Orrore ad Acapulco, 61 corpi in un crematorio abbandonato

Pubblicato il 06 febbraio 2015 da redazione

Messico: in crematorio tra corpi anche donne e adolescenti

CITTA’ DEL MESSICO. – Ancora notizie dal fronte dell’orrore in Messico. Sessantun cadaveri sono stati trovati in un crematorio abbandonato di Acapulco, a circa 200 chilometri da Iguala, dove il 26 settembre sono scomparsi 43 studenti. In un paese che sta ancora cercando di capire quale sia stata la fine dei ragazzi e chi siano i loro carnefici, il ritrovamento dei 61 corpi, alcuni dei quali di donne e adolescenti, ha quindi avuto un forte impatto, in particolare nello stato di Guerrero, tra le regioni più povere e con una forte e devastante presenza del narcotraffico. Sia Acapulco sia Iguala si trovano appunto nello stato di Guerrero, molto vicine una dall’altra, appena 200 chilometri: almeno dal punto di vista geografico quindi le due storie sembrano intrecciarsi. Su quanto sia successo al ‘Crematorio del Pacifico’ di Acapulco le autorità per ora tacciono. A capire che c’era qualcosa che non andava sono stati i vicini del quartiere, che hanno riferito di un “insopportabile odore” proveniente dal luogo. Le forze della sicurezza e la squadra di medici legali giunti sul posto hanno trovato i primi cadaveri e poi, proseguendo le ricerche in varie zone del crematorio, sono arrivati a recuperarne 61. Non si esclude però che il bilancio finale possa essere ancora più grave: secondo alcuni media, i cadaveri potrebbero essere anche un centinaio. Nel corso della giornata, sono via via emersi dettagli sul macabro ritrovamento. Molti dei corpi erano in forte stato di decomposizione ed erano nudi avvolti in lenzuola bianche e coperti di calce. Altri sono invece stati trovati vestiti, alcuni sono mutilati. Altro dato considerato importante dagli investigatori: a quanto pare, alcuni corpi sono stati abbandonati non molto tempo fa, altri invece da molti mesi. Il crematorio funzionava in altre parole come una sorta di discarica di cadaveri. In un momento di grande difficoltà per il presidente Peña Nieto, il Messico deve quindi da oggi fare i conti con le due tragedie, Iguala e, appunto, Acapulco, un paradiso di spiagge e sole, la più nota delle località turistiche della costa pacifica messicana, ma ormai da tempo terra di narcos, uccisioni e violenza. Secondo la testimonianza di alcune delle persone arrestate nell’inchiesta sugli studenti, i ragazzi sono stati uccisi e i loro corpi bruciati e abbandonati vicino ad Iguala. Proprio ieri, migliaia di persone hanno dato vita ad una protesta per l’ennesima volta lungo l’autostrada tra Acapulco e Città del Messico, contestando le versioni ufficiali del governo sul caso Iguala. Del quale si è d’altra parte parlato anche presso l’Europarlamento di Bruxelles, dove alcuni dei genitori dei ragazzi ‘desaparecidos’ hanno chiesto al governi “giustizia. Vogliamo ritrovare – hanno sostenuto – i nostri figli”.

Ultima ora

16:16Politici spiati: pm, oltre 3,5 milioni mail carpite

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Oltre tre milioni e mezzo di mail carpite e seimila persone spiate dal 2004. Questi i numeri della nuova inchiesta a carico dei fratelli Giulio e Francesca Maria Occhionero, già a processo con l'accusa di aver avviato un'attività di cyber spionaggio su larga scala, ai quali adesso la Procura contesta anche l'accusa di spionaggio politico. I numeri dell'attività svolta dai due fratelli romani, sono stati resi noti oggi dal pm Eugenio Albamonte, nel corso dell'udienza del processo. I dati sono emersi dal lavoro svolto dagli specialisti Cnaipic che, grazie anche alla collaborazione dell'Fbi, sono riusciti a "sbloccare" i server americani dei due indagati e a ricostruire la rete creata su almeno 9 pc riconducibili agli Occhionero.

15:42Calcio: Gattuso, Donnarumma? Lo vedo sereno

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Ora non c'è alcun problema da parte mia, Fassone e Mirabelli parleranno se ci sono problemi". Così Rino Gattuso su Gigi Donnarumma, che ha inviato al Milan un documento in cui sostiene di aver subito pressioni psicologiche per firmare il contratto. "Io non tocco con mano problemi con Gigio, ci parlo ogni giorno, lo vedo tranquillo - ha detto il tecnico del Milan al canale tematico rossonero a Milan tv -. Non l'ho mai sentito dire che saranno le ultime partite. Sta là e gli brucia se non arrivano i risultati. Dopo Benevento era molto triste, il gol al 96' gli brucia".

15:40Milan: Gattuso “Var ci voleva, non ti fa pensare male”

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "La Var è uno strumento importante, non ti fa pensare male, in ogni caso. Nel calcio ci voleva". Rino Gattuso plaude all'utilizzo del video assistente dell'arbitro, anche se non è stato utilizzato per verificare l'espulsione di Alessio Romagnoli, che due settimane fa a Benevento ha lasciato il Milan in 10. "Si poteva usare a Benevento per evitare l'espulsione di Romagnoli. E' vero che è entrato duro in scivolata, ma l'avversario non è stato toccato. La Var si poteva usare, ma siamo stati zitti, non abbiamo fatto polemica", ha sottolineato l'allenatore del Milan, intervistato dal canale tematico del club, alla vigilia della sfida di coppa Italia contro il Verona, all'indomani delle vibranti proteste della Lazio per alcuni episodi nella partita con il Torino.

15:33Basket: Lotti premia campioni Fisdir

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I campioni del Basket Fisdir premiati dal ministro per lo Spor, Luca Lotti. Nella sala Monumentale della Presidenza del Consiglio dei Ministri a Roma giornata di festa in onore della nazionale di Basket della Federazione italiana sport paralimpici degli intellettivo relazionali, reduce dal successo della prima edizione della Competizione Internazionale disputata in Portogallo. Intervenuti alla premiazione anche il n.1 del Comitato Paralimpico, Luca Pancalli, il presidente della Fisdir Marco Borzacchini e il capo della Lega Basket Egidio Bianchi. "Lo sport riesce a dare sempre sensazioni importanti - ha rilevato Lotti - come quelle che ci avete regalato voi vincendo questo campionato internazionale. Tutta l'Italia vi dice grazie perché avete tenuto alta, e avete onorato, la bandiera azzurra". Pancalli ha sottolineando che "siamo tutti presenti per ringraziarvi per quello che avete fatto, avete onorato la maglia azzurra come i grandi atleti. Spero il vostro esempio sia sempre più contagioso per tanti ragazzi".

15:33Basket: Brescia, Fall fuori per 10 settimane

(ANSA) - BRESCIA, 12 DIC - Pesante tegola per la Germani basket Brescia, capolista del massimo campionato di basket: gli esami strumentali, ai quali è stato sottoposto Abdel Fall, hanno evidenziato una lesione completa del legamento scafo-lunato del polso sinistro. Per questo motivo il giocatore sarà sottoposto a un intervento chirurgico finalizzato a ricostruire e suturare il legamento e restaurare la stabilità del polso. I tempi di recupero sono stimabili intorno alle 10 settimane. La società annuncia che tornerà sul mercato.

15:27Papa: 5 anni Twitter, ‘grazie follower’

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 12 DIC - "Grazie a tutti voi che seguite @Pontifex che oggi compie cinque anni. Le reti sociali siano luoghi ricchi di umanità!". Lo afferma oggi papa Francesco in un nuovo tweet, nel giorno del quinto anniversario dell'apertura dell'account Twitter @Pontifex in nove lingue, aperto il 12 dicembre del 2012 da papa Benedetto XVI.

15:25Figc: Lotti, impasse calcio? Fatto nostra parte

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Spetta alla Lega A scegliere i propri vertici, è uno dei problemi del calcio. C'è chi ha scritto che tutto è finito con le dimissioni di Tavecchio, ma non è così. Noi abbiamo sempre detto che esiste un problema molto più ampio nel calcio che riguarda i diritti tv, gli stadi e la governance. Sui diritti e sugli stadi noi abbiamo fatto la nostra parte, ma la governance spetta ad altri". Così il ministro per lo Sport, Luca Lotti, a margine dell'incontro con la nazionale di basket Fisdir alla Sala Monumentale della presidenza del Consiglio dei Ministri. "Mi auguro che veramente i presidenti di serie A riescano finalmente a dotarsi di una governance", l'auspicio di Lotti.

Archivio Ultima ora