Sci nordico: Pittin è tornato, combinata lampo d’argento

Nordic Combined World Cup in Schonach

ROMA. – Dieci chilometri per dire al mondo della neve che fatica: “sono tornato”. Alessandro Pittin si regala l’argento ai mondiali di sci nordico di Falun: un secondo posto nella combinata arrivato con la rimonta proprio sulla prova di fondo dopo il 14/o nel turno dei salti. Il finanziere di Cercivento, che nel 2010 a Vancouver aveva conquistato il bronzo olimpico, prima medaglia a cinque cerchi nella specialità per l’Italia, riscatta così tre anni senza acuti, i problemi alla spalla e la delusione per il quarto posto ai Giochi di Sochi, un anno fa. E questo argento ora rappresenta il miglior risultato di sempre per gli azzurri tra Mondiali e Olimpiadi. Nella rassegna iridata in Svezia – finora senza medaglie per la spedizione italiana – l’atleta 25enne è riuscito a portarsi sul podio: dopo il turno di salti e oltre tre ore di rinvii per le forti raffiche, Pittin era a 1″16 dal tedesco Eric Frenzel, poi è partito a razzo nei 10 km di fondo riacciuffando in pochi chilometri il gruppo degli inseguitori dei migliori sei che mantenevano un vantaggio di circa 50 secondi. Poi Pittin ha deciso di lasciare il gruppone per riagganciare i migliori. Ancora qualche chilometro per riprendere le forze e poi la salita finale, che lo vedeva al comando seguito dal solo Johannes Rydzek (oro alla fine). “Dopo il salto ho sentito che sarebbe stata la giornata giusta – ha detto Pittin -: ho fatto tre giri a grande velocità, poi ho rifiatato un attimo ma non ho potuto aspettare troppo perché altrimenti il gruppo mi avrebbe rimontato. Sapevo che Rydzek mi sarebbe passato davanti nel finale, ma partendo sull’ultima salita la medaglia sarebbe stata certa. Ho fatto il salto migliore della mia stagione e con questa medaglia chiudo un periodo negativo che si era aperto tre anni fa, quando mi feci male alla spalla. La giornata è stata stressante a causa dei continui rinvii, ma sono contento di come ho saputo rimanere concentrato e mantenere la testa giusta per andare a medaglia”.

Condividi: