Scuola: l’Ocse bacchetta l’Italia, pochi investimenti

Pubblicato il 09 febbraio 2015 da redazione

Ocse:scuola,Italia investe poco e non è efficiente ++

ROMA. – L’Italia investe poco in istruzione e deve ancora rimboccarsi le maniche per rendere il proprio sistema educativo equo ed efficiente. A bacchettare il Belpaese é l’Ocse. Nel suo rapporto “Going for Growth”, l’organizzazione internazionale punta l’indice soprattutto sulla spesa per l’istruzione “scesa ben al di sotto della media” e critica i numerosi cambi, “tre in quattro anni”, al vertice dell’agenzia per la valutazione della scuola, avvicendamenti che – sostiene – possono compromettere l’efficacia della sua azione. Invita a fare di più per migliorare le opportunità dei meno qualificati e, pur prendendo atto degli interventi avviati per potenziare l’istruzione tecnica post secondaria, ritiene che questa debba essere ulteriormente rafforzata. Una posizione in linea con quanto già emerso nel rapporto intermedio ‘Ocse Education at a Glance’: “quando si guarda all’educazione dopo la scuola – aveva spiegato qualche settimana fa il responsabile dei programmi su innovazione e competenze Ocse, Andreas Schleicher – sono scettico, il legame fra educazione e mondo del lavoro é molto debole”. Tra i consigli dispensati dall’Organizzazione per la cooperazione economica europea oltre a quello di insistere sulla valutazione nella scuola Secondaria, anche il suggerimento di aumentare le tasse universitarie e introdurre un sistema di prestiti d’onore per gli studenti. Ricette “vecchie e fallimentari” sostengono però le associazioni studentesche. “Come si può affermare – osserva Danilo Lampis, Coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti – che la spesa italiana in istruzione è drasticamente insufficiente e che si devono migliorare le opportunità per i meno qualificati, se poi si dà indicazione di introdurre meccanismi di valutazione meritocratica per gli insegnanti, di appiattire l’istruzione tecnica post-secondaria sul tessuto produttivo attuale, di aumentare le tasse universitarie e di istituire un sistema di prestiti d’onore per finanziare gli studi? Non è questa la strada per una formazione di qualità e aperta a tutti”. Per il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli “la verità è che le politiche economiche e quelle per la formazione dei governi di sinistra non sono in grado di rilanciare lo sviluppo, né di offrire un futuro ai nostri ragazzi promuovendo meritocrazia e inclusione sociale”. Di tutt’altro parere ovviamente il Pd. “Per la prima volta dopo anni di tagli lineari si ricomincia a investire sulla scuola” sottolinea Simona Malpezzi. “Con il governo Renzi torna il segno ‘più’ davanti alla voce istruzione con un investimento di 3 miliardi per il personale docente, con potenziamento per l’alternanza scuola-lavoro e la formazione insegnanti”. “Investire, però, non significa solo aumentare le risorse destinate alla scuola, ma innanzitutto impiegare in modo efficiente ed efficace i fondi a disposizione” fa notare la responsabile scuola e università di Forza Italia Elena Centemero. “Per farlo – spiega – ribadiamo la necessità di applicare i costi standard, presupposto per liberare nuove risorse, di attuare una vera spending review del bilancio del Ministero e di introdurre seri criteri di rendicontazione delle spese e dei risultati”.

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora