Netanyahu agli ebrei europei, emigrate in Israele

Pubblicato il 15 febbraio 2015 da redazione

Denmark Shots

TEL AVIV. – ”Israele e’ casa vostra”. Di fronte al nuovo attentato terroristico a Copenaghen, che ha colpito anche la sinagoga della capitale danese, il premier Benyamin Netanyahu ha ribadito l’appello agli ebrei europei – come aveva gia’ fatto dopo la strage di Parigi – a lasciare i loro paesi. Non prima di aver denunciato che una volta in piu’ ”gli ebrei vengono uccisi su suolo europeo solo perchè sono ebrei”. Parlando prima delle notizie diffusesi in serata sull’ennesimo atto d’intolleranza in Francia, con la profanazione di alcune centinaia di tombe ebraiche a Sarre-Union, nel Basso Reno, Netanyahu ha sfoderato toni allarmanti. E rivolgendosi a tutte le comunita’ della diaspora del Vecchio Continente, si è detto certo che ”questa ondata di attacchi terroristici continuerà”: come a dire non illudetevi. Per non lasciare le parole senza fatti, Netanyahu si e’ mosso anche su un altro campo: il governo israeliano – riunito stamattina mentre da Copenaghen si moltiplicavano le notizie sul doppio attentato – ha varato stamattina un pacchetto di misure per ”preparare Israele ad una emigrazione di massa”. Un piano da 180 milioni di shekel (quasi 41 milioni di euro) per incoraggiare l’assorbimento di nuovi arrivi da Francia, Belgio e Ucraina, visto che in base alla Legge del Ritorno ogni emigrante ebreo che si trasferisce in Israele ha diritto ad un insieme di facilitazioni finanziarie. ”Ne appronteremo un altro al piu’ presto – ha annunciato Netanyahu -, agli ebrei di Europa e del mondo voglio dire che Israele li aspetta a braccia aperte”. Tuttavia le prime reazioni alle dichiarazioni del premier e leader della destra nazionalista israeliana non sono state certo entusiastiche. Almeno da parte del rabbino capo di Danimarca: ”Il terrorismo non e’ una buona ragione per andare in Israele”, ha replicato Yair Melchior, aggiungendo di essere rimasto anzi ”deluso” dalle parole di Netanyahu, interpretate come una strumentalizzazione politica. Anche l’ambasciatore danese in Israele Jesper Vahr ha riposto seccamente: ”La soluzione per gli ebrei danesi non e’ andare via sulla scia degli attacchi terroristici di Copenhagen. Il nostro primo ministro – ha aggiunto dopo aver ricordato le misure di sicurezza rafforzate – ha detto che l’attacco alla comunita’ ebraica e’ un attacco a tutti i cittadini danesi”. Analoghe dichiarazioni sono state rilasciate da vari esponenti della realtà ebraica di Copenhagen che hanno esaltato semmai il sacrificio di Dan Uzan, il guardiano di 37 anni ucciso nell’attentato davanti la sinagoga e salutato ora come un eroe, visto che la sua azione ha impedito una possibile strage all’interno del tempio dove si stava celebrando la maggiore eta’ religiosa (bat mitzvah) di una ragazza ebrea. Fatto sta che in Israele – secondo gli ultimi dati – sta aumentando l’immigrazione di ebrei dall’Europa, a cominciare proprio da quelli francesi: nell’anno appena passato sono stati 6.658, piu’ del doppio dell’anno precedente, mentre a gennaio 2015 si e’ gia’ arrivati a 1.835. E la notizia di queste ore sul raid vandalico antisemita nel cimitero di Sarre-Union, non sembra certo destinata a frenare il flusso. (di Massimo Lomonaco/ANSA)

Ultima ora

09:51Usa: California, brucia ancora zona a ovest di Los Angeles

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia ancora la zona a ovest di Los Angeles, in California, dove le fiamme - alimentate da forti venti - minacciano ora migliaia di case, mentre migliora la situazione a nordovest della città. L'incendio, soprannominato Thomas Fire, e' il quarto più grande che ha mai colpito la California: i vigili del fuoco sono riusciti finora a domarlo per circa il 35% rispetto al totale dell'area colpita dal 4 dicembre scorso di circa 1.036 chilometri quadrati tra le contee di Ventura e Santa Barbara. Finora l'incendio ha distrutti oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e secondo le autorità potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Giovedì, come e' noto, l'incendio e' costato la vita a un vigile del fuoco.

09:48India: Rahul Gandhi è presidente del partito del Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 16 DIC - Rahul Gandhi ha assunto oggi formalmente a New Delhi l'incarico di presidente dello storico partito del Congresso indiano, succedendo alla madre, l'italo-indiana Sonia Gandhi, che lo ha conservato per 19 anni. La transizione alla guida del più antico partito indiano è divenuta ufficiale quando il presidente dell'Authority elettorale centrale, Mullapally Ramachandran, ha consegnato a Gandhi, 47 anni, il 'Certificato di promozione', risultato delle indicazioni unanimi pervenute da tutte le sedi regionali del partito. All'annuncio dell'insediamento, riferisce l'agenzia di stampa Ians, all'esterno del quartier generale del partito al 24 della Akbar Road, centinaia di militanti del Congresso hanno danzato, lanciato fuochi artificiali e distribuito dolci ai presenti.

09:05Molestie: a Hollywood una commissione per combatterle

(ANSA) - LOS ANGELES, 16 DIC - Le più autorevoli rappresentanti dell'industria cinematografica di Hollywood e dei principali media statunitensi hanno deciso di istituire una commissione antimolestie e per la parità nei luoghi di lavoro. La presiederà Anita Hill, che nel '99 denunciò un giudice. L'iniziativa è nata dalla produttrice di Star Wars Kathleen Kennedy e da altre donne dirigenti del settore al termine di un incontro in cui erano rappresentati quasi tutti i principali studi di Hollywood, le emittenti tv e le etichette discografiche.

09:02Terremoti: Indonesia, due i morti, decine di feriti

(ANSA) - GIACARTA, 16 DIC - E' di due morti e decine di feriti l'ultimo bilancio del terremoto di magnitudo 6.5 avvenuto venerdì a Giacarta. Decine di case vicino all'epicentro sono state danneggiate, come pure alcuni ospedali i cui ricoverati sono stati evacuati. La scossa si è verificata alle 23.47 ora locale (le 17.47 in Italia) ed ha interessato tutta l'isola, dove la gente è fuggita dalle abitazioni riversandosi in strada. Nella capitale Giacarta, a 200 chilometri circa dall'epicentro, gli edifici più alti hanno ondeggiato durante la scossa più forte, che ha insistito per circa 30 secondi. Il timore di uno tsunami ha spinto gli abitanti della costa a riversarsi lungo le strade verso l'interno con ogni mezzo. Oltre mille persone sono state evacuate dalla zona di Subakumi e vi hanno fatto ritorno alle prime ore di oggi, quando le autorità hanno escluso la possibilità di uno tsunami. Due persone hanno perso la vita sotto le macerie degli edifici crollati: si tratta di un uomo di 62 anni e una donna di 80.

07:14Lanciata molotov davanti a commissariato a Roma

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Una bottiglia molotov è stata lanciata nella serata di ieri davanti al commissariato Prati, nel centro di Roma. A tirarla una persona, con il volto coperto da casco, a bordo di uno scooter che arrivando in via Ruffini ha rallentato e, dopo aver tirato la bottiglia incendiaria, è scappato. Centrato un vecchio furgone della polizia parcheggiato nell'area di sosta davanti al commissariato che è rimasto danneggiato nella parte anteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato Prati e della Digos per risalire al responsabile. Al vaglio le registrazioni delle telecamere. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dal gesto anarchico a un episodio legato ad ambienti della tifoseria. Il commissariato Prati, infatti, ha un ruolo centrale nell'organizzazione della sicurezza dello stadio Olimpico. L'episodio avviene a pochi giorni di distanza dall'esplosione di un ordigno rudimentale davanti alla stazione dei carabinieri San Giovanni.

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

Archivio Ultima ora