I tagli alle auto blu hanno i giorni contati. Incombono sanzioni

Pubblicato il 06 febbraio 2015 da redazione

Madia,ultimi 10 giorni per adeguarsi a taglio auto blu ++

ROMA. – Una lettera su carta intestata, seguendo la via tradizionale delle comunicazioni ufficiali interne, e poi un tweet, per ribadire il concetto e rivolgersi all’intera opinione pubblica. Sono questi i canali attraverso cui passa l’ultimatum del ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia. E il messaggio è chiaro: i tagli alle famigerate auto blu hanno i giorni contanti. In effetti i tempi stabiliti nel decreto di dicembre sono arrivati a scadenza e ora il governo non sembra disposto a concedere tanto margine. Anche perché, nello stesso Dpcm, sono previste delle sanzioni, ulteriori strette, per gli enti che non rendono noti i dati sul parco vetture. L’obiettivo è arrivare a un censimento permanente, da cui risulterà chiaro se la P.a si sarà adeguata alla sforbiciata che limita il tetto della auto blu a cinque per ciascuna amministrazione, a partire da quelle con i ‘parcheggi’ più piccoli, sotto le 50 macchine, che dovranno concretizzare la riduzione entro il 26 febbraio. Ma i piani di rientro dovranno essere spediti al ministero già il 16 del mese. E il punto verrà fatto nel primo Cdm utile, si tenterà un passaggio nell’ultima settimana del mese. “Entro 10 giorni – il 16 febbraio – i ministeri e le Pubbliche Amministrazioni interessate devono informare su come si adeguano alla diminuzione delle #autoblu decisa da Governo”, mette in chiaro Madia via Twitter, facendo il sunto della nota spedita il 5 febbraio a tutti gli enti che devono fare i tagli (non solo dicasteri ma anche forze dell’ordine e agenzie). Nella nota veniva esplicitata la richiesta: “comunicare” agli uffici del ministro “ogni misura adottata al fine di rispettare le scadenze previste dal decreto”, pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’11 dicembre, che spalma i tagli in tre tranche: la prima, dopo 60 giorni dall’uscita del provvedimento, cade proprio a febbraio; la seconda, per le amministrazioni con più di 50 auto ma meno di 100, termina a fine giugno; l’ultima, per gli enti con più vetture, si chiude il 31 dicembre. A fine 2015, e per ogni anno, tutte le amministrazioni, inclusi gli enti locali, dovranno comunicare l’elenco delle vetture, altrimenti, in aggiunta alla riduzione di spesa ‘automotive’ già prevista sul 2011 (-70%), si applicherà un’ulteriore contenimento (-50% sul limite per il 2013). Per chi viola le regole quindi non resterebbero che ‘spiccioli’ da dedicare al capitolo. La roadmap e lo stato dell’arte si conosceranno più nel dettaglio a fine febbraio, o al massimo ai primi di marzo, quando in sede di Cdm, sulla base alle risposte alla lettera appena inviata dal ministro, verrà presentato “un documento di sintesi” sul tema. Ad ora, stando all’ultima rilevazione pubblicata del Formez, le auto della Pa centrale sono circa 3.600. Alcuni ministeri, stando almeno al database del Formez, sono avanti con il programma di riduzione, tra questi ci sarebbero lo Sviluppo Economico e il Lavoro, altri sono in fase di ‘cura dimagrante’, come l’Economia e la presidenza del Consiglio. Altri ancora, invece, sono indietro ed proprio per loro che Madia suona la sveglia.

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora