La Roma strappa il pareggio in 10, ma la Juve mette le mani sullo scudetto

Pubblicato il 02 marzo 2015 da redazione

 

Soccer: Serie A; Roma-Juventus

ROMA. – Nell’umida serata del primo lunedì di marzo finisce probabilmente il campionato 2014-’15. La Roma strappa il pari in dieci, ma stecca quella che avrebbe dovuto essere la partita della vita, e la Juventus rimane con un vantaggio di +9, a 13 giornate dalla fine. E’ vero che il calcio riserva molte sorprese, ma una squadra di Garcia come quella vista questa sera, che continua a soffrire di ‘pareggite’ (nei match in casa è il suo sesto consecutivo nel torneo) e che oggi ha fatto la sua prima conclusione a rete al 28′ della ripresa (imperioso stacco di testa di Manolas e parata decisiva di Buffon), non può più sperare nel più improbabile dei sorpassi. La Roma dovrà anzi sbrigarsi a ritrovare, prima o poi, il filo del gioco, perché la vera impresa potrebbe rivelarsi conservare il secondo posto: il Napoli ha solo 4 punti di distacco. La Juve, chiaramente più tonica e pronta nella corsa rispetto alla rivale, ha fatto la partita che voleva, nonostante assenze pesantissime come quelle di Pirlo e Pogba che avrebbero potuto bloccarla. Così Allegri ha rispolverato il 3-5-2 ‘alla Conte’, ha detto ai suoi di amministrare il gioco e di rischiare solo il necessario. Non ce n’è stato bisogno perché nel primo tempo la Roma ha dato per larghi tratti l’impressione di essere sparita, ruminando una sorta di gioco totalmente privo della capacità di concludere, vista la totale inoperosità di Buffon e la mancanza di conclusioni da parte dei padroni di casa. I giallorossi hanno giocato con ardore i primi cinque minuti, con De Rossi graziato dall’arbitro dopo appena 16” per un’entrata su Vidal che avrebbe meritato il giallo, e poi con una serie di falli che hanno rischiato di far incattivire la partita. Ma la Juve ha tenuto botta, e dopo 18′ i campioni d’Italia hanno preso il comando del gioco, affacciandosi in avanti con Morata e poi fallendo di poco lo 0-1 quando, al 22′, Manolas ha rischiato il più classico degli autogol ‘alla Niccolai’, intervenendo su un cross dell’ottimo Pereyra. Pjanic, sacrificato in marcatura a uomo su Vidal, non ha dato il contributo sperato, Ljajic e Gervinho già non erano più gli eroi di Rotterdam, ecco allora che la supremazia ha continuato a essere della Juve senza neppure spingere al massimo. In questa fase di gioco la Roma ha dato l’impressione di non sapere cosa fare con il pallone tra i piedi, e in più è stata penalizzata dal fatto che anche Totti non fosse con la luna giusta. Una partita quindi molto tattica, senza parate degli estremi difensori, una vera e propria dimostrazione di che esempio di noia sia diventato il campionato italiano, anche se al 41′ Tevez ha provato ad accenderla prima che il suo tiro fosse deviato da Manolas. Ad inizio ripresa si è capito che la Juve sarebbe passata quando, al 5′, Vidal ha sfiorato il palo con un bel diagonale da sinistra, su assist di Pereyra, poi la Roma si è ritrovata in dieci per l’espulsione di Torosidis (doppio giallo), uno dei peggiori. Da questo fallo è nata la punizione che Tevez, di destro, ha magistralmente trasformato nel gol dell’1-0 per la Juve. Nonostante l’inferiorità numerica e lo svantaggio, Garcia ha tolto Totti per inserire Iturbe, poi fuori anche lo spento De Rossi e dentro Nainggolan. I giallorossi, che al 28′ hanno sfiorato il pari con il colpo di testa di Manolas e reclamato per un fallo in area di Caceres su Keita, hanno cominciato a giocare solo dal 33′ st, quando Keita, di testa, ha pareggiato tuffandosi su una punizione dalla destra dell’altro subentrato Florenzi. Ma un quarto d’ora di gioco, o almeno di voglia di far male a un avversario a cui bastava tenere sotto controllo la situazione, si è rivelato troppo poco per i sogni di una tifoseria a cui ora rimane solo la seconda coppa d’Europa. Poi, mentre la Juve si cucirà sulla maglia il quarto tricolore consecutivo, la Roma riprenderà a fantasticare sul quarto in assoluto della sua storia. (di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

17:04Calcio: premio ‘Andrea Fortunato’ ai fratelli Inzaghi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "L'obiettivo è prevenire perché ormai è scientificamente dimostrato che questa è la strada da seguire visto che al giorno d'oggi ci si può mettere in condizione di evitare che la malattia diventi definitiva. Qui si combatte per la trasparenza, per la volontà di avere chiarezza rispetto al passato, e siamo felici che questo premio sia istituzionalizzato qui al Coni". Lo ha dichiarato il presidente del Comitato olimpico nazionale, Giovanni Malagò, a margine della 9/a edizione del "Premio Andrea Fortunato-Lo sport è vita". La manifestazione punta da un lato a diffondere l'informazione per la prevenzione da parte degli atleti che praticano sport agonistico e non, e dall'altro a rendere obbligatoria l'adozione del Passaporto Ematico (intitolato a Andrea Fortunato, Flavio Falzetti e Piermario Morosini) che mira a inserire anche gli esami ematici tra quelli attualmente previsti come obbligatori per ottenere l'idoneità sportiva. Nel corso della cerimonia premiati tra gli altri Filippo e Simone Inzaghi.

17:00Calcio: Atalanta, Percassi “chiudiamo un anno straordinario”

(ANSA) - BERGAMO, 12 DIC - "Stiamo per concludere un anno straordinario, tra il quarto posto con 72 punti e la qualificazione all'Europa League. Da lì in poi non è andata così male, vedi la straordinaria cavalcata in coppa e l'incredibile primo posto nel girone conquistato giovedì scorso". Antonio Percassi, presidente dell'Atalanta, durante il tradizionale pranzo di Natale offerto alla stampa, traccia il bilancio del 2017 ormai agli sgoccioli. "Stiamo scoprendo quanto sia bello affrontare squadre che prima potevano vedere solo in televisione - ha proseguito il vertice societario -. La società continua la sua programmazione, a Zingonia con il settore giovanile stiamo procedendo con un investimento che va dagli 8 ai 10 milioni di euro per rinnovare la struttura. Il progetto legato allo stadio è in attesa delle autorizzazioni comunali, ma dopo il sorteggio dei sedicesimi mi sto pentendo di aver paragonato le curve a quella del Borussia Dortmund".

16:57Turchia: ‘offese a Erdogan’, nota cantante rischia 4 anni

(ANSA) - ISTANBUL, 12 DIC - La nota cantante turca Zuhal Olcay è stata rinviata a giudizio da un tribunale di Istanbul con l'accusa di aver "insultato il presidente" Recep Tayyip Erdogan durante un concerto dell'agosto 2016. Secondo la procura, l'artista avrebbe modificato il testo di una nota canzone turca, citando Erdogan in modo offensivo, oltre a fare un gesto di insulto con la mano durante l'esibizione. L'indagine è partita da una denuncia anonima, che ha portato a una verifica attraverso il video del concerto. Nella sua testimonianza ai magistrati, la 60enne Olcay ha sostenuto di aver citato Erdogan solo perché utile alla metrica della canzone e senza intenti offensivi, aggiungendo che il gesto non era rivolto al presidente ma a uno spettatore che l'aveva provocata. Per lei, riporta Anadolu, la procura ha chiesto una condanna fino a 4 anni e 8 mesi di prigione.

16:56Ammanchi Finpiemonte: inchiesta riguarda bonifici per 6mln

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Bonifici per quasi sei milioni di euro, effettuati fra giugno 2016 e febbraio 2017 a soggetti terzi privi di apparente giustificazione. Parla di questo, e di un investimento di 45 milioni di euro per tipologia e rischiosità difforme rispetto alle policies della società, l'inchiesta della Procura di Torino su Finpiemonte. Lo afferma il presidente della finanziaria della Regione Piemonte, avvocato Stefano Ambrosini, che ha denunciato la vicenda in seguito ad un controllo di routine sui conti subito dopo il suo insediamento. "Nessuno di questi importi, in ogni caso, è idoneo a portare sotto la soglia di legge il patrimonio di vigilanza", precisa Ambrosini, secondo cui "immediatamente dopo la scoperta dell'accaduto, Finpiemonte ha depositato atto di denuncia/querela presso la competente Procura della Repubblica, nonché presso la Procura della Corte dei Conti, e ha avviato tutte le altre iniziative volte al recupero delle somme e al risarcimento dei danni".(ANSA).

16:54Calcio: Mourinho, City diversamente educato

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - "Una diversa educazione", così José Mourinho spiega il comportamento del Manchester City al termine del derby di domenica, da cui è scaturita la rissa negli tunnel dell'Old Trafford. In precedenza il suo collega Pep Guardiola aveva escluso che i suoi giocatori avessero mancato di rispetto agli avversari appena battuti. "Pep dice quello che vuole e io non intendo commentare le sue parole - la replica stizzita del portoghese -. L'unica cosa che posso dire è che per me è tutta una questione di diversa educazione, niente più che questo". Secondo la stampa britannica gli animi si erano surriscaldati in seguito alla richiesta, rivolta dallo stesso Mourinho ai giocatori del City, di contenere i festeggiamenti e mostrare maggior rispetto allo United.

16:53Clima: Macron posa con cartello Make our planet Great Again

(ANSA) - BOULOGNE-BILLANCOURT (FRANCIA), 12 DIC - ''Make Our Planet Great Again": nel giorno del summit informale sul clima all'Ile Séguin di Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi, il presidente francese e padrone di casa, Emmanuel Macron, ha posato davanti ai fotografi con il suo celebre slogan in risposta a Donald Trump. A inizio giugno, in seguito all'annuncio shock del presidente Usa di uscire dall'accordo di Parigi, il leader trentanovenne deformò la frase cult di Trump 'Make America great again' rilanciandola in chiave ecologica - 'Make our planet great again' - e invitò studiosi e ricercatori Usa a lasciare la madre patria per lavorare in Francia. Oggi, il governo di Parigi ha annunciato il nome dei primi 18 progetti di studiosi e ricercatori soprattutto americani, selezionati dalla Francia.

16:50Calcio: Guardiola, giusto festeggiare dopo derby

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Pep Guardiola respinge l'accusa rivolta ai suoi giocatori da José Mourinho di aver mancato di rispetto al Manchester United al termine del derby di domenica, vinto 2-1 dal City e proseguito con una sorta di rissa tra giocatori e membri dello staff tecnico. "Quando perdi devi accettare la sconfitta, ma quando vinci è giusto festeggiare - le parole del tecnico catalano -. Sono stato io ad incoraggiare i miei giocatori a festeggiare. Ma non abbiamo mancato di rispetto a nessuno. Eravamo felici per aver vinto un derby. Tutte le squadre del mondo quando vincono un derby sono felici. E festeggiano dentro il proprio spogliatoio". Marca scrive oggi che all'origine della rissa, nella quale sarebbero stati coinvolti una ventina tra giocatori e membri degli staff, ci sarebbe una battuta di Guardiola a Ibra: "Parli molto ma ti muovi poco in campo". Il tecnico catalano si è però rifiutato di entrare nei dettagli di quanto successo "Quello che dovevo dire l'ho già detto a chi sta svolgendo un'indagine per conto della Fa".

Archivio Ultima ora