Imprenditore ucciso in Brasile, ergastolo al mandante

(ANSA) – BERGAMO, 6 MAR – L’architetto Fabio Bertola, 47 anni, è stato condannato all’ergastolo perché ritenuto il mandante dell’omicidio di Roberto Puppo, l’imprenditore di Osio Sotto (Bergamo) ucciso nel 2010 in Brasile, dove si era recato dietro la promessa di un lavoro remunerativo. Bertola, che avrebbe ucciso Puppo per incassare le polizze sulla sua vita, è stato anche condannato al risarcimento delle parti civili: una provvisionale di 300 mila euro per ogni genitore e 200 mila per la sorella.

Condividi: