Il Derby della Lanterna con vista sull’Europa, Samp-Genoa story

Pubblicato il 19 febbraio 2015 da redazione

genoa_sampdoria_coreografia_getty

ROMA. – Derby con vista sull’Europa. E’ questa la prospettiva affascinante e imprevista che Sampdoria e Genoa vivranno sabato sera dato che procedono a braccetto al 6/o posto di un torneo che ha ribaltato le gerarchie, con Inter e Milan a distanza. E’ la locomotiva low cost gestita da Gasperini che vi arriva col vento in poppa, ma la frenata recente della Mihajlovic band non cancella gli encomi meritati nell’andata. Sara’ una sfida bollente dato che il sito Footballderbies.com colloca il derby della Lanterna al 14/o posto tra i piu’ sentiti in una graduatoria guidata da Fenerbahce-Galatasaray con Roma al 5/o posto, Milano al 20/o, Verona e Torino sperdute al 78/o e 80/o. La rivalita’ e’ cosi’ radicata che ha tratto linfa sia dalle rare stagioni di gloria che dai lunghi periodi bui. Perche’ di scherzi perfidi se ne sono scambiati sempre, a partire dai primi vagiti della Samp nel 1946, con il gusto sadico di decidere l’altrui retrocessione. Ad esempio, un 3-2 per la Samp nel 1951 orienta il declassamento del Genoa. Nove anni dopo stessa solfa: 3-0 con doppietta di Skoglund e i rossoblu’ precipitano. La vendetta viene consumata nel 1977: il Genoa prima vince 2-1, poi perde con le pericolanti Bologna e Foggia, e la Samp retrocede. Qualcosa di simile in B nel 2000: il Genoa si impone 1-0 e la Samp perde la promozione per un punto. Retrocede invece la Samp nel 2011 dopo un 2-1 sancito da Boselli al 7′ di recupero. Ce n’e’ abbastanza per alimentare e dividere per sempre la citta’. Il Genoa, primo club fondato in Italia e vincitore di nove scudetti fino agli anni ’20, rivendica simpatizzanti o tifosi illustri come Pertini, Tortora, De Andre’, Gassman, Brera; e’ l’antica nobilta’ decaduta che ha avuto poche gioie recenti (il quarto posto di Bagnoli nel 1991 e il quinto di Gasperini nel 2009). La Samp e’ cresciuta piano ma ha spopolato con la gestione Mantovani e l’epopea di Boskov, Mancini e Vialli culminata con lo scudetto del 1991, la coppa delle Coppe vinta e quella dei Campioni persa ai supplementari. Poi un terzo posto con Eriksson e Gullit nel 1994 e un quarto nel 2010 con Garrone, Delneri e Cassano-Pazzini. Rari momenti di gloria in quasi 70 anni, 113 se si considera l’avvento dell’Andrea Doria, antenata della Samp,diventata poi Liguria, Sampierdarenese e la Dominante. Dal 1946 prevale la Samp (24 vittorie a 16 con 23 pari in A), a partire dal 3-0 del primo derby, alla presenza del Capo provvisorio dello Stato (poi Presidente), Enrico De Nicola. Zoomando dal dopoguerra ecco alcune pillole: nel 1948 1-1 il 22 aprile nella sfida giocata di giovedi’ per non interferire con le elezioni del 18 aprile e la caporetto del Fronte Popolare; sei mesi dopo la Samp si impone col massimo vantaggio, 5-1. Il Genoa si riscatta col 3-1 del 1957 e i tre assist del leopardo uruguagio Abbadie. Nel 1974 1-1 con Maraschi che impatta alla fine su rovesciata: ci sarebbe una doppia retrocessione ma la Samp si salva per un illecito del Verona. C’e’ un 2-2 nel 1983 con la Samp che colpisce quattro pali, poi un 2-1 in rimonta nel 1989 firmato Mancini-Vialli. Nell’anno dello scudetto un pari e un 1-0 per il Genoa (bomba di Branco), con foto trasformata in cartolina e inviata per sberleffo a Natale ai tifosi doriani. Nel 1992 4-1 per la Samp ma fa notizia la sospensione per 10′ per lancio di rotoli di carta igienica a Pagliuca. Sale in cattedra Milito che segna l’unica tripletta nel 3-1 con tre espulsioni del 2009. Gasperini raddoppia col 3-0 sei mesi dopo. La storia recente non conosce pari: nel 2012 3-1 per la Samp con primo gol di Icardi in A e clamoroso autogol di Bovo, e 3-0 per il Genoa. Poi solo Samp di misura: 1-0 con Maxi Lopez nella gara spostata per il minacciato sciopero dei tifosi e, nell’andata, con gol di Gabbiadini, il campioncino ceduto al Napoli. Ma un terzo ko di fila sarebbe indigeribile anche per una tifoseria che apprezza la gestione del pittoresco Ferrero, il cui atteggiamento e’ agli antipodi dell’aplomb di Mantovani e Garrone. Dall’altra parte il re dei giocattoli e genio del mercato Preziosi: ogni volta mischia carte e giocatori, guadagna e regala a Gasperini una rosa sempre piu’ forte, pronta a essere smembrata per la rassegnata disperazione dei tifosi. (di Giorgio Svalduz/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora