Il derby di Genova finisce in parità, più lampi che gioco

Pubblicato il 24 febbraio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Sampdoria-Genoa
GENOVA. – Un derby di Genova risolto in un minuto, partita di livello mediocre che richiama il detto: “primum vivere, deinde filosofari”, ovvero prima si tira a campare poi si fa filosofia. Finisce così 1-1 a Marassi tra Sampdoria e Genoa il recupero della partita rinviata sabato scorso per un nubifragio, un pari che lascia le due squadre insieme a sesto posto a 36 punti, a -3 dalla Fiorentina. Il Genoa parte subito al massimo dei giri per cercare di togliere il fiato alla Samp e subito è pericolosa dalle parti di Viviano creando l’occasione buona già al 2′ quando Bertolacci viene lasciato tutto solo in area blucerchiata. Il colpo di testa del centrocampista finisce però alto sulla traversa. La Samp soffre questo sprint, non riesce a innescare le punte Eder e Okaka, la difesa genoana funziona come un orologio e il ritmo continua a alzarsi. Si propone una bella partita come dev’essere un derby finalmente giocato sul campo. Apre le marcature Iago Falque al 17′ pt: Perotti serve Niang sulla destra, arriva Falque in dubbio fuorigioco con un rasoterra sul quale nulla può Viviano. Il quale Viviano, innervosito forse dal forte vento, rincorre lo spagnolo fino alla bandierina per protestare. Giallo per lui dall’inflessibile e quanto mai preciso Rocchi. La Sampdoria non ci sta. Sessanta secondi dopo Roncaglia ‘regala’ un perfetto assist a Eder consentendo al brasiliano di rubargli palla. Il brasiliano, che non ha niente da imparare per sangue freddo, davanti a Perin da solo insacca comodamente. Il risultato torna in parità ma poco dopo Okaka ha un’occasione d’oro per portare in vantaggio i blucerchiati: solo ancora una volta davanti a Perin tira per farfalle il pallone che s’impenna e sale oltre la traversa. Il Genoa cerca la reazione al 31′ pt Falque potrebbe ripetersi ma è impreciso, al 37′ ci prova Niang con una telefonata diagonale a Viviano. Le squadre si allungano, cala l’intensità, si va negli spogliatoi con un pareggio che rende giustizia alla prima parte della partita condotta egregiamente da Rocchi. Al rientro in campo, senza cambi, il Genoa comincia subito a spingere senza però raggiungere l’intensità del primo tempo, le squadre cercano probabilmente di rifiatare fino all’ennesimo fallo lamentato da Stefano Okaka che fa perdere la pazienza a Rocchi. La partita diventa meno piacevole, più nervosa, tanto che l’arbitro, che nel primo tempo aveva persino perso per la via il fischietto, nel secondo tempo non fa pari a usarlo. Viviano e Perin rischiano di addormentarsi perché nessun pericolo è dietro l’angolo almeno nei primi 15′ come se le due squadre avessero paura di rischiare. L’unico brivido, se si escludono quelli dovuti alla forte tramontana che schiaffeggia gli oltre 30 mila dello stadio, è provocato da Acquah che tenta un diagonale facile preda di Perin al 17′. Risponde al 18′ Roncaglia, che nell’intento di farsi perdonare lo strafalcione, cerca di beffare Viviano che s’impappina per una fortuita deviazione della difesa ma salva. Mihajlovic è così nervoso che decide di passare dal 4-3-1-2 al preferito 4-3-3 inserendo Muriel per Soriano. Gasperini inserisce Bergdich per Edenilson, senza mutare il contenimento a centrocampo. Il Genoa sembra svegliarsi e al 32′ sembra che Perotti possa risolvere la partita ma niente di fatto. Poi Bertolacci ci prova e la difesa della Samp fa muro regalando l’ottavo calcio d’angolo ai grifoni. Non ci sono emozioni nemmeno da parte della Sampdoria. Gasperini tenta di alzare il ritmo inserendo Borriello per Niang. Di contro Muriel sembra non aver inciso sulla temperatura della Samp tanto che il tecnico blucerchiato fa scaldare Eto’o che entra al 39′ st al posto di Eder (che tra l’altro salterà Bergamo perché squalificato così come Soriano, creando non pochi problemi a Mihajlovic). Al 40′ brivido a causa dell’ennesimo errore della difesa genoana ma Obiang a porta spalancata – Perin resta a terra – toppa platealmente il gol spedendo il pallone all’aria. Eto’o non tocca palla, il Genoa ne approfitta e spinge un po’ di più anche grazie agli inserimenti ‘freschi’ e al 45′ st dopo una mischia in area doriana Kucka prende la traversa. Dopo un nanosecondo Rocchi fischia la fine di un derby francamente insopportabile.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora