Copenaghen: se la Scandinavia diventa prima linea

Pubblicato il 15 febbraio 2015 da redazione

DENMARK COPENHAGEN SHOOTING
ROMA. – L’ultimo allarme è di meno di un mese fa: un fascicolo gonfio di rapporti dei servizi di sicurezza e di misure antiterrorismo, da adottare in Europa per arginare il fenomeno dei foreign fighters, viene depositato sul tavolo dei ministri degli esteri Ue all’indomani della strage di Parigi a Charlie Hebdo. Qualche settimana dopo un’altra capitale europea finisce sotto il fuoco di quello che sembra un attacco coordinato contro l’occidente e contro un simbolo dell’ebraismo, una delle sinagoghe di Copenaghen. Il profilo del conflitto con l’estremismo islamico ai tempi del califfato dell’Isis, ha assunto una valenza diversa: da appoggio politico a scesa in campo vera e propria, e mai come da un anno a questa parte, i servizi segreti occidentali hanno dato conto della presenza di tanti foreign fighters, combattenti stranieri che si uniscono alle file dell’Isis, nuova figura di militante globale. La Scandinavia in questo quadro gioca da tempo la parte del leone, un po’ perché terra di elezione dei flussi migratori, grazie alla tradizione di accoglienza e ad uno stato sociale funzionante, un po’ perché rimasta sempre periferica rispetto alle rotte del terrorismo organizzato, preda eventualmente dell’atto sconsiderato di un singolo (Anders Breivik in Norvegia, ancorchè non islamico, vale da esempio). Inoltre in Svezia, Danimarca e Norvegia le seconde generazioni stanno scalpitando da mesi – da quando l’Isis ha deciso di voler conquistare Siria e Iraq e poi il mondo – per unirsi alle truppe delle bandiere nere che ormai reclutano ragazzi e ragazze ovunque. Quando ad esempio nell’ottobre del 2013 due ragazze di origine somala fuggirono dalla Norvegia per ”andare a combattere in Siria” (salvo poi pentirsene) il fenomeno era appena agli inizi. Eppure stiamo parlando di paesi nei quali si continuano a costruire moschee e si cerca di dare voce a tutte le minoranze religiose, in particolare all’Islam, i cui fedeli sono la maggioranza degli immigrati in tutti e tre i paesi. Anche se, è il caso della Moschea di Aahrus in Danimarca, proprio da questi luoghi di culto musulmani giungono improvvisi e convinti sostegni all’Isis. Ma si tratta anche di nazioni dove le destre xenofobe hanno in questi anni fatto passi da gigante, un po’ sull’onda dell’antieuropeismo, un po’ su quella dell’anti immigrazione: un esempio su tutti è al governo in Norvegia dove la destra tradizionale si è dovuta alleare con i populisti nazionalisti xenofobi. Ecco allora l’affacciarsi di una frattura che sembra approfondirsi settimana dopo settimana, ed ecco combattenti pronti a morire, che partono dalle terre del nord per la Siria, l’Iraq, forse lo Yemen o la Libia. Contemporaneamente Svezia e Norvegia partecipano con aiuti umanitari alla coalizione internazionale contro l’Isis, mentre la Danimarca ha messo in campo degli F16. Il rapporto dell’Ue sui foreign fighters parla ad esempio della Danimarca, prima per ‘contribuzione combattente’ se si mette in rapporto il numero di chi ha lasciato il paese (un centinaio) al numero degli abitanti e degli immigrati. Dalla Norvegia quasi 200 si sono uniti all’Isis e di questi, affermano i servizi a Oslo, molti sono minori. Fonti di intelligence americane parlano poi di norvegesi che hanno acquisito posizioni di preminenza in seno al califfato. In Svezia è più rilevante il fenomeno delle cellule dormienti: la Sapo (l’intelligence svedese) segnala reclutatori in loco che hanno creato una rete di estremisti pronti ad entrare in azione. Del resto subito dopo l’attacco di Copenaghen le autorità di Stoccolma sono state messe in allarme per un possibile passaggio di terroristi attraverso il ponte che separa Svezia e Danimarca. Senza contare le notizie che continuamente provengono dal teatro delle battaglie e che danno conto di morti provenienti dai paesi scandinavi e, di contro, quelle che mettono in rilievo i sempre più stretti collegamenti tra gruppi neonazisti dei vari paesi del Nord. L’abilità dei governi scandinavi consisterà dunque nel prossimo futuro nella attenta navigazione tra gli iceberg di entrambi gli estremismi evitando che collidano, ma anche che schiaccino paesi considerati terreni di confronto e democrazia. (di Maria Novella Topi/ANSA)

Ultima ora

09:51Usa: California, brucia ancora zona a ovest di Los Angeles

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia ancora la zona a ovest di Los Angeles, in California, dove le fiamme - alimentate da forti venti - minacciano ora migliaia di case, mentre migliora la situazione a nordovest della città. L'incendio, soprannominato Thomas Fire, e' il quarto più grande che ha mai colpito la California: i vigili del fuoco sono riusciti finora a domarlo per circa il 35% rispetto al totale dell'area colpita dal 4 dicembre scorso di circa 1.036 chilometri quadrati tra le contee di Ventura e Santa Barbara. Finora l'incendio ha distrutti oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e secondo le autorità potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Giovedì, come e' noto, l'incendio e' costato la vita a un vigile del fuoco.

09:48India: Rahul Gandhi è presidente del partito del Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 16 DIC - Rahul Gandhi ha assunto oggi formalmente a New Delhi l'incarico di presidente dello storico partito del Congresso indiano, succedendo alla madre, l'italo-indiana Sonia Gandhi, che lo ha conservato per 19 anni. La transizione alla guida del più antico partito indiano è divenuta ufficiale quando il presidente dell'Authority elettorale centrale, Mullapally Ramachandran, ha consegnato a Gandhi, 47 anni, il 'Certificato di promozione', risultato delle indicazioni unanimi pervenute da tutte le sedi regionali del partito. All'annuncio dell'insediamento, riferisce l'agenzia di stampa Ians, all'esterno del quartier generale del partito al 24 della Akbar Road, centinaia di militanti del Congresso hanno danzato, lanciato fuochi artificiali e distribuito dolci ai presenti.

09:05Molestie: a Hollywood una commissione per combatterle

(ANSA) - LOS ANGELES, 16 DIC - Le più autorevoli rappresentanti dell'industria cinematografica di Hollywood e dei principali media statunitensi hanno deciso di istituire una commissione antimolestie e per la parità nei luoghi di lavoro. La presiederà Anita Hill, che nel '99 denunciò un giudice. L'iniziativa è nata dalla produttrice di Star Wars Kathleen Kennedy e da altre donne dirigenti del settore al termine di un incontro in cui erano rappresentati quasi tutti i principali studi di Hollywood, le emittenti tv e le etichette discografiche.

09:02Terremoti: Indonesia, due i morti, decine di feriti

(ANSA) - GIACARTA, 16 DIC - E' di due morti e decine di feriti l'ultimo bilancio del terremoto di magnitudo 6.5 avvenuto venerdì a Giacarta. Decine di case vicino all'epicentro sono state danneggiate, come pure alcuni ospedali i cui ricoverati sono stati evacuati. La scossa si è verificata alle 23.47 ora locale (le 17.47 in Italia) ed ha interessato tutta l'isola, dove la gente è fuggita dalle abitazioni riversandosi in strada. Nella capitale Giacarta, a 200 chilometri circa dall'epicentro, gli edifici più alti hanno ondeggiato durante la scossa più forte, che ha insistito per circa 30 secondi. Il timore di uno tsunami ha spinto gli abitanti della costa a riversarsi lungo le strade verso l'interno con ogni mezzo. Oltre mille persone sono state evacuate dalla zona di Subakumi e vi hanno fatto ritorno alle prime ore di oggi, quando le autorità hanno escluso la possibilità di uno tsunami. Due persone hanno perso la vita sotto le macerie degli edifici crollati: si tratta di un uomo di 62 anni e una donna di 80.

07:14Lanciata molotov davanti a commissariato a Roma

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Una bottiglia molotov è stata lanciata nella serata di ieri davanti al commissariato Prati, nel centro di Roma. A tirarla una persona, con il volto coperto da casco, a bordo di uno scooter che arrivando in via Ruffini ha rallentato e, dopo aver tirato la bottiglia incendiaria, è scappato. Centrato un vecchio furgone della polizia parcheggiato nell'area di sosta davanti al commissariato che è rimasto danneggiato nella parte anteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato Prati e della Digos per risalire al responsabile. Al vaglio le registrazioni delle telecamere. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dal gesto anarchico a un episodio legato ad ambienti della tifoseria. Il commissariato Prati, infatti, ha un ruolo centrale nell'organizzazione della sicurezza dello stadio Olimpico. L'episodio avviene a pochi giorni di distanza dall'esplosione di un ordigno rudimentale davanti alla stazione dei carabinieri San Giovanni.

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

Archivio Ultima ora