Renzi appoggia l’Ucraina: “Rispetto della sua indipendenza e sovranità”

Pubblicato il 04 marzo 2015 da redazione

++ Ucraina: Renzi, vogliamo rispetto sovranità ++

KIEV. – Matteo Renzi, dopo la conference call con Barack Obama ed i leader europei, vola a Kiev per garantire Petro Poroshenko che l’Occidente è al fianco dell’Ucraina “per il rispetto della sua indipendenza e sovranità” nel conflitto contro i separatisti filorussi. La piena attuazione degli accordi di Minsk è l’impegno anche del premier che concorda sull’inasprimento delle sanzioni alla Russia se l’intesa sarà violata. Una posizione che Renzi ribadirà a Vladimir Putin nell’incontro al Cremlino, dove, però, il premier italiano proverà a coinvolgere la Russia per una soluzione politica della crisi libica. Nonostante la tregua nell’est dell’Ucraina sembri reggere e a Kiev si respiri una maggiore tranquillità, è complicato il ruolo di pontiere tra Ucraina e Russia che il presidente del Consiglio tenta di svolgere in questa missione. Basti pensare che ieri la stele di piazza Majdan, cuore di manifestazioni e scontri della capitale ucraina, era ricoperta di fiori e foto di Boris Nemtsov, l’oppositore di Putin ucciso venerdì scorso a Mosca, per capire la tensione tra i due popoli. L’uccisione di Nemtsov a pochi passi dal Cremlino, dove domani mattina il premier italiano deporrà un mazzo di fiori, complica certo la volontà dell’Italia di riportare Putin al tavolo dello scacchiere geopolitico mondiale per svolgere in Libia. Per il cessate il fuoco definitivo in Ucraina, però, Renzi non ha intenzione di fare compromessi.”Faremo ogni sforzo perchè gli accordi di Minsk possano trovare piena efficacia ed implementazione”, ha assicurato il premier al presidente ucraino che ha ringraziato l’Italia e l’Europa per il “sostegno molto forte” al suo paese. Poroshenko ha chiesto in particolare a Renzi, in vista del suo colloquio domani con Putin, di sollevare il ”problema doloroso” della liberazione immediata di Nadia Savchenko, la pilota militare ucraina detenuta in Russia con l’accusa di concorso nell’omicidio. Ma è stato il tema dell’aumento delle sanzioni contro la Russia, nel caso in cui gli accordi fossero violati, il centro del colloquio. Minaccia che oggi la cancelliera Angela Merkel ha ribadito: “Se non viene rispettato il pacchetto concordato a Minsk siamo disposti a portare avanti le sanzioni e a vararle”. Sanzioni che nell’ultimo anno hanno danneggiato l’export italiano con un crollo dell’interscambio commerciale del 10 per cento. Ma Renzi, che domani a Mosca vedrà anche le maggiori imprese italiane operanti in Russia, spiegherà che serve trovare un equilibrio tra economia e politica. La pace duratura in Ucraina sarà la richiesta che il presidente del consiglio italiano sosterrà davanti a Putin. Convinto però che la Russia non vada isolata ma coinvolta nella lotta al terrorismo. Come anche in Libia, vero pallino di Renzi, che vuole assumere la “leadership diplomatica” per la soluzione degli scontri. E Mosca, sostiene il premier, può svolgere un ruolo visto che ha rapporti con l’Egitto e la Turchia. Sulla richiesta di un maggior impegno internazionale, a partire dall’Onu, in Libia il presidente del consiglio italiano è convinto che serva “un lavoro paziente” per convincere tutti i grandi leader del mondo della gravità di una situazione esplosiva. Uno sforzo che però, a quanto si apprende in ambienti vicini al premier, ha prodotto effetti visto che ieri, in coda alla conference call sulla Libia, Obama ha chiesto a Renzi di dettagliarlo sulle novità della situazione. (dell’inviata Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora