Kiev cede Debaltsevo, i ribelli issano la bandiera della Novorossia

Pubblicato il 18 febbraio 2015 da redazione

Crisis in Ukraine

MOSCA. – Nuovo rovescio militare per l’esercito di Kiev e ulteriore indebolimento politico per il presidente Petro Poroshenko: i ribelli filorussi, dopo l’aeroporto di Donetsk, hanno espugnato anche lo strategico nodo ferroviario di Debaltsevo, issando la bandiera della Novorossia (croce blu di sant’Andrea su sfondo rosso), come ora Mosca chiama i territori separatisti rispolverando il nome zarista dell’attuale Ucraina sud-orientale. Un blitz condannato da tutta la comunità internazionale come una grave violazione degli accordi di Minsk, che prevedevano la tregua da domenica, mentre le milizie hanno continuano la loro offensiva, anche se oggi hanno lanciato segnali di distensione annunciando l’inizio del ritiro degli arsenali pesanti. “Si sono arresi a centinaia consegnando le armi”, si sono vantati i capi dei ribelli. Totalmente diversa la versione di Poroshenko, che è volato al fronte in mimetica per stringere le mani degli “eroi” ucraini, dopo aver annunciato un “ritiro pianificato” con le armi verso Artiomivsk, a 35 km da Debaltsevo. A suo avviso si tratta di un “colpo ai denti” ai ribelli, una dimostrazione che non c’era accerchiamento, come sostenevano i separatisti per rivendicare Debaltesvo sin dal vertice di Minsk, dove l’assegnazione della cittadina è rimasta un nodo insoluto nel braccio di ferro tra Putin e gli altri tre leader del formato Normandia (Merkel, Hollande e Poroshenko). L’uscita delle colonne di tank, blindati e veicoli leggeri è stata vista dai giornalisti. Ma che si tratti di soldati arresi, fatti prigionieri o semplicemente ritirati, tutti in ogni caso apparsi in pessime condizioni, non muta la sostanza dei fatti: Kiev è stata costretta a cedere Debaltsevo. Una sconfitta resa ancor più bruciante dalla provocazione lanciata ieri da Putin nella conferenza stampa a Budapest con il compiacente premier ungherese Viktor Orban: “E’ sempre brutto perdere, soprattutto se capita contro quelli che fino ieri facevano i minatori o guidavano trattori (i separatisti del Donbass, ndr), ma questa è la vita e la vita va avanti, inutile fissarsi su questo”. Una battuta sgradita anche all’Occidente, convinto che quei minatori e quei trattoristi non sarebbero andati lontano senza gli aiuti militari russi, di cui oggi Londra ha fornito altre presunte prove con foto di avanzatissimi sistemi di artiglieria Pantsir-S1 (in codice Nato Sa-22). Ancora ignoto il vero bilancio degli ultimi giorni di feroci combattimenti intorno a Debaltsevo. Se i ribelli sostengono di aver ucciso tra i 2000 e i 3000 soldati, Kiev ufficialmente ammette la morte di 22 uomini, di cui sei durante il “ritiro pianificato” da Debaltsevo, 150 feriti e solo qualche prigioniero. Ma alcuni media, anche ucraini, hanno visto all’obitorio di Artiomivsk alcune decine di cadaveri di soldati, alcuni in sacchi di plastica neri, e una lunga fila di bare di legno. La presa di Debaltsevo è stata condannata fermamente dall’Occidente. “Una chiara violazione del cessate il fuoco”, hanno accusato la Casa Bianca e il capo della diplomazia Ue Federica Mogherini, la quale ha ricordato che Bruxelles “resta pronta a prendere misure appropriate nel caso in cui continuino i combattimenti e altri sviluppi negativi in violazione degli accordi di Minsk”. Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha accusato i ribelli di aver “messo a rischio” gli accordi di pace, sostenendo che truppe e mezzi russi “sono sempre attivi in Ucraina”. L’offensiva ribelle è “nefasta per le speranze di pace”, ha commentato la cancelleria tedesca, sottolineando che in caso di nuova escalation “potrebbero essere necessarie” nuove sanzioni contro Mosca. Ma proprio oggi la Russia ha invitato l’Occidente a cessare la guerra delle sanzioni e ad avviare un dialogo costruttivo, pur riservandosi il diritto di rispondere alle nuove sanzioni del Canada. In serata era fissata una nuova conference call tra Putin, Poroshenko, Merkel e Hollande. Ma ora più di qualcuno comincia a chiedersi che cosa intendano fare i due leader europei dopo la violazione della tregua a Debaltsevo e il nuovo scacco subito da Poroshenko. Soprattutto dopo che la Merkel ha dichiarato che “faremo di tutto per continuare a poter dire: vogliamo che la Russia torni a essere un nostro partner. Non vogliamo agire contro la Russia, ma con essa”.  (di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

Archivio Ultima ora