L’India vieta il documentario sullo stupro di Nyrbhaya

Pubblicato il 04 marzo 2015 da redazione

Protest rally over the sexual harassment of schoolgirl in Bangalore

NEW DELHI. – Con una decisione che ha suscitato vivaci polemiche fra i difensori della liberta’ di espressione l’India ha proibito la diffusione di un documentario-inchiesta di una regista britannica contenente la scioccante intervista ad uno dei membri della banda che il 16 dicembre 2012 violento’ a morte su un autobus a New Delhi ‘Nirbhaya’, una studentessa di 23 anni. La decisione di impedirne la trasmissione sotto qualsiasi forma, compreso Internet, in tutto il territorio indiano, e’ stata annunciata dal ministro dell’Interno Rajnath Singh. Ed e’ basata su una ordinanza giudiziaria in cui si sostiene che “siamo di fronte ad una plateale offesa alla dignita’ delle donne” e ad “un pericoloso incitamento alla violenza”. Il documentario, di oltre un’ora, e’ intitolato “India’s Daughter’ (Figlia dell’India) ed e’ stato realizzato dalla regista Leslee Udwin, anche lei sopravvissuta ad uno stupro, che lo ha venduto alla Bbc. L’emittente britannica, che lo doveva proporre l’8 marzo, Giornata della Donna, ha fatto sapere in serata che lo avrebbe trasmesso immediatamente. Costato due anni di lavoro, il filmato ha al centro una conversazione nel carcere di Tihar con Mukesh Singh, condannato a morte al termine di un processo per direttissima. Brani di essa sono stati anticipati per un lancio in India da parte della emittente Ndtv, che ora vi ha rinunciato, scatenando un putiferio politico che ha investito in pieno governo e Parlamento. Senza minimamente scomporsi, Mukesh ha ribadito che “una ragazza per bene non va in giro alle 9 di sera” e che “se c’e’ stupro, la donna e’ sempre piu’ colpevole dell’uomo”. E poi che “quando la violentavamo, non avrebbe dovuto reagire ma stare calma e lasciar fare. Dopo sarebbe stata lasciata viva da qualche parte”. In una dichiarazione alle due Camere del Parlamento in subbuglio, il ministro Singh ha sottolineato che “il governo condanna nel modo piu’ vigoroso possibile” l’incidente di cui e’ stata vittima Nirbhaya, e “non permettera’ tentativi di individui, gruppi o organizzazioni di trarre da esso beneficio commerciale”. Successivamente, ha convocato un vertice a cui hanno partecipato alti responsabili di polizia, Prefettura e Direzione carceraria per chiarire le responsabilita’ di quanto accaduto al momento della autorizzazione dell’intervista nel maggio 2013. Rispondendo alle proteste di chi sosteneva che siamo di fronte ad “una congiura per denigrare l’India nel mondo”, la regista Udwin ha chiesto “di visionare il film prima di esprimere giudizi”. E soprattutto ha rivolto un appello al premier Narendra Modi affinche’ non si proibisca il film e “non si cerchi di chiudere gli occhi davanti ai problemi esistenti”. Da parte sua K.T.S. Tulsi, prestigioso avvocato e difensore dei fucilieri italiani Latorre e Girone, ha detto di non trovare nulla di scorretto nell’intervista al violentatore di ‘Nirbhaya’. “E’ importante – ha sostenuto – entrare a fondo nella mente degli autori dei crimini per poter fare leggi migliori. Penso che di queste interviste ve ne dovrebbero essere di piu'”.  (di Maurizio Salvi/ANSA)

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora