L’Egitto risponde a Isis, uccisi quasi 30 jihadisti

Pubblicato il 06 febbraio 2015 da redazione

EGITTO REAGISCE AGLI ATTACCHI ISIS, QUASI 30 MORTI SUL SINAI

IL CAIRO. – Con raid condotti da elicotteri “Apache”, l’esercito egiziano ha ucciso decine di jihadisti nel Sinai settentrionale: una sanguinosa risposta al colpo che il braccio locale dell’Isis aveva sferrato la settimana scorsa mietendo un numero poco superiore di vittime.  Le incursioni condotte nella notte fra giovedì e venerdì, secondo alcune fonti militari, hanno causato 25 vittime (27 secondo altre) e lasciato sul terreno anche 20 feriti nella zona di Sheikh Zuweid, nella parte nord-orientale della turbolenta penisola, verso il confine con Gaza e Israele. Ad essere colpiti sarebbero stati gli ex “Ansar Bait al-Maqdis”, i “Partigiani di Gerusalemme”, il principale gruppo jihadista egiziano da poco ribattezzatisi “Stato” o “Provincia del Sinai” (Welayet Sinai), nel quadro di un’alleanza-affiliazione con l’Isis annunciata in novembre per imporre la sharia nella penisola. Erano stati loro a compiere, rivendicandoli, quattro attacchi coordinati condotti la settimana scorsa contro postazioni militari in tre centri della stessa area del Sinai causando almeno 32 morti (alcune stime parlano di 40), tra cui alcuni civili. Per numero di vittime e complessità dell’azione, l’attacco era stato il più grave degli ultimi anni e simile solo a quello da almeno 31 vittime del 14 ottobre scorso, proprio a Sheikh Zuweid. Gli ex “Ansar” avevano anche rivendicato l’attentato dinamitardo che un anno fa mise in ginocchio l’industria turistica, concentrata nel ben presidiato e tornato tranquillissimo Sinai meridionale: fu colpito un pulman di vacanzieri a Taba causando la morte di quattro persone tra cui tre sud coreani. Anche in assenza di statistiche affidabili, la cifra di 25 terroristi uccisi in un sol giorno supera i bilanci di cui sono punteggiati gli archivi egiziani degli ultimi due anni (spicca un blitz con 30 vittime nel febbraio 2013). Considerando le “centinaia” di militari uccisi soprattutto nell’ultimo anno e mezzo, quello nel Sinai è dunque un vero conflitto e il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi – in un discorso in tv dopo gli attacchi coordinati del 29 gennaio – ha esortato gli egiziani a predisporsi ad una “lunga guerra” per sconfiggere gli integralisti islamici dell’Isis. Sisi inoltre aveva promesso che l’Egitto “vendicherà i propri martiri” e l’attacco della scorsa notte suona come una concretizzazione delle sue parole. Il fenomeno del jihadismo nel triangolo fra Canale di Suez, Golfo di Aqaba e Israele si è inasprito negli ultimi due anni ma dura ormai da almeno un decennio. Pur grande tre volte il fertile Delta del Nilo, il Sinai è desertico e ci vive solo l’1% della popolazione egiziana, nel 45% dei casi sotto la soglia di povertà. La “lotta contro il terrorismo non può essere efficace se non è accompagnata da uno specifico piano economico per sviluppare il Sinai”, ha sottolineato domenica Sisi che infatti sta realizzando due mega progetti per la penisola, tra cui il parziale raddoppio del Canale di Suez. (di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

14:25Abusa della figlia di 5 anni, arrestato

(ANSA) - GROSSETO, 15 DIC - Un uomo di 40 anni è stato arrestato nella zona sud della provincia di Grosseto dove vive in flagranza per abusi sessuali sulla figlia di cinque anni. La notizia è riportata oggi dai giornali locali. L'uomo, da quanto si è appreso, è stato denunciato dalla moglie. I carabinieri hanno sistemato nell'abitazione dell'uomo delle telecamere nascoste: una volta visionato i video che riprendono l'uomo durante gli atti sessuali che uno degli investigatori ha definito "pesantissimi" è scattato il blitz che ha condotto all'arresto. Il padre è stato prelevato dai carabinieri e davanti al gip Marco Mezzaluna, durante l'interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso gli addebiti.(ANSA).

14:19Sci: cdm, interrotto per nebbia superG Val Gardena

(ANSA) - Val Gardena (Bolzano ), 15 dic - Il superG di cdm della Val Gardena è stato interrotto momentaneamente per l'arrivo di un banco di nebbia sulla parte centrale della pista Saslong, nella zona delle curve della Ciaslat. L'interruzione è arrivata dopo la discesa dell'undicesimo atleta e cioè dell'azzurro Dominik Paris che ha chiuso in ritardo.

Archivio Ultima ora