Riforme: ancora tanti emendamenti, rischio pantano

Pubblicato il 11 febbraio 2015 da redazione

Riforme: Camera, oggi primo voto solo dopo due ore e mezza
ROMA. – In uno scenario geopolitico in piena ebollizione, Matteo Renzi prova a impostare la strategia italiana. Non ci sono solo Ucraina e Grecia ma anche il Mediterraneo, dice a proposito della nuova strage di migranti che pone in discussione la missione Triton (che ha sostituito Mare Nostrum): il cuore del problema è la Libia, da dove partono le carrette del mare, e non il pattugliamento in mare. Il premier richiama l’attenzione su un fronte che non può riguardare solo la diplomazia italiana e sottoporrà la questione al Consiglio europeo. Ma in realtà, sottolinea, la stessa Europa non è scontata: va difesa e rinsaldata giorno per giorno. Lo scontro sul debito di Atene dimostra quanto sia difficile realizzarne l’unità, e lo stesso si può dire della mediazione con Mosca e Kiev promossa in solitudine da Merkel e Hollande. Tutto ciò senza considerare i rischi legati al terrorismo di matrice islamista contro il quale il governo ha appena varato norme più severe. Per il premier, attaccato dalle opposizioni per lo scarso peso internazionale della sua politica estera, si tratta di dimostrare che l’esecutivo è in grado di portare a casa qualche risultato (soprattutto sul delicatissimo tema dell’immigrazione) e di farsi ascoltare nella Ue dai ”pesi massimi” che sembrano un po’ giocare una partita a parte. Per esempio sull’austerity più volte contestata ma che, a quanto sembra, resta la bussola di Berlino e dell’eurogruppo. Naturalmente l’instabilità interna non è un buon viatico per la credibilità italiana, da sempre sotto la lente di Bruxelles. Renzi assicura che le riforme annunciate con grande battage in Europa saranno approvate nei tempi previsti, consapevole che si tratta di un tassello decisivo per la valutazione del suo programma. In questa ottica, la rottura del patto del Nazareno non lo aiuta: il Pd ha già dovuto concedere una diluizione dei tempi di discussione della riforma del bicameralismo alla Camera e tutelarsi con la seduta fiume (che impedisce la moltiplicazione degli emendamenti), ma ciò comporta lo slittamento dei molti decreti in attesa di conversione. E resta sempre l’insidia del Senato dove la maggioranza non può contare sui margini di sicurezza che ha a Montecitorio. Molto dipenderà dall’evoluzione dell’opposizione di Forza Italia. A Berlusconi, Renzi ha fatto sapere il rinvio di qualche settimana dell’esame della contestata norma del 3 per cento del decreto fiscale: mossa che ha suscitato il malumore della sinistra dem e il dubbio che si tratti di un tentativo di condizionarlo (Fassina). Il Rottamatore lo nega e parla della necessità di varare una volta per sempre una riforma fiscale giusta e coerente che possa consentire il recupero reale dell’ evasione (terreno sul quale il nostro Paese è fanalino di coda). Ma il Cavaliere non lo ha interpretato come un gesto distensivo e sembra deciso ad andare allo scontro. Il Nazareno è stato stracciato per l’immaturità del Pd sul terreno democratico, è la sua spiegazione, e si apre una fase nuova. Ma che cosa significa? Berlusconi dice di non voler lasciare nelle mani di Matteo Salvini le chiavi del centrodestra: ma è davvero in grado di farlo? La scomunica di Raffaele Fitto, invitato brutalmente a decidere se stare dentro o fuori Fi, alimenta un clima da resa dei conti che certo non agevola il negoziato con la Lega (che infatti aspetta la ”prova dei fatti”). La replica del capo della fronda azzurra, quel ”che fai mi cacci perché avevo ragione?” di finiana memoria, dimostra che la minoranza forzista non è disponibile a passi indietro. Può essere che i suoi numeri siano potenzialmente irrilevanti in caso di scissione e di ritorno alle urne, ma resta il fatto che non è questa la via per rassicurare l’elettorato moderato orientato all’astensione. Il carisma del capo sembra essersi appannato in modo irreversibile se oltre all’opa ostile di Salvini il Cav deve fare i conti con una guerriglia che non riesce a domare. Per un partito liberale come vorrebbe essere Fi, inoltre, è difficile evocare l’accusa di ”frazionismo” tipica dei vecchi partiti comunisti, come fa rilevare Daniele Capezzone ricordando l’espulsione del gruppo del Manifesto dal Pci. Una partita a scacchi nella quale il vecchio monarca non ha assi da giocare se non il suo ritorno sulla scena dopo il 9 marzo: privo però di un delfino e dunque dell’arma generazionale sulla quale contano invece i ”due Mattei”. (di Pierfrancesco Frerè/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora