Omicidio Nemtsov: Putin, basta con la vergogna dei delitti politici

Pubblicato il 04 marzo 2015 da redazione

Britain Russia Opposition

MOSCA. – Vladimir Putin si dice indignato per l’uccisione dell’oppositore Boris Nemtsov e mette in guardia i vertici del ministero dell’Interno avvertendoli che e’ necessario “liberare la Russia dalla vergogna” di delitti “che hanno una grande risonanza, compresi quelli a sfondo politico” come “l’omicidio sfacciato di Nemtsov proprio nel centro della capitale”. Le parole del leader del Cremlino arrivano proprio mentre Aleksandr Bortnikov, il capo dei famigerati servizi di sicurezza russi (Fsb), fa sapere – con un laconico “ci sono sempre dei sospettati” – che gli investigatori hanno individuato dei presunti responsabili dell’assassinio. Potrebbe trattarsi dei due caucasici di cui – secondo Ren-tv – gli inquirenti avrebbero ottenuto delle foto estrapolando dei fermo-immagine dai filmati delle mini videocamere di auto di passaggio. La polizia – sempre stando all’emittente russa – si sarebbe servita delle videocamere di sorveglianza cittadina per individuare gli automobilisti che hanno incrociato la notte del delitto la vettura usata dai sicari, di cui e’ stato ricostruito almeno parte del percorso di fuga. Poi avrebbero chiesto ai conducenti di consegnare le registrazioni delle loro mini videocamere, montate generalmente sul cruscotto (una dotazione molto diffusa tra gli automobilisti russi, per motivi di sicurezza). L’omicidio di Nemtsov ha sollevato una tetra nube di sospetti sul Cremlino proprio alla vigilia di un incontro tra il presidente del Consiglio Matteo Renzi e Vladimir Putin in cui i due leader dovrebbero discutere, tra le altre cose, della situazione in Ucraina e della questione libica. Ma sul delitto – che il presidente russo ha bollato come “una provocazione” e per il quale l’opposizione punta invece il dito proprio contro Putin – si inseguono le ipotesi più disparate e spesso prive di qualunque conferma. LifeNews, una tv considerata vicina ai servizi segreti, aveva annunciato che nelle indagini si cerca anche un’auto del ministero delle Finanze: una Ford che le telecamere di sicurezza hanno ripreso tre volte nella zona dell’agguato (a pochi passi dalla piazza Rossa) e che si trovava sul ponte dove è stato ucciso Nemtsov tra le 23.30 e le 23.40 di venerdì, cioè quando è avvenuto l’assassinio. Ma dopo la stessa emittente ha fatto sapere che un impiegato pubblico arrotondava usando come taxi abusivo l’auto “sospetta” (in realtà a quanto pare di una società che fornisce servizi al ministero delle Finanze). E che è solo per questo che in quel momento passava per le vie del centro di Mosca. Intanto alcuni blogger fanno circolare la notizia – che non ha alcuna conferma – che uno dei presunti sospettati dell’omicidio, un membro di un gruppo estremista ceceno identificato come Aslan Alkhanov, sia arrivato a Mosca da Kiev per uccidere Nemtsov su ordine di Dmitro Iarosh, il leader dei paramilitari ucraini di estrema destra di Pravi Sektor. L’obiettivo sarebbe stato quello di far ricadere la colpa su Putin. Alkhanov si sarebbe suicidato il giorno dopo aver compiuto il delitto ed essersi reso conto di essere stato tradito. Ma il suo pc portatile sarebbe pieno di documenti sull’omicidio. Infine, e’ spuntato un altro video che risalirebbe a tre minuti dopo l’assassinio. Nonostante l’avvertimento lanciato oggi da Putin, il ministero dell’Interno russo smentisce intanto le voci diffuse da alcuni media sulle imminenti dimissioni del titolare del dicastero, Vladimir Kolokoltsev, all’indomani dell’uccisione di Nemtsov. (di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora