Claps: è stato un delitto “di straordinaria gravità”

(ANSA) – ROMA, 12 FEB – “Straordinaria gravità del reato”; “piena capacità di intendere e volere dell’imputato, evincibile anche dalla lucida strategia difensiva”: così la Corte di Cassazione si esprime sull’omicidio della studentessa Elisa Claps, scomparsa a Potenza il 12 settembre 1993 e trovata uccisa 17 anni dopo nel sottotetto di una chiesa del capoluogo lucano. I giudizi si sono espressi nelle motivazioni della sentenza definitiva, depositata oggi, di condanna di Danilo Restivo a 30 anni di reclusione.

Condividi: