abdallah. Come quella, ovviamente, del padre del pilota ucciso. “Chiedo al governo di vendicare il sangue di mio figlio e la dignità del nostro Paese”, ha affermato Safi al Kassasbeh, chiedendo inoltre alla Coalizione internazionale di portare a termine la sua missione di “distruggere” lo Stato islamico. L’Isis, intanto, ha continuato oggi nella sua linea di sfida, proiettando in pubblico a Raqqa, in Siria, il video della messa a morte del pilota giordano, e poi montando una sequenza nella quale mostra la “gioia” del pubblico presente, tra i quali anche un ragazzo. A riferirlo è stato il Site, il sito che monitora gli account jihadisti. E proprio Raqqa è la città dove si presume che Muaz Kassasbe sia stato bruciato vivo. Dure condanne dell’atroce esecuzione sono arrivate oggi dai governi dei più importanti Paesi islamici. Il primo ministro iracheno, Haidar al Abadi, ha affermato che, come risposta, occorre lanciare ancor più “duri raid contro il gruppo terrorista”. Ma allo stesso tempo il New York Times, citando fonti dell’amministrazione Obama, ha rivelato che gli Emirati Arabi Uniti, alleato chiave degli Stati Uniti nella Coalizione anti-Isis, hanno sospeso la partecipazione ai raid aerei già dallo scorso dicembre, proprio per il timore per la sorte dei propri piloti dopo la cattura di Kassasbeh. Da parte sua la Siria ha parlato di “orrendo crimine” e l’Iran di “disumana uccisione”. Anche il premier giapponese Shinzo Abe ha espresso “profonda indignazione” per l’uccisione “disumana e spregevole” del pilota. Nei giorni scorsi Tokyo aveva chiesto il sostegno di Amman per tentare di liberare i giapponesi in ostaggio dell’Isis, Haruna Yukawa e Kenji Goto, poi uccisi. Mentre il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato al re giordano un messaggio nel quale ha espresso “orrore” per la “barbara uccisione”, esortando a “rafforzare l’unità per battere il terrore”. Condoglianze ad Amman anche dal primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, che ha colto l’occasione per tornare a lanciare i suoi strali polemici contro l’Iran. “L’Isis brucia la gente viva mentre l’Iran la impicca nella pubblica piazza”, ha affermato il premier, aggiungendo che “entrambi sono motivati da un Islam estremista la cui crudeltà non conosce limiti”. Ma “il pericolo maggiore – ha avvertito – sarebbe se questo estremismo fosse appoggiato da armi nucleari”. (di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora