Per Isis l’Italia è un simbolo. Cresce il rischio di attacchi

Pubblicato il 27 febbraio 2015 da redazione

VATICANO: DA STASERA BONIFICHE A S.PIETRO, AL VIA PIANO SICUREZZA

ROMA. – L’Italia “è un potenziale obiettivo” dei terroristi di matrice islamica, perché è “il simbolo” della cristianità: c’è dunque “un rischio crescente di attacchi” per il nostro paese, che deve fare i conti non solo con foreign fighters e lupi solitari ma anche con una “nuova generazione di jihadisti”, i giovanissimi homegrown che si radicalizzano sul web, e con le donne. Mogli, familiari o amiche dei combattenti partiti per la Siria e l’Iraq, che potrebbero entrare in azione “attratte dall’eroismo dei propri cari, specie se martiri”. Dopo il capo della Polizia, anche i servizi segreti italiani lanciano l’allarme: dall’11 settembre del 2001, mai come oggi l’Italia è stata esposta ai rischi del terrorismo internazionale. Lo dimostrano anche i nuovi numeri sulle espulsioni resi noti dal ministro dell’Interno Angelino Alfano: dalla fine di dicembre sono 21 i soggetti cacciati dal nostro paese perché “sospettati di estremismo violento”. Nella Relazione inviata al Parlamento dal Dipartimento informazioni e sicurezza, gli 007 partono dalla constatazione che la minaccia è sempre più “asimmetrica” e “liquida”, uno scenario in cui si incrociano i proclami dell’Isis e le sempre più sofisticate e non meno pericolose tecniche di cyberwar, che puntano a colpire direttamente le infrastrutture critiche e il know how, mettendo in ginocchio il sistema paese. Ecco perché è necessaria una “condivisa consapevolezza della reale minaccia” da parte delle istituzioni e la capacità di “fare sistema”. Come avviene ad esempio tra le forze di polizia e i servizi nel Casa, il Comitato di analisi strategica antiterrorismo che dal 23 settembre è riunito in seduta permanente e attraverso il quale passano tutte le informazioni relative alle possibili minacce.

ITALIA SIMBOLO, LA LIBIA E’ MINACCIA DIRETTA – La preoccupazione maggiore in questo momento è sicuramente il terrorismo di matrice islamica, rappresentato dal network jihadista che si muove dall’Iraq all’Africa, con al vertice l’Isis e i suoi metodi di propaganda. L’attenzione è concentrata in particolare sulla Libia, che rappresenta una “minaccia diretta” ed un “teatro di assoluta importanza” per il nostro paese: gli 007 invitano a “valutare i margini per contribuire ad innescare dinamiche virtuose” in quel paese e sottolineano che va assolutamente “scongiurata la frammentazione” della Libia, “a sostegno ed in armonia” con l’azione dell’Onu. Il dato positivo è che allo stato non si rilevano “attività o pianificazioni” di attacchi. Ma questo purtroppo vuol dire poco. Perché, è l’analisi dei Servizi, l’Italia è e resta il simbolo della cristianità, come dimostrano i ripetuti proclami dell’Isis su Roma. Inoltre, il pericolo può arrivare dai più svariati fronti, molti dei quali ‘fatti in casa’ come hanno certificato gli attacchi di Parigi e Copenaghen. Vi è in sostanza una serie di “categorie” di soggetti pronti a colpire: emissari addestrati dall’Isis o da altri gruppi terroristici ma anche cellule dormienti. O ancora donne familiari di combattenti, lupi solitari, microgruppi che decidano di attivarsi autonomamente e foreign fighters di rientro o ‘pendolari’ dal fronte. Una minaccia, quest’ultima che non deve essere valutata solo “per gli sporadici casi nazionali” ma soprattutto tenendo conto che l’Italia potrebbe rappresentare il territorio di “ripiegamento” per centinaia di combattenti europei. E considerando che l’Isis, secondo un rapporto della Financial action task force sul riciclaggio di denaro, dispone di circa 15.500 foreign fighters che danno supporto “fisico e monetario”, il numero di quelli che potrebbero ripiegare rischia di diventare importante.

NUOVA GENERAZIONE JIHADISTI E WEB COME CENTRO RECLUTAMENTO – In questo quadro un ruolo fondamentale lo sta giocando Internet. O meglio, l’uso che della rete viene fatto dal network jihadista. E’ sul web, dicono gli 007, che agiscono “veri e propri centri di reclutamento per aspiranti jihadisti”, in grado d’intercettare l’insoddisfazione dei terroristi homegrown che aspirano a passare dalla tastiera ai teatri di guerra. Ed è sempre lì, tra social network e chat, che si sta formando una nuova generazione di jihadisti: “molto giovani, spesso con scarse conoscenze sul piano dottrinale ma ben informati sulla pubblicistica d’area e con ottime competenze informatiche”.

I RISCHI PER L’EXPO E IL PERICOLO DI VIOLENZE SOCIALI – A completare il quadro dei rischi per l’Italia c’è la situazione interna. Se infatti è confermato un “arretramento” della componente anarco-insurrezionalista, ciò non significa che il paese non corra il “rischio di una ripresa di azioni violente” da parte di chi punta a rilanciare il logo della Fai/Fri. La battaglia contro il Tav, inoltre, ha ormai coagulato attorno a sé diverse realtà antagoniste, in cui si muovono anche settori anarchici che potrebbero fare il salto di qualità e che, allo stato, si sono limitati a gesti eclatanti come gli ordigni esplosivi sulle linee dell’Alta velocità. Gli effetti della crisi continuano poi ad inasprire il disagio sociale, specie su determinate categorie di soggetti, tanto che si registra un “innalzamento del livello di protesta”, che potrebbe avere anche “degenerazioni violente”. Allo stato, però, quel che preoccupa di più i Servizi è una data, il 1 maggio: quel giorno a Milano aprirà l’Expo, una vetrina per l’Italia che potrebbe essere presa di mira da centinaia di attivisti in arrivo da tutte le regioni e anche dall’Europa. (di Matteo Guidelli/ANSA)

  • Il fine giustifica il mezzo.
    Questo e’ il singolo Credo e motto dei cospiratori di questo complotto mondiale.
    Le genti dovrebbero leggere “il Principe “ di Macchiavelli per capire quale siano le motivazioni e cosa sia dietro questi Sionisti, l’Undici Settembre ed oggi anche dietro ISIS che loro stessi finanziano.
    Una cosa da ricordare e che i Sionisti hanno sempre un nuovo trucco nella manica.
    Non battere ciglio e goditi lo spettacolo mentre Jeb Bush sara’ eletto prossimo presidente USA.
    http://www.wavevolution.org

Ultima ora

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

09:57Birmania: Msf, almeno 6.700 Rohingya uccisi in un mese

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Almeno 6.700 Rohingya, inclusi 730 bambini sotto ai 5 anni, sono stati uccisi tra agosto e settembre scorsi in Birmania: lo denuncia Medici senza Frontiere (Msf) in uno studio pubblicato online. Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime, scrive la Bbc, la maggior parte indicate come "terroristi islamici". Dalle violenze di agosto sono oltre 645.000 i Rohingya fuggiti in Bangladesh, afferma Msf. La maggior parte delle vittime, stima Msf, sono state uccise da colpi di arma da fuoco, molte altre bruciate vive nelle proprie case date alle fiamme o picchiate a morte. "I numeri sono sottostimati, non abbiamo monitorato tutti i campi rifugiati", spiega Msf, che ha raccolto testimonianze tra i Rohingya fuggiti in Bangladesh: "Abbiamo resoconti su intere famiglie bloccate nelle case poi date alle fiamme". Sulla base dei dati esaminati, Msf stima che le vittime nel mese di agosto possano superare le 13.000 persone.

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

Archivio Ultima ora