Ucraina: il summit a 4 rilancia gli accordi di Minsk

Pubblicato il 11 febbraio 2015 da redazione

Ukraine peace negotiations in Minsk

MINSK. – Solo una “dichiarazione comune” sulla necessità di rispettare gli accordi di Minsk dello scorso 5 settembre e il sostegno ad un piano per attuarli affidato al gruppo di contatto (Mosca-Kiev-Osce-separatisti): sarà questo, secondo le prime indiscrezioni, l’apparentemente magro risultato del vertice notturno nella gelida e nebbiosa Minsk in formato Normandia tra Putin, Poroshenko, Merkel e Hollande per discutere un nuovo piano di pane per il Donbass, negoziato negli ultimi giorni dopo la mediazione franco-tedesca. Sullo sfondo di una nuova escalation dei combattimenti, del monito di Obama a Putin a cessare la sua azione aggressiva per evitare di pagare costi più alti e della minaccia della Ue di nuove sanzioni economiche alla Russia in caso di fallimento delle trattative, da discutere già domani nel vertice di Bruxelles. Probabilmente i quattro leader non sono riusciti in pochi giorni a superare tutti gli scogli per un accordo globale e si sono limitati a rilanciare gli accordi di Minsk, delegando il gruppo di contatto – che li aveva partoriti e firmati – ad elaborare un piano per la loro attuazione. Secondo le indiscrezioni, i punti concordati prima del vertice riguardavano un immediato cessate il fuoco e la creazione di una zona demilitarizzata più ampia di quella di 30 km (15 per parte) prevista dagli accordi precedenti, con il ritiro di tutte le armi pesanti. Tensioni invece sulla definizione della linea del fronte, dove i ribelli non vogliono cedere il migliaio di kmq conquistati. Al momento non è dato sapere quali saranno i meccanismi di controllo della tregua, né se è stata raggiunta un’intesa più ampia, anche sullo status speciale per le regioni separatiste e il controllo dei confini russo-ucraini. Nonché sull’eventuale adesione di Kiev alla Nato: il conflitto del Donbass “può essere risolto pienamente solo se Kiev avrà lo status di Paese non allineato, neutrale verso tutte le unioni militari”, ha ricordato in serata Denis Pushilin, uno dei negoziatori dei separatisti filorussi. Il problema, come ha ammonito il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius, è che l’accordo non sia “un pezzo di carta”. Ma forse sarà quanto basta per congelare il conflitto, scongiurare nuove sanzioni e forse anche la fornitura Usa di armi letali a Kiev. A favore di una qualche intesa, anche minima, deponevano vari indizi. Prima di tutto l’arrivo di Putin, che aveva subordinato la sua partecipazione al summit ad un accordo su vari punti. Il leader del Cremlino, tra l’altro, si è portato non solo due consiglieri presidenziali come Iuri Ushakov e Vladislav Surkov ma anche il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov, che in giornata aveva parlato di “notevoli progressi”. Poi l’arrivo dei leader delle autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, Aleksandr Zakharcenko e Igor Plotnitski, pronti a firmare un eventuale documento. Anche Poroshenko si era detto fiducioso di trovare “un compromesso all’interno del Paese” per “fermare le ostilità immediatamente e senza condizioni e avviare il dialogo politico, senza interferenze esterne”. “O la situazione si avvia sulla strada della de-escalation, della tregua… o la situazione va fuori controllo”, aveva avvisato, annunciando nel secondo caso l’introduzione della legge marziale in tutto il Paese. La giornata era cominciata con una nuova riunione del gruppo di contatto (Mosca, Kiev, Osce e separatisti). Poi a metà pomeriggio per primo è arrivato Poroshenko, mentre la Merkel e Hollande sono sbarcati poco dopo contemporaneamente e sono giunti nella stessa auto. Prima del summit hanno avuto un trilaterale con il presidente ucraino. Putin è arrivato per ultimo. A fare gli onori di casa, nel maestoso palazzo post-sovietico dell’Indipendenza, invaso da 500 giornalisti stranieri, il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko: ‘L’ultimo dittatore d’Europa’ – secondo l’amministrazione Usa – che tenta di capitalizzare il momento per dare lustro ad un Paese ancora sovietico, dove casino’ e MacDonald’s convivono con un’economia statale, il Kgb e la statua di Felix Dzherzinski, il fondatore della polizia segreta sovietica. Due ore di summit tra i leader, dove Putin e Poroshenko, dopo l’iniziale stretta di mano, avrebbero discusso animatamente. Poi negoziati allargati con le rispettive delegazioni in una elegante sala intorno ad un grande tavolo rotondo con al centro un ricco bouquet di fiori. Forse ci si aspettava di più. Non è scontato che il rilancio degli accordi di Minsk riesca a fermare scontri sempre più cruenti. Anche oggi il bilancio delle vittime è pesante: Kiev ha perso 19 soldati nelle ultime 24 ore, di cui 5 ieri nell’attacco al quartiere generale di Kramatorsk, mentre a Donetsk, roccaforte dei separatisti, almeno sei persone hanno perso la vita nei bombardamenti che hanno colpito una fermata di bus. (dell’inviato Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

Archivio Ultima ora