Kiev taglia il gas all’est ribelle. Putin accusa: “E’ genocidio”

Pubblicato il 25 febbraio 2015 da redazione

UCRAINA: VERTICE A 4 A PARIGI. GAZPROM, UE A RISCHIO GAS

MOSCA. – Kiev taglia il gas all’est ribelle e Vladimir Putin evoca una “puzza di genocidio” contro i filorussi dell’Ucraina. Non solo: il presidente russo minaccia di chiudere i rubinetti del gas verso Kiev e torna a far tremare l’Europa, che dai gasdotti ucraini riceve il 40% del metano che acquista dalla Russia, che a sua volta rappresenta circa un terzo del fabbisogno totale del Vecchio Continente. Secondo il leader del Cremlino, la cifra “pagata in anticipo dalla parte ucraina basterà per le forniture di gas per 3-4 giorni” e se non arriveranno altri pagamenti “Gazprom sospenderà i rifornimenti cosi’ come previsto dal contratto”: una misura che – come sottolinea lo stesso Putin – “certamente può rappresentare una minaccia al transito” del metano russo “verso l’Europa”. Il nuovo braccio di ferro sul gas tra Mosca e Kiev si svolge sullo sfondo della guerra nel Donbass. Il governo ucraino la settimana scorsa ha infatti bloccato le forniture di metano verso le zone occupate dai separatisti filorussi giustificandosi inizialmente con presunti danni ai gasdotti causati dai bombardamenti. La mossa di Kiev non va pero’ per niente giù alla Russia, e oggi Putin si e’ scagliato contro Kiev tuonando che l’interruzione dei flussi di gas verso le aree ribelli “puzza un po’ di genocidio”: perche’ – ha spiegato l’uomo forte di Mosca – se nel sud-est ucraino “c’e’ già la fame” e “l’Osce ha constatato che c’e’ una catastrofe umanitaria”, come “immaginare che tutta questa gente resterà senza forniture di gas durante la stagione invernale?” Intanto ad assicurare il metano alle zone occupate dai miliziani ci sta pensando proprio Mosca che già dal 19 febbraio pompa verso il Donbass 12 milioni di metri cubi di gas al giorno “da itinerari alternativi” per ordine del premier Dmitri Medvedev. Il capo del governo ha definito queste forniture “aiuti umanitari”, ma ha anche chiarito che spetta a Kiev pagare. Sull’Ucraina – dilaniata dalla guerra e con le finanze in ginocchio – pende cosi’ minacciosa la mannaia di una nuova interruzione delle forniture di gas dopo quelle del 2006, del 2009 e dello scorso giugno. La controversia dell’anno passato e’ stata risolta a ottobre con un’intesa temporanea mediata dall’Ue che ha introdotto un regime di pagamenti anticipati e ha fissato a 385 dollari per mille m3 il prezzo che Kiev deve pagare per il gas di Mosca: ma questa tariffa potrebbe aumentare dopo la scadenza dell’accordo alla fine del prossimo mese. Putin da parte sua ha detto di sperare che “i flussi” di metano “non saranno interrotti, ma questo – ha precisato – non dipende solo da noi ma anche” dal governo ucraino. Oltre che dallo ‘zar’, un avvertimento a Kiev e’ arrivato anche dal numero uno di Gazprom, Alexiei Miller, che in una lettera all’ad della società energetica statale ucraina Naftogaz ha ribadito che l’Ucraina ha ancora solo tre giorni di forniture di metano prepagato: dopo, il gigante russo del gas staccherà la spina. L’ad di Gazprom ha anche chiesto a Kiev di confermare per iscritto di voler “pagare in anticipo il gas solo se” Mosca “smette di fornirlo” dalle zone controllate dai miliziani. Naftogaz – che ieri ha puntato il dito contro Gazprom dicendo che le ha fornito solo 47 dei 114 milioni di mc di metano pagati giovedì scorso – in serata ha risposto accusando la Russia di “non rispettare le condizioni del contratto già da più di tre giorni”. Secondo gli ucraini, infatti, “non e’ possibile accettare metano attraverso i punti di passaggio di Prokhorovka e Platovo” che sono “in territori soggetti alle ostilità e provvisariamente non controllati dalle autorità legittime”. La situazione e’ delicata, e il vicepresidente della Commissione Ue Maros Sefcovic ha fatto sapere che Bruxelles sta “cercando di convocare un incontro trilaterale molto molto presto” per tentare di risolvere la disputa sull’oro blu tra Mosca e Kiev. (di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

16:23Migranti:lettera Tusk per stop quote, sherpa Ue contro

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - A molti sherpa dei Paesi Ue non è piaciuta l'idea di mettere da parte il meccanismo di quote obbligatorie, per la ridistribuzione dei richiedenti asilo in situazioni di crisi, che hanno trovato nella nota del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Il documento, indirizzato ai leader, è mirato ad orientare la discussione sui migranti al vertice di giovedì e venerdì. Alcuni Paesi, spiegano fonti diplomatiche, hanno chiesto che la lettera fosse riscritta.

