Immigrazione: l’Ue annuncia la svolta, l’Italia non è sola

Pubblicato il 19 febbraio 2015 da redazione

Immigrazione: Guardia Costiera, ieri salvati 265 migranti

BRUXELLES. – Estensione dell’operazione Triton e 13,7 milioni di euro per l’asilo: la Commissione Ue potenzia l’ “assistenza” a Roma per far fronte alla pressione migratoria e manda un segnale chiaro, come mai prima, lasciando intravedere la traiettoria di una svolta concreta: “l’Italia non è sola. L’Europa è al suo fianco”, siamo “pronti ad aggiungere risorse” all’operazione di Frontex “se sarà richiesto”. Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni parla di “primo passo in risposta alle sollecitazioni”, confidando che ce ne siano altri a breve, e per il capo del Viminale Angelino Alfano “è finalmente chiaro” che la questione “è una grande strategia di politica estera e internazionale”. Quello che è certo a Bruxelles ce l’hanno messa tutta per apparire convincenti. Il commissario all’Immigrazione Dimitris Avramopoulos è sceso in sala stampa scandendo con tono solenne “l’Italia non è sola. L’Europa è al suo fianco” due volte, anche in italiano, per rendere il concetto più incisivo. E a far rimbalzare le stesse parole da Washington, dove è impegnata in un vertice sugli estremismi e la sicurezza è l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini, mentre il primo vice presidente Frans Timmermans scriveva su Twitter: “abbiamo raccolto l’appello dell’Italia e stiamo rispondendo con ogni mezzo a nostra disposizione”. Di concreto c’è il prolungamento dell’operazione Triton, inizialmente prevista solo per alcuni mesi e ora estesa almeno a fine 2015 – per questa proroga c’è una “dotazione iniziale provvisoria di 18,2 milioni” -, oltre ad un’erogazione di 13,7 milioni di finanziamenti di emergenza, che vengono attinti al Fondo Asilo, migrazione e integrazione, su richiesta delle autorità italiane, anche alla luce del drammatico aumento degli arrivi di minori non accompagnati (il 278% in più rispetto al 2013). Cifre che si aggiungono ad un pacchetto già stanziato di oltre 500 milioni di euro per il periodo 2014-2020. Ma Bruxelles si dice anche “pronta a reagire rapidamente” di fronte a “eventuali richieste” di Roma “di aumentare le risorse” per l’operazione congiunta di Frontex, a cui attualmente partecipano 21 Stati membri, e che dal suo avvio, il primo novembre 2014, ha contribuito in modo diretto a salvare 6mila persone su circa 19mila, partecipando a 27 operazioni di ricerca e salvataggio solo nel weekend scorso. “Non possiamo sostituirci all’Italia nella gestione delle sue frontiere esterne ma possiamo darle una mano”, afferma Avramopoulos che ribadisce come a breve la Commissione presenterà un’Agenda per l’immigrazione dall'”approccio olistico”. Sarà la prima vera politica europea sul tema, che punta a risultati concreti, al di là degli slogan inconsistenti lanciati dall’Ue negli ultimi anni, annuncia il commissario. E ricordando l’episodio della Guardia costiera italiana minacciata da trafficanti armati durante una missione di salvataggio afferma: “Non possiamo chiudere gli occhi e andare avanti come se fosse ‘business as usual'”. Banco di prova saranno saranno comunque gli appuntamenti del 4 marzo, con un dibattito orientativo del collegio dei commissari; ed il 12 marzo quando la questione sarà al centro del Consiglio Ue Affari interni. Solo allora, forse, si avrà la misura di quanto lontano l’Ue sia davvero disposta a spingersi. Critiche arrivano da Amnesty International “estendere l’operazione Triton, senza aumentare le sue risorse e la sua zona operativa, non cambia nulla”, sottolinea Iverna McGowan. Sul fronte politico interno, il Pd esprime una cauta soddisfazione con l’invito a fare di più, come auspica la responsabile Immigrazione Micaela Campana. Gli esponenti di Area popolare (Ncd-Udc) si dicono contenti, con Renato Schifani che parla di “successo di Alfano”. Una netta bocciatura arriva dalla Lega: il capogruppo in commissione Giustizia Nicola Molteni, definisce il nuovo stanziamento per Triton, “un finanziamento al terrorismo”. E fortemente critico è anche M5S: per i deputati della Commissione Esteri “Triton un’operazione di facciata con un contributo risibile”, “il primo passo da fare è il superamento di Dublino III”.  (di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

19:02Champions: Al Khelaifi avvisa il Real

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo molto rispetto per il Real Madrid, saranno due grandi partite, i tifosi vivranno due magici match, a Madrid e nel Parc des Princes. Noi dobbiamo essere pronti a giocare contro tutte le squadre e arriveremo preparati all'appuntamento". Così il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi, in una dichiarazione sul sito del club, subito dopo il sorteggio di Nyon che ha messo di fronte negli ottavi di Champions ai campioni di Francia i campioni d'Europa. Questa sarà la quarta volta in cui il club parigino e il Real Madrid si affrontano in Europa.

Archivio Ultima ora