Isis, americana in ostaggio uccisa dalle bombe giordane

Pubblicato il 06 febbraio 2015 da redazione

Foto esercito giordano da sito ufficiale esercito (www.jaf.m

NEW YORK. – Con una nuova mossa a sorpresa, lo Stato islamico ha annunciato la morte della donna americana che teneva in ostaggio, una cooperante. Ne ha per la prima volta rivelato anche il nome, Kayla Jean Mueller, fornendone anche l’indirizzo in Arizona. Ma stavolta non ne ha rivendicato la responsabilità: la colpa, ha affermato, è della “fallita aviazione giordana”, che ha bombardato l’edifico dove era tenuta prigioniera, a Raqqa, nel Nord della Siria, ‘capitale’ dello Stato islamico. E soprattutto, questa volta non ne ha mostrato il corpo senza vita, e di certo non per pudore. Tanto che il Pentagono ha fatto sapere che “non ci sono prove” che la donna sia morta, mentre la Giordania ha sua volta affermato che si tratta di una trovata che ha a che fare con “la propaganda criminale” dello Stato islamico. Anche diversi analisti parlano di un possibile ‘colpo di teatro’ che sarebbe utile per l’Isis sotto diversi aspetti. Intanto, così i tagliagole dello Stato islamico potrebbero essersi liberati dal dubbio se mettere una donna a morte in maniera cruenta o meno. L’Isis ha in effetti già ucciso delle donne musulmane, ma mai ostaggi femminili, occidentali, e tantomeno ‘in diretta video’. Farlo, a parere degli esperti, potrebbe segnare una svolta radicale anche per un gruppo che ha fatto affidamento sulla propaganda sanguinosa per reclutare nuovi adepti. E addossando per una volta la colpa ad altri, i jihadisti potrebbero aver trovato anche un modo per fare un nuovo colpo ‘mediatico’ dopo la serie di decapitazioni e la scioccante esecuzione del pilota giordano Muath al Kassasbe, bruciato vivo in una gabbia. Del resto, anche i toni del proclama questa volta appaiono diversi. “La coalizione di criminali crociati ha bombardato oggi un sito alle porte della città di Raqqa, mentre i fedeli erano impegnati nella preghiera del venerdì”, hanno affermato i jihadisti, come a denunciare che i giordani uccidono i musulmani nel loro momento più sacro. “Gli assalti aerei sono continuati per oltre un’ora contro lo stesso luogo”. E alla fine il risultato è stato che “la fallita aviazione giordana ha ucciso un’americana tenuta in ostaggio”, mentre “nessun mujahid (combattente) è rimasto ferito nel bombardamento e tutto il merito è dovuto ad Allah”. A ‘corredo’, invece del video del cadavere, questa volta ci sono tre foto dell’edificio raso al suolo dove presumibilmente veniva detenuta Kayla Mueller, che aveva 26 anni ed era scomparsa nell’agosto del 2013 dopo essere entrata in auto in Siria assieme al suo ragazzo siriano. Nel mirino della propaganda c’è chiaramente la Giordania, dopo che proprio oggi Amman ha annunciato l’avvio della ‘Operazione martire Muath’, ovvero la rappresaglia contro l’Isis lanciata dall’aviazione giordana per la barbara uccisione del pilota al Kassasbe. In poche ore “decine di caccia” hanno centrato e “distrutto” postazioni jihadiste, hanno fatto sapere le forze armate giordane, senza precisare dove. “Pagheranno per ogni capello di Muath”, hanno tuonato, “li colpiremo ovunque”. Di certo gli obiettivi colpiti dai piloti giordani sono stati concordati anche con gli Stati Uniti, i cui caccia di prassi accompagnano quelli degli altri Paesi della coalizione nei loro raid. Un alto funzionario della difesa Usa ha inoltre riferito al New York Times che i luoghi presi di mira vengono valutati con la massima attenzione e qualora ci sia anche una minima indicazione che uno degli ostaggi potrebbe essere nei paraggi, il sito viene depennato dalla lista. Allo stesso tempo, la fonte ha sottolineato che, senza prove, l’annuncio della morte dell’ostaggio potrebbe essere solo un bluff per indurre gli americani, i giordani e gli altri Paesi della coalizione ad astenersi da massicci bombardamenti per evitare ‘danni collaterali’. (di Stefano de Paolis/ANSA)

Ultima ora

12:52Tennis: Itf Dubai, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Sara Errani si è qualificata per il secondo turno del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento) negli Emirati Arabi Uniti: la romagnola, numero 144 del ranking mondiale, ha superato per 6-2 6-1 la romena Alexandra Cadantu. Prossima avversaria di Sara la bielorussa Vera Lapko, numero 134 del ranking Wta ed ottava testa di serie del torneo.

12:45Trovato senzatetto semi carbonizzato in un appartamento

(ANSA) - GROSSETO, 12 DIC - Un ragazzo di circa 25 anni è stato trovato semi carbonizzato in un appartamento a Grosseto. Il giovane, un senzatetto, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe accusato un malore e sarebbe morto asfissiato e bruciato dal fuoco che aveva acceso per scaldarsi. Gli amici hanno avvertito le forze dell'ordine la notte scorsa intorno all'una quando il 25enne non rispondeva dall'appartamento che aveva occupato abusivamente da qualche giorno. Sul posto anche il nucleo scientifico dei carabinieri.

12:34Maltempo: Enza rompe argini, evacuate mille persone

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione. Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

12:29Sardo ucciso a Londra, ergastolo all’ex fidanzata bengalese

(ANSA) - NUORO, 12 DIC - E' stata condannata all'ergastolo Hasna Begum, la commessa di 25 anni originaria del Bangladesh, ritenuta responsabile dell'omicidio del nuorese Pietro Sanna, 24 anni, ucciso a coltellate nella sua casa di Londra il 23 giugno scorso. La giovane secondo i giudici londinesi avrebbe ucciso per gelosia dopo la fine della relazione con il 24enne di Nuoro. Una relazione durata un anno, ma poi dopo la separazione la giovane commessa avrebbe iniziato un'azione che i giudici londinesi definiscono di "stalking" nei confronti del giovane, che da alcuni anni lavorava a Londra come commesso e come deejay. Lo controllava attraverso i social, si era convinta che avesse una relazione con un'altra. Ed è a questo punto, secondo i giudici britannici, che sarebbe maturato il proposito di vendetta. Dopo aver indossato una parrucca bionda, lei scura di capelli, è arrivata con un taxi a casa di Pietro nel quartiere di Canning Town e lo avrebbe colpito con un coltellaccio da cucina con cui ha poi infierito con 36 colpi.

12:23Migranti: Amnesty, governi Ue complici torture in Libia

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - "I governi europei" ed "in particolare l'Italia" sono "consapevolmente complici delle torture e degli abusi su decine di migliaia di migranti detenuti dalla autorità libiche per l'immigrazione in orribili condizioni in Libia". Lo scrive Amnesty International in un rapporto. "Non solo non sono stati pienamente consapevoli di questi abusi ma, sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di questi crimini" ha detto il direttore John Dalhuisen.

12:23Skinheads:movimento Dodici Raggi,in rete foto manifestazione

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Eccoci! Ci accusavate di agire la notte...ma il San Martino è nostro dall'alba al tramonto. Ci troverete sempre qui, oggi come allora!": sono le parole scritte dai militanti della Comunità Militante dei Dodici Raggi per accompagnare le foto della manifestazione organizzata lo scorso 18 novembre sul Monte San Martino di Duno (Varese), poco lontano dal Sacrario eretto in memoria dei caduti partigiani, per ricordare i morti dell'esercito tedesco. Manifestazione per cui, insieme ad altri episodi, alcuni militanti ora sono sotto indagine. Sul loro sito i "ragazzi con il bomber nero" come si definiscono, ricostruiscono la storia dei Varese Skinheads, nati nel 1993: "L'impronta da subito inconfutabilmente - scrivono - è quella di ispirazione nazionalsocialista e di matrice pagana". Raccontano dei periodi più duri, "come quelli degli allontanamenti di membri più o meno importanti e quelli delle prime carcerazioni, anche con accuse molto gravi". "Guai giudiziari, che ad oggi - si legge sul sito - hanno portato alla carcerazione di sei membri del gruppo e l'incriminazione per vari reati di quasi tutti gli altri". Poi cinque anni fa "dall'unione con gli ultras 7LAGHI nasce la COMUNITA' MILITANTE DEI DODICI RAGGI con l'apertura di un fight-club e di una sede, base logistica per le attività dei due gruppi. Il territorio di influenza della nostra scena - ammettono - è sempre stato molto limitato. Le città più grandi della provincia, Busto Arsizio, Tradate, Saronno, Gallarate gravitano nell'orbita di altre realtà o ne hanno una propria, il che fa di Varese qualcosa al di fuori del comune, se non altro per la dimensione".

12:19Austria: esplosione impianto gas, feriti e un morto

(ANSA) - BERLINO, 12 DIC - In un'esplosione in un impianto di distribuzione di gas a Baumgarten an der March, in Austria, decine di persone sono rimaste ferite e almeno una persona ha perso la vita. Lo scrivono i media austriaci. Il giornale der Standard, nella sua edizione online, parla di 60 feriti. Secondo l'Apa, che cita la Croce rossa, i feriti sarebbero 18, e ci sarebbe una vittima. Le cause dell'esplosione non sono ancora chiare.

Archivio Ultima ora