Libertà di stampa, l’Italia mai così male

Pubblicato il 12 febbraio 2015 da redazione

LIBERTA-STAMPA

PARIGI. – Anno nero per la libertà di stampa in Italia. Il Paese precipita al 73/o posto nella classifica dei paesi nella classifica annuale di RSF, Reporters sans Frontieres, soprattutto a causa di aggressioni della mafia a giornalisti e del moltiplicarsi dei processi per diffamazione. L’ONG con base a Parigi che da anni pubblica in gennaio il suo rapporto sullo stato della libertà di stampa nel mondo, sanziona in modo brutale l’Italia, che finisce fra i paesi a rischio. La situazione della libertà di stampa – per RSF – è peggiore di paesi africani o asiatici per anni considerati fra i meno liberi. E al suo 73/o posto arriva ex-aequo con il Nicaragua. “La situazione dei giornalisti – si legge nel rapporto – si è fortemente degradata nel 2014. I casi di danni contro i beni materiali dei giornalisti, in particolare contro la loro automobile, sono raddoppiati in un anno. Ci sono stati 43 casi di aggressioni fisiche e setti di auto o abitazioni bruciate fino al 31 ottobre 2014”. Reporters sans frontieres sottolinea anche il “la moltiplicazione dei processi per diffamazione (129 contro gli 84 recensiti l’anno precedente). Le querele arrivano soprattutto da personalità politiche, che in questo modo censurano i giornalisti”. Dal 2002, si tratta del voto peggiore in pagella all’Italia, che al suo meglio ha conosciuto un 35/o posto nel 2007. La valutazione peggiore prima di quest’ultima, era stato registrata nel 2013 e 2014, con un 57/o posto, migliorato poi lo scorso anno (49/a). Il rapporto di RSF parla comunque di un “drastico peggioramento” della libertà di stampa nel 2014, conseguenza in particolare “dell’azione di gruppi come lo Stato islamico e i fondamentalisti nigeriani di Boko Haram: “il deterioramento è stato globale – ha commentato il segretario generale dell’Ong, Christophe Deloire – legato a fattori molto diversi, con guerre dell’informazione, azioni di gruppi che non appartengono a stati e che si comportano come despoti dell’informazione”. Sono i due terzi dei 180 Paesi giudicati da RSF a peggiorare rispetto all’anno scorso. Fra quelli considerati i più pericolosi del mondo per i giornalisti, la Siria (177/a) e la Cina (176/a). Peggio di tutti la Corea del Nord (179/a) e l’Eritrea (180/a). Passando ai paradisi dell’informazione, la Finlandia conserva il primo posto per il 5/o anno consecutivo, seguita quest’anno dalla Norvegia e dalla Danimarca. Peggio dell’Italia, in termini di peggioramento, fa Andorra (dal 5/o al 32/o posto), ma precipitano anche Lussemburgo (dal 4/o al 19/o) e Liechtenstein (dal 6/o al 27/o). I peggiori in Europa sono Grecia (91/a) e Bulgaria (106/a). Gli africani sono i Paesi più in difficoltà, a parte l’ottima performance della Costa d’Avorio (86/a, +15). Per RSF, il Paese che nel 2014 ha fatto più passi avanti è stata la Mongolia: ha guadagnato 34 posti, classificandosi 54/a, 20 gradini sopra l’Italia. (di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

17:11Calcio:Gattuso,che fatica ma ho sostegno Fassone e Mirabelli

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Ringrazio Mirabelli e Fassone, che non mi fanno mancare sostegno. E' un'esperienza molto, molto faticosa, lo sto toccando con mano. Loro sono fondamentali, mi danno grande tranquillità, mi sento tranquillo perché ho un grande appoggio". Così Rino Gattuso non nasconde le difficoltà che vive da allenatore del Milan. "Tante problematiche in questo momento le deve mettere a posto Fassone che è l'ad, Mirabelli ha i suoi problemi, ma io mi sento tranquillo, perché sento grande appoggio da queste due persone", ha spiegato l'allenatore alla vigilia della trasferta con il Verona, raccontando che l'allenamento per lui "è il momento più divertente, in quell'ora e mezza mi diverto come un bambino dell'asilo. Dopo - ha spiegato - c'è il momento più duro: parlare con tutti quelli del club, preparare le partite contro colleghi molto più bravi di me. La fatica più grande è questa, e poi le interviste dopo le partite''.

17:10Migranti: partito corteo a Roma, “è giorno degli esclusi”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Con in testa lo striscione "diritti senza confini" è partito da piazza della Repubblica il corteo pro migranti a Roma. "Siamo quelli che vengono confinati in centri di accoglienza e nelle periferie. Siamo disoccupati e senza casa -dicono gli organizzatori- Siamo uomini e donne colpiti in questi anni da leggi infami. E' la nostra giornata. E' la giornata degli esclusi, degli invisibili. Sfileremo per le strade di Roma. Ci riprenderemo la nostra dignità. Abbiamo sete di diritti e libertà". Tra gli striscioni alcuni con su scritto "Ius omnibus", "Uniamo le lotte" e "schiavi mai"; e poi pettorine rosse con la frase "Diritti senza confini", bandiere "Stop sfratti e sgomberi" e "No tav". "Siamo in attesa di altri pullman -spiegano dai movimenti- sono stati bloccati ai vari caselli di ingresso nella Capitale per i controlli. Ci sono state perquisizione e sono stati richiesti documenti a chi era a bordo". La manifestazione sfilerà fino a piazza del Popolo.

17:05Calcio:Allegri, a Bologna sempre faticato ma serve vittoria

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "A Bologna servirà una partita solida tecnicamente, tatticamente e agonisticamente. Altrimenti usciamo con le ossa rotte". Massimiliano Allegri mette in guardia la Juventus dai pericoli della trasferta di domani. "Sarà importante perché dobbiamo prendere i tre punti contro una squadra ben organizzata, che corre, ha buona tecnica e non ha pressione. Inoltre a Bologna la Juve ha sempre fatto fatica, tranne l'anno scorso". Il tecnico bianconero recupera Pjanic, che "potrebbe partire titolare", e annuncia l'intenzione di far giocare Alex Sandro titolare. "Sono convinto farà una grande partita. Arriva da due stagioni importanti, ha avuto alti e bassi si sta ritrovando". Un pensiero, infine, a Inter e Napoli, impegnate oggi: "Speriamo non facciano risultato, noi dobbiamo fare tre punti comunque domani. Poi non è che il campionato si decide domani...".

17:03Calcio: Gattuso e 118 anni Milan, auguro tranquillità a club

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Auguro al Milan di riuscire a lavorare con grandissima tranquillità, auguro che quando si parla del Milan non si parli dei problemi di Gigio Donnarumam e della Uefa ma di una squadra che lotta per qualcosa di importante". Questo il messaggio di Rino Gattuso in occasione del compleanno numero 118 del club in cui ha giocato e vinto per anni, e dove ora allena da poche settimane la prima squadra. "Vorrei fare gli auguri a questa gloriosa società - ha detto Gattuso iniziando la conferenza stampa alla vigilia della trasferta con il Verona - Sono orgoglioso di farne parte. Auguroni, 118 non sono pochi, ci metterei la firma a campare la metà...". E' anche il decennale del Mondiale per Club vinto nel 2007, con Gattuso in campo. "C'è grandissimo orgoglio, penso ai campioni che hanno vestito questa maglia e mi considero più che fortunato ad aver vinto tanto qua'' - ha notato l'allenatore - A Milanello ci vuole solo grande amore e professionalità".

Archivio Ultima ora