16:16Politici spiati: pm, oltre 3,5 milioni mail carpite

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Oltre tre milioni e mezzo di mail carpite e seimila persone spiate dal 2004. Questi i numeri della nuova inchiesta a carico dei fratelli Giulio e Francesca Maria Occhionero, già a processo con l'accusa di aver avviato un'attività di cyber spionaggio su larga scala, ai quali adesso la Procura contesta anche l'accusa di spionaggio politico. I numeri dell'attività svolta dai due fratelli romani, sono stati resi noti oggi dal pm Eugenio Albamonte, nel corso dell'udienza del processo. I dati sono emersi dal lavoro svolto dagli specialisti Cnaipic che, grazie anche alla collaborazione dell'Fbi, sono riusciti a "sbloccare" i server americani dei due indagati e a ricostruire la rete creata su almeno 9 pc riconducibili agli Occhionero.

15:42Calcio: Gattuso, Donnarumma? Lo vedo sereno

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Ora non c'è alcun problema da parte mia, Fassone e Mirabelli parleranno se ci sono problemi". Così Rino Gattuso su Gigi Donnarumma, che ha inviato al Milan un documento in cui sostiene di aver subito pressioni psicologiche per firmare il contratto. "Io non tocco con mano problemi con Gigio, ci parlo ogni giorno, lo vedo tranquillo - ha detto il tecnico del Milan al canale tematico rossonero a Milan tv -. Non l'ho mai sentito dire che saranno le ultime partite. Sta là e gli brucia se non arrivano i risultati. Dopo Benevento era molto triste, il gol al 96' gli brucia".

15:40Milan: Gattuso “Var ci voleva, non ti fa pensare male”

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "La Var è uno strumento importante, non ti fa pensare male, in ogni caso. Nel calcio ci voleva". Rino Gattuso plaude all'utilizzo del video assistente dell'arbitro, anche se non è stato utilizzato per verificare l'espulsione di Alessio Romagnoli, che due settimane fa a Benevento ha lasciato il Milan in 10. "Si poteva usare a Benevento per evitare l'espulsione di Romagnoli. E' vero che è entrato duro in scivolata, ma l'avversario non è stato toccato. La Var si poteva usare, ma siamo stati zitti, non abbiamo fatto polemica", ha sottolineato l'allenatore del Milan, intervistato dal canale tematico del club, alla vigilia della sfida di coppa Italia contro il Verona, all'indomani delle vibranti proteste della Lazio per alcuni episodi nella partita con il Torino.

15:33Basket: Lotti premia campioni Fisdir

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I campioni del Basket Fisdir premiati dal ministro per lo Spor, Luca Lotti. Nella sala Monumentale della Presidenza del Consiglio dei Ministri a Roma giornata di festa in onore della nazionale di Basket della Federazione italiana sport paralimpici degli intellettivo relazionali, reduce dal successo della prima edizione della Competizione Internazionale disputata in Portogallo. Intervenuti alla premiazione anche il n.1 del Comitato Paralimpico, Luca Pancalli, il presidente della Fisdir Marco Borzacchini e il capo della Lega Basket Egidio Bianchi. "Lo sport riesce a dare sempre sensazioni importanti - ha rilevato Lotti - come quelle che ci avete regalato voi vincendo questo campionato internazionale. Tutta l'Italia vi dice grazie perché avete tenuto alta, e avete onorato, la bandiera azzurra". Pancalli ha sottolineando che "siamo tutti presenti per ringraziarvi per quello che avete fatto, avete onorato la maglia azzurra come i grandi atleti. Spero il vostro esempio sia sempre più contagioso per tanti ragazzi".

15:33Basket: Brescia, Fall fuori per 10 settimane

(ANSA) - BRESCIA, 12 DIC - Pesante tegola per la Germani basket Brescia, capolista del massimo campionato di basket: gli esami strumentali, ai quali è stato sottoposto Abdel Fall, hanno evidenziato una lesione completa del legamento scafo-lunato del polso sinistro. Per questo motivo il giocatore sarà sottoposto a un intervento chirurgico finalizzato a ricostruire e suturare il legamento e restaurare la stabilità del polso. I tempi di recupero sono stimabili intorno alle 10 settimane. La società annuncia che tornerà sul mercato.

15:27Papa: 5 anni Twitter, ‘grazie follower’

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 12 DIC - "Grazie a tutti voi che seguite @Pontifex che oggi compie cinque anni. Le reti sociali siano luoghi ricchi di umanità!". Lo afferma oggi papa Francesco in un nuovo tweet, nel giorno del quinto anniversario dell'apertura dell'account Twitter @Pontifex in nove lingue, aperto il 12 dicembre del 2012 da papa Benedetto XVI.

Archivio Ultima ora