Maxi frode fiscale aziende tessili cinesi scoperta da Gdf

(ANSA) – SENIGALLIA (ANCONA), 20 FEB – La Guardia di finanza di Senigallia ha scoperto una grossa frode fiscale che ruotava attorno ad aziende tessili cinesi con un giro d’affari di circa sei milioni di euro. Nove gli imprenditori cinesi denunciati per non aver mai versato imposte al fisco. L’operazione, in codice ‘Scatole cinesi’, ha riguardato Senigallia, Trecastelli e Castelleone di Suasa. A far scattare l’inchiesta il ‘fiuto’ di un agente della Gdf, che ha scovato documenti in bidoni della spazzatura.

Condividi: