Napoli, prosegue la rincorsa ma c’è lo scoglio Udinese

Soccer: Serie A; Chievo-Napoli

NAPOLI. – Passa anche per l’Udinese il lungo inseguimento del Napoli al secondo posto in classifica e alla qualificazione diretta in Champions League. Gli azzurri trovano domani pomeriggio al San Paolo la squadra di Stramaccioni che quest’anno si è già rivelata per due volte un osso durissimo: all’andata arrivò una sconfitta in Friuli e due settimane fa il pareggio al 120′ prima del successo del Napoli ai rigori in Coppa Italia. Stavolta, il Napoli, vuole fare il pieno, per allungare a quattro la striscia di vittorie consecutive in campionato e sperare che il Cagliari dell’ex Zola gli faccia un favore nella sfida contro la Roma. Ci crede Benitez che, però, non fa proclami di rimonta sulla Roma e respinge le adulazioni di Allegri che considera gli azzurri ancora in corsa per lo scudetto: “Ne ho sentiti tanti di questi complimenti – dice il tecnico spagnolo, che oggi non ha fatto conferenza stampa ma ha parlato a Radio Kiss Kiss – ma io non guardo a quello che accade tra tre mesi, se si vuole prendere la laurea bisogna restare concentrati su ogni singolo esame”. E per l’esame friulano Benitez dovrà anche bilanciare le energie della squadra dopo l’impegnativo quarto di Coppa con l’Inter. Tra i più “spremuti” di questo avvio di 2015 c’è Gonzalo Higuain che però ha il piede caldissimo, visto che nelle sei partite giocate finora nell’anno solare (senza considerare i 10 minuti con l’Udinese in Coppa) ha fatto altrettanti gol. “Sulle rotazioni decidiamo stasera a cena. A volte dipende più dai giocatori che da me”, dice il tecnico, facendo intendere che solo una richiesta di pit stop dello stesso Pipita, reduce da una botta contro l’Inter, potrebbe lasciare spazio a Zapata. E lo stato di forma e le ambizioni dell’argentino emergono anche dalle parole affidate a un’intervista alla Rai: “Siamo in corsa su tre competizioni e vogliamo far bene su tutti i fronti. Se abbiamo la possibilità matematica di poter lottare per ogni obiettivo dobbiamo provarci fino alla fine”, dice l’attaccante che domani sarà impegnato anche nel suo personale inseguimento al connazionale Tevez nella classifica dei cannonieri. Di sicuro, sulla formazione, c’è che da esterno basso agirà Ghoulam, mentre gli azzurri dovranno stare attenti ai cartellini gialli visto che oltre all’algerini sono diffidati anche David Lopez, Mertens, Albiol e Inler. Lo svizzero dovrebbe avere una chance domani, vista anche la febbre da cui è reduce David Lopez, ed agire al fianco di Gargano ormai assurto a vero motore di questo Napoli. Tutto pronto per la sfida di domani, quindi, senza pensare troppo al futuro, come conferma lo stesso Rafa dribblando una domanda sul suo possibile passaggio alla panchina del Psg: “Io penso all’Udinese”.