30 nuevos gerentes de franquicia salen al mercado

Pubblicato il 24 febbraio 2015 da redazione

DSC_0104

CARACAS.- Recientemente se llevó a cabo el acto de graduación del Diplomado de Gerencia Integral de Franquicias que ejecuta la Cámara Venezolana de Franquicias – Profranquicias, en alianza con el Centro de Extensión, Desarrollo Ejecutivo y Consultoría Organizacional (Cendeco) de la Universidad Metropolitana. En el acto, realizado en las instalaciones de Cendeco, se graduaron 30 profesionales y emprendedores provenientes de todo el país. Con esta nueva cohorte suman 180 las personas que desde el año 2010 se han formado como expertos en franquicias gracias a este programa.

El evento estuvo encabezado por Rafael Espinoza, gerente de diseño y programación y de Cendeco; José De Martín, presidente de Profranquicias; Alfonso Riera, director de Profranquicias y Abel Calvo, presidente ejecutivo de Profranquicias y coordinador académico del Diplomado, junto con otros miembros directivos de la Cámara.

En sus palabras de apertura, Espinoza agradeció la confianza puesta por los participantes en la institución que representa, y los felicitó por el deseo que han expresado de emprender en el país y contribuir a su desarrollo. Asimismo, les dio la bienvenida formal a la comunidad de graduados de la Unimet. Por su parte, Riera resaltó la sinergia y unidad que caracterizó a esta cohorte en particular, a la que comparó con las franquicias exitosas, en las cuales los logros se obtienen justamente por el trabajo colectivo que apunta hacia una sola dirección.

En representación de los estudiantes, Karla Hernández, joven emprendedora proveniente de Maturín, expresó en su discurso haber aprendido en el Diplomado dos conceptos que, en sus palabras, revolucionaron su mundo: franquicia e interdependencia. “De la franquicia aprendí que no es una tabla de salvación. Es un camino hermoso para lograr el éxito conjunto, es una respuesta a una necesidad social, no solo económica, es un sistema totalmente sinérgico, una solución tangible a problemas globales”. De la interdependencia señaló que se trata de “ser mutuamente responsables, crecer, y además ocuparse por que otros también lo hagan. Digna expresión de lo que el sistema de franquicia debe ser”.

Por último, De Martín hizo referencia al juramento de los graduandos del master en administración de empresas de la Universidad de Harvard, que alude a la importancia para los líderes empresariales de ser decentes y además lleva implícita la idea de que solo las empresas más competitivas, más productivas y que se orienten al desarrollo sostenible van a ser capaces de permanecer en el mercado. “Esta idea implica un cambio radical en el concepto de marketing, porque de una vez introduce en él la relación de la empresa con sus clientes, con sus empleados, con sus proveedores, con la comunidad en general y con el entorno ambiental”, señaló, para luego concluir recordando un principio de carácter universal: “ser competitivos es ver lo que los demás no ven, saber lo que los demás no saben y hacer lo que los demás no hacen”.

El coordinador académico del Diplomado, Abel Calvo, confirmó que la edición 2015 del programa se iniciará en el mes de mayo, e invitó a los interesados a estar pendientes de las redes sociales de Cendeco y Profranquicias, en donde pronto estará disponible la información formal para la inscripción en esta nueva cohorte.

Cendeco: www.cendeco.unimet.edu.ve / @cendeco / FB Cendeco

Profranquicias: www.profranquicias.com / @profranquicias / FB Profranquicias

Ultima ora

17:19Agguato in Ogliastra, un morto e un ferito

(ANSA) - NUORO, 22 NOV - E' stato trovato morto dai carabinieri, Fabio Longoni, l'allevatore di 39 anni colpito dalle fucilate durante un agguato nelle campagne di Villagrande Strisaili, in Ogliastra. L'uomo si trovava insieme a Daniele Angelo Congiu, 37 anni, suo socio in affari, rimasto ferito a un polpaccio e ricoverato all'ospedale di Lanusei. Dopo essere stato raggiunto dalle fucilate, Longoni era riuscito a scappare, ma le ferite si sono rivelate fatali: l'allevatore è morto quando ormai era giunto in prossimità dell'ovile.

17:16Onu, Mladic è quintessenza del male, vince la giustizia

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - "Una memorabile vittoria della giustizia". Così l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i Diritti umani Zeid Ra'ad Al Hussein commenta, in una nota, la condanna all'ergastolo dell'ex comandante dell'esercito serbo bosniaco Ratko Mladic. "Mladic è la quintessenza del male, e l'azione penale nei suoi confronti è il simbolo di ciò che la giustizia internazionale rappresenta", afferma Al Hussein, che ricorda come l'ex comandante dell'esercito serbo bosniaco abbia guidato "alcuni dei crimini più oscuri avvenuti in Europa dalla Seconda guerra mondiale. La sua detenzione è un riconoscimento al coraggio e alla determinazione di quelle vittime e testimoni che non hanno mai abbandonato la speranza di vederlo di fronte alla giustizia", ha detto Zeid, già membro dei caschi blu Onu nella ex Yugoslavia dal 1994 al 1996. La condanna di oggi "è un avvertimento a chi commette" tali atrocità: "non sfuggiranno alla giustizia", aggiunge.

17:15Ostia: giornalista aggredito, temo per me e mia famiglia

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Ora temo ritorsioni degli Spada nei miei confronti e ho paura per la mia famiglia": lo ha dichiarato il giornalista Daniele Piervincenzi ai magistrati della Procura di Roma, che indagano sulla aggressione al giornalista della Rai da parte di Roberto Spada il 7 novembre scorso. Stralci del verbale dell'audizione del cronista sono presenti nella memoria che oggi i pm hanno depositato davanti ai giudici del Riesame, che dovranno decidere sulla richiesta di scarcerazione avanzata dai difensori di Spada, accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso.

17:14Aereo Usa precipitato: 8 persone ritrovate stanno bene

(ANSA) - TOKYO, 22 NOV - Sono in buone condizioni gli otto membri dell'equipaggio dell'aereo Usa precipitato nel Pacifico che sono stati recuperati. Lo ha reso noto la marina Usa, specificando che sono ancora in corso le ricerche agli altri tre.

17:13Violenza donne: 74,5% autori sono italiani

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Da un monitoraggio effettuato dal ministero della Giustizia, partendo dall'esame di 417 sentenze rappresentative del 60% dei casi di violenza sulle donne, tra il 2012 e il 2016, emerge che l'85% dei casi (355 su 417) sono classificabili come omicidio. Nel 98% dei casi l'autore del reato è un uomo e la nazionalità dell'autore conferma la prevalenza di soggetti italiani (74,5%). Nel 55,8% dei casi tra autore e vittima esiste una relazione sentimentale. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sentito dalla commissione parlamentare sul femminicidio. Riguardo alla relazione sentimentale che lega vittima e autore, la percentuale del 55,8% è così distribuita: nel 63,8% dei casi si registra un rapporto di coniugio o convivenza; nel 12% una relazione sentimentale in atto; per il restante 24% tra le due parti vi era stata una relazione sentimentale terminata prima dell'omicidio. L'arma prevalentemente utilizzata è il coltello, che spesso risulta il mezzo di più agevole disponibilità.

17:11Dottoressa violentata, chi mi ha esposto al rischio non paga

(ANSA) - PALERMO, 22 NOV - A due mesi dagli abusi subiti mentre prestava servizio nella guardia medica di Trecastagni, nel Catanese, Serafina Strano, la dottoressa aggredita e violentata nella notte tra il 18 e il 19 settembre, definisce "tugurio" quell'ambulatorio medico dove un ventiseienne ora in carcere, Alfio Cardillo, l'ha violentata per ore e dove i suoi colleghi continuano a lavorare senza che nulla sia cambiato. Lo fa a Palermo nel corso un'iniziativa sul contrasto al fenomeno della violenza sulle donne medico nel luogo di lavoro. E accusa i vertici dell'Asp che l'hanno esposta al rischio "e verso i quali la magistratura dovrebbe aprire un'inchiesta parallela". "E' ineccepibile quanto stanno facendo i magistrati nei confronti del mio aggressore; però ci sono dei corresponsabili. Si dovrebbe aprire un'inchiesta parallela sui dirigenti dell'Asp che mi hanno esposto a quel rischio. Non voglio far polemiche, ma qual è l'organo che deve far assumere responsabilità ai dirigenti, se non la magistratura?".

17:07Mladic: procuratore Tpi,’colpa solo sua’

(ANSA) - BRUXELLES, 22 NOV - La condanna dell'ex generale Ratko Mladic "non è un verdetto contro tutti i serbi. La sua colpevolezza riguarda solo lui, e lui soltanto": è il commento del procuratore capo del tribunale penale internazionale dell'Aja per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi) Serge Brammertz al termine dell'udienza.

Archivio Ultima ora