Orgoglio Parma frena la Roma, e il Cesena blocca la Juve

Pubblicato il 15 febbraio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Cesena-Juventus
ROMA. – Tra Juventus e Roma il distacco resta invariato. La formazione di Allegri, nel posticipo, viene fermata in casa del Cesena 2-2. Romagnoli in vantaggio con Djuric, poi Morata e Marchisio ribaltano il risultato ma nella ripresa Brienza riporta il risultato sul 2-2 e Arturo Vidal sbaglia il rigore che poteva significare la vittoria. La Roma ha il fiato corto e un futuro nebuloso dopo il pari col Parma fanalino di coda; la pattuglia di Garcia prosegue la sua involuzione che non si puo’ giustificare con le assenze. Occasione buttata quindi per dare pressione alla Juve e lasciare a 7 punti il Napoli. Risalgono invece le quotazioni della Lazio che, con fatica e sacrificio, si impone a Udine e riparte all’assalto del terzo posto che la Fiorentina contende al Napoli caduto male ieri a Palermo. A gioire pero’ e’ anche l’Inter che ottiene un 4-1 convincente in casa dell’Atalanta, propone un Guarin rigenerato dalla cura Mancini e riparte all’assalto di un posto in Europa. Il colombiano si prende sulle spalle la squadra, si procura un rigore, segna due gol trascinando l’Inter alla riscossa. L’Inter convince mentre il Milan continua a deludere: il pari in casa con l’Empoli, nonostante il battesimo del gol in rossonero per Destro, fa naufragare ancora la fragile pattuglia di Inzaghi, di nuovo a rischio. Gioisce il Genoa che affossa il Verona (la Samp gioca alle 18 casa del Chievo) mentre il Cagliari ferma in trasferta in casa del Torino. Le ultime a volte inguaiano le prime. Il Parma delle 18 sconfitte in stagione alza un muro munito che la Roma non riesce ad abbattere: i giallorossi (al quinto pari di fila in casa) attaccano a testa bassa per tutta la gara ma con scarsa lucidita’: l’inserimento di Gervinho e Doumbia non producono grossi effetti e tocca a Ljaijc cercare piu’ volte la conclusione. Le occasioni migliori capitano a Cole che prende una traversa e si mangia in vantaggio. Il Parma, in attesa del pagamento degli stipendi, soffre, si difende con generosita’ e guadagna un punto che fa morale ma la salvezza resta una chimera. Il maggior salto in classifica lo compie la Lazio che, dopo la sconfitta col Genoa e le polemiche su Lotito, riesce a violare il campo di Udine: decide un rigore su Klose che fa imbestialire Stramaccioni. Candreva trasforma con un cucchiaio e zittisce i fischi dei suoi ex tifosi. Destino antitetico per le due milanesi: l’Inter stravince a Bergamo con un super Guarin, i bergamaschi solo una volta riescono a recuperare lo svantaggio, poi la colpevole espulsione di Benalouane (proteste inutili dopo il giallo) taglia le gambe ai padroni di casa. L’Inter cambia marcia,convince a centrocampo, fa a meno dell’influenzato Icardi e si propone per una rincorsa per l’Europa. Niente da fare invece per il Milan che applaude il primo gol di Destro, classica incursione di rapina, poi l’Empoli pareggia con Maccarone su errore di Paletta. I rossoneri finiscono in nove per l’espulsione dI Diego Lopez e l’infortunio di Paletta. Ora la situazione per Inzaghi si fa sempre piu’ difficile. Avanza a passo di carica il Genoa che strapazza il Verona 5-2 e prepara nel migliore dei modi il derby con la Sampdoria: una doppietta di Toni cerca di opporsi allo strapotere dei rossoblu’ che tracimano con una doppietta dell’ottimo Niang, le reti di Bertolacci e Perotti e l’iniziale autogol di Agostini. Si deve accontentare del pari il Torino che non va oltre l’1-1 in casa col Cagliari: vantaggio di Donsah, pari di El Kaddouri e tentativi infruttuosi di Quagliarella di firmare il suo decimo sigillo. Per i sardi un punto importante per la difficile rincorsa salvezza. Battuta d’arresto per la Sampdoria che esce sconfitta nella partita con il Chievo 2-1: la formazione di Maran torna al successo tra le mura amiche grazie alle reti di Izco e Meggiorini. I blucerchiati incidono poco se non nel finale quando vanno in gol con Muriel servito da Eto’o.

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora