Tregua e autonomia, ecco il piano sull’Ucraina

Pubblicato il 07 febbraio 2015 da redazione

Vladimir Putin, Francois Hollande, Angela Merkel

MOSCA. – Le diplomazie di Russia, Francia e Germania sono al lavoro per trovare un accordo che faccia tacere le artiglierie nel sud-est ucraino. Il contenuto del progetto – di cui Putin, Merkel e Hollande hanno discusso al Cremlino per più di 5 ore – non è ancora noto del tutto. Ma i media rivelano alcune indiscrezioni. A partire dal fatto che – secondo una fonte anonima citata dall’Interfax – esperti di politica estera di Parigi e Berlino si troverebbero in questo momento a Mosca per stendere il piano da presentare domani nella conference call tra i leader di Francia, Germania, Russia e Ucraina. Un colloquio che servirà a tirare le somme dei negoziati svoltisi giovedì a Kiev e ieri a Mosca. “Noi – aveva detto Angela Merkel prima di partire per il blitz diplomatico franco-tedesco – ci impegniamo a mettere fine al bagno di sangue e a far rivivere gli accordi di Minsk”: gli stessi che a inizio settembre hanno portato a un fragile cessate il fuoco troppo spesso violato e che prevedevano – tra le altre cose – anche uno status speciale per il turbolento Donbass. E proprio una tregua immediata con l’arretramento delle armi pesanti è tra i passaggi chiave del nuovo compromesso che si sta cercando di raggiungere. Mentre Hollande ha proposto esplicitamente oggi a Monaco una maggiore autonomia per il sud-est, anche se non è ancora ben chiaro di che tipo. Inoltre, fonti diplomatiche citate dal quotidiano Kommersant sostengono che sarà delineata una nuova ‘linea di contatto’ diversa da quella stabilita negli accordi di settembre, e che asseconderà di fatto le recenti conquiste dei ribelli (circa 1.000 kmq di territorio). Le autorità tedesche negano però che saranno fatte concessioni territoriali ai separatisti. Anzi – per venire incontro a Kiev – sembra che sarà messo nero su bianco che “l’integrità territoriale ucraina” non può essere violata. Un altro punto cruciale è la creazione di una zona cuscinetto, che secondo Hollande sarà larga 50-70 km (mentre per gli accordi di Minsk doveva essere larga la metà, 30 km). Petro Poroshenko ha invece bocciato l’ipotesi di inviare “forze di pace” (varie fonti ventilavano un intervento dei caschi blu dell’Onu) nel sud-est perché – ha spiegato il presidente ucraino a Monaco – “serve il benestare del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite” e quindi come “minimo sei mesi”, mentre basterebbe “un monitoraggio internazionale al confine” per avere “pace e stabilità nel giro di una settimana”. Sarebbe proprio questo il punto più problematico, secondo Vedomosti: “il controllo efficace della frontiera russo-ucraina” per impedire a Mosca di fornire armi e uomini ai miliziani. Anche gli accordi di Minsk prevedevano il monitoraggio dei confini da parte dell’Osce, ma questo principio rimase di fatto lettera morta. Kiev – scrive gazeta.ru – potrebbe invece cancellare il blocco economico che in autunno ha decretato la chiusura di tutti i servizi pubblici e il congelamento dei conti bancari nelle zone occupate dai ribelli. Gli occhi del mondo restano puntati sull’Ucraina e – anche se la Merkel sottolinea che non è detto che i negoziati abbiano successo – fa ben sperare che questa volta si tratta al livello più alto. I 12 punti dell’accordo di Minsk furono infatti siglati dai partecipanti al Gruppo di contatto (Kiev-Mosca-Osce-separatisti), ma i rappresentanti non erano degli esponenti di primo piano: per la Russia l’ambasciatore a Kiev Mikhail Zurabov e per l’Ucraina il controverso ex presidente Leonid Kuchma. Questa volta un’eventuale intesa impegnerebbe in prima persona lo stesso Vladimir Putin, che a metà gennaio ha inviato segretamente in Europa un progetto di 9 pagine che è alla base delle contrattazioni di questi giorni. Contrattazioni che – tra l’altro – potrebbero dividere Europa e Stati Uniti, con gli Usa – esclusi dai colloqui – che minacciano di armare le truppe di Kiev. (di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora