Industria in lutto, morto il papà della Nutella Michele Ferrero

Pubblicato il 14 febbraio 2015 da redazione

Addio al papa' della Nutella

TORINO. – Dicono che fino all’ultimo, nonostante l’età avanzata e la malattia, continuasse ad occuparsi di persona del nuovi prodotti dolciari della sua azienda. Un’operosità che ne ha fatto uno degli imprenditori più ricchi del mondo, simbolo dell’eccellenza del Made in Italy. L’industria italiana piange il ‘papà’ della Nutella, Michele Ferrero, geniale patriarca dell’omonimo colosso dolciario di Alba morto oggi all’età di 89 anni a Montecarlo. Un pezzo importante della storia economica italiana, che ha saputo trasformare il piccolo laboratorio del padre Pietro in una multinazionale con venti stabilimenti e oltre 30mila collaboratori i 53 Paesi. Era l’estate del 1949, al Giro d’Italia si sfidavano Coppi e Bartali e l’attore americano Tyrone Power furoreggiava agli albori della dolce vita romana, quando Michele, dopo gli studi di ragioneria a Mondovì, nel collegio in cui era seguito dallo zio prete, don Eugenio Cillario, fu costretto dalla morte del padre Pietro a prendere le redini della ditta di famiglia. Un piccolo laboratorio nato per creare dolci buoni ad un prezzo conveniente anche per le tasche di operai e contadini nei tempi difficili del secondo Dopoguerra. In principio erano i pani di Giandujot, il cioccolato dei poveri come lo chiamava qualcuno, una specie di gianduiotto da tagliare a fette. “Fu un successo travolgente del quale neppure oggi riusciamo a renderci pienamente ragione”, diceva Michele Ferrero in una delle poche interviste rilasciate nella sua vita lontana dai riflettori. Nulla, però, a confronto con quello della Nutella, che l’hanno scorso ha festeggiato i cinquant’anni. Un Giandujot ridotto a crema dal sole dei mesi caldi, diventato nel corso dei decenni un vero e proprio fenomeno. Perché nonostante Michele Ferrero non avesse fatto studi di comunicazione, e usasse un linguaggio diretto, quasi spiccio, aveva la visione, sapeva dove voleva portare la sua azienda. “Se non saremo qualcuno in Europa, non saremo niente neanche in Italia”, diceva nei lontani anni ’50, quando la sua azienda sbarcò in Germania, ad Allendorf. Un trampolino verso il resto del mondo, conquistato un pezzo alla volta, grazie ad idee geniali. Dai Mon Cherì (1956) ai Tic Tac (1969) passando per il Kinder Cioccolato (1968) per poi andare a Kinder Sorpresa (1974) e ai Ferrero Rocher (1982). Idee, lavoro e low profile le parole d’ordine del suo successo, abbinate sempre all’attenzione per i valori umani, per il rispetto della sua terra d’origine e dei suoi dipendenti, per i quali arriva persino ad acquistare alcuni appartamenti in Liguria in cui mandarli in vacanza. E’ dalla volontà di Michele Ferrero che nel 1983, non a caso, nasce la Fondazione Ferrero. “Lavorare, creare, donare” i verbi che compaiono nel luogo di questo ente, che abbina l’impegno per gli ex dipendenti alla promozione di iniziative culturali e artistiche. Le Imprese Sociali, create a partire dal 2005, sono una diretta conseguenza di questa filosofia: vere e proprie “imprese”, basate su una concezione imprenditoriale, ma che agiscono con spirito sociale, perché finalizzate a creare posti di lavoro nelle aree meno favorite dei Paesi Emergenti, come India, Sud Africa e Camerun. Una “storia formidabile e unica”, come la definisce il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, scritta da “un imprenditore di razza, conosciuto e apprezzato in Italia e all’estero”, sottolinea il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. La camera ardente sarà allestita nella sua Alba, la cui cattedrale ospiterà i funerali. La data non è ancora stata resa nota. (di Alessandro Galavotti/ANSA)

Ultima ora

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

19:13Diritti tv: Malagò, ora copertura Giochi è completa

(ANSA) - ROMA, (ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - "Siamo molto felici per il fatto che la Rai abbia acquisito i diritti a trasmettere le Olimpiadi invernali, una cosa che integra in modo esemplare e perfetto quanto già offerto con Discovery da Eurosport". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, saluta così l'annuncio dell'accordo con Discovery per l'acquisizione dei diritti radiotelevisivi in chiaro delle Olimpiadi invernali del 2018 in Corea, che la Rai trasmetterà quindi dopo 8 anni di assenza. "Non nascondo che siamo sempre stati sponsor di questa opportunità - ha aggiunto il capo dello sport Italiano all'Ansa - per mettere in condizione il più possibile di dare visibilità alle discipline invernali, agli sponsor e chi ha investito sui progetti". "Ringrazio anche il gruppo Discovery, sono molto molto felice, complimenti a presidente e direttore generale della Rai".

19:05Russia: Sobchak attacca Putin, ‘teme competizione’

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - La candidata alle presidenziali in Russia e giornalista della tv 'Dozhd' Xenia Sobchak attacca Vladimir Putin con una domanda scomoda durante la conferenza stampa annuale del leader russo: "Perche' il Cremlino ha cosi' tanta paura della competizione?", chiede Sobchak, completamente vestita di rosso, denunciando che all'oppositore Alexiei Navalni non e' stato permesso di candidarsi e che "le persone sanno bene che essere leader dell'opposizione significa essere uccisi o incarcerati".

19:03Gerusalemme:sindaco Nazareth cancella cerimonie Natale

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - Il sindaco della città arabo-israeliana di Nazareth, nel nord del paese, Ali Salam, ha deciso di cancellare le celebrazioni programmate per le feste natalizie, ad eccezione di quella per l'illuminazione dell'albero di Natale e la tradizionale marcia annuale. Salam - che è musulmano - ha motivato la mossa, secondo l'agenzia ufficiale palestinese Wafa, per protesta "contro l'annuncio di Donald Trump su Gerusalemme".

Archivio Ultima ora