Parte l’offensiva a sostegno del Made in Italy

Pubblicato il 27 febbraio 2015 da redazione

made-italy

ROMA. – Parte l’offensiva a sostegno del Made in Italy. In uno sforzo congiunto, governo e Cassa Depositi e Prestiti sferrano il loro attacco per portare i prodotti e le imprese italiane in giro per il mondo ed intercettare la crescente richiesta dell’eccellenza manifatturiera, agroalimentare, tessile e non solo, tutta italiana. Sulla scia di quanto stabilito nella legge di stabilità, a muoversi è stato innanzitutto il ministero dello Sviluppo economico. In una cabina di regia co-presieduta dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ed allargata ad altri tre ministri – Pier Carlo Padoan, Maurizio Lupi, Maurizio Martina – e al sottosegretario ai Beni culturali, Francesca Baracciu, Federica Guidi ha dato il via ad un piano straordinario per rilanciare l’export, sfruttando anche il volano di Expo 2015. Con uno stanziamento di 260 milioni il governo punta ad incrementare il volume delle esportazioni, aumentando i flussi di beni e servizi di circa 50 miliardi di euro entro il triennio. Un target ambizioso ma raggiungibile accrescendo il numero di imprese esportatrici e trasformando le aziende potenzialmente esportatrici in esportatrici abituali. Secondo i dati del Mise, negli ultimi anni il numero medio di imprese che operano con l’estero si è infatti aggirato intorno alle 200.000 ma altre 20.000 potrebbero diventare “stabilmente esportatrici” (tra le 70.000 circa che ne hanno le potenzialità). Sull’altro versante, il piano punta anche ad accrescere la capacità di intercettare investimenti esteri, con l’obiettivo di ottenere 20 miliardi di dollari di flussi aggiuntivi. Via dunque a fiere, road show mirati, campagne di comunicazione, lotta ai “falsari del made in Italy” e iniziative di sostegno. Lo sforzo dei ministeri, affiancati da Ice, Simest e dalle associazioni di banche e imprese, si somma a quello annunciato da Cassa depositi e prestiti. Proprio in contemporanea al lancio del piano governativo, il cda della Cassa ha infatti approvato l’aumento delle risorse dedicate all’internazionalizzazione e all’export, portandole dai 6,5 miliardi di euro attuali a 15 miliardi di euro (+130%). D’ora in poi, oltre che con la garanzia di Sace, Cdp potrà operare anche con quella di altre agenzie di credito all’esportazione straniere, con banche di sviluppo nazionali, e con enti finanziari costituiti da accordi internazionali, come Banca Mondiale, Banca europea per lo sviluppo, Banca di Sviluppo interamericana e Bei. Per le operazioni fino a 25 milioni Cdp interverrà fornendo al sistema bancario la provvista necessaria per il finanziamento delle operazioni di esportazione e internazionalizzazione. Per le operazioni oltre 25 milioni di euro, Cdp potrà invece intervenire direttamente in favore delle imprese, in co-finanziamento con il sistema bancario o coprendo interamente il fabbisogno di finanziamento.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora