Libia: scatta l’allarme, fino a un milione di migranti pronti a partire

Pubblicato il 06 marzo 2015 da redazione

Immigrazione: Frontex, 500mila-1 mln pronti da Libia

BRUXELLES. – “Tra 500mila e un milione di migranti, a seconda delle fonti, sono pronti a partire dalla Libia. Nel 2015 dobbiamo essere preparati ad affrontare una situazione più difficile dello scorso anno” quando sui 278mila arrivati in Ue, 170mila sono sbarcati in Italia. Il direttore esecutivo di Frontex Fabrice Leggeri, in un’intervista all’ANSA, non fa mistero delle proporzioni della minaccia che incombe sull’Italia, prima porta per l’Europa, sulla rotta mediterranea. Rispetto alle stime fornite da Frontex, che arrivano da fonti di intelligence e servono all’analisi del rischio che l’Agenzia Ue fa ogni anno, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni invita a non “sollevare allarmi: ciò che chiediamo a Frontex è più collaborazione”. E mentre anche Christopher Hein, direttore del Consiglio italiano per i rifugiati (Cir) osserva che “Frontex farebbe bene a non alimentare allarmismi”, il leghista Roberto Calderoli parla di “invasione”, Giovanni Toti (Fi) di “emergenza infinita” e Giorgia Meloni (Fdi) chiede se “il Renzi ignorerà l’allarme di Frontex?”. Laura Garavini (Pd) definisce invece “inaccettabili le strumentalizzazioni della destra”, e l’ex ministro Cecile Kyenge invita l’Ue a trovare “soluzioni vere” all’emergenza profughi. L’Agenzia Ue per il controllo delle frontiere “è solo una parte” della risposta, evidenzia il suo direttore. “E’ stata ideata per portare solidarietà al livello operativo. Da sola non basta ad affrontare questo enorme problema”. Gli occhi sono puntati sulla cooperazione con i Paesi terzi, come il Marocco. Ma soprattutto sugli sforzi sul quadro libico. Intanto il portavoce della Commissione Ue Natasha Bertaud spiega che tra gli interventi ipotizzati c’è anche quello di inviare ufficiali dell’Immigrazione in alcuni dei Paesi Terzi, per valutare i canali legali da aprire. Secondo il direttore di Frontex comunque “il picco di arrivi è previsto tra primavera e estate”, anche se già “un inverno con condizioni climatiche buone” ha portato in Italia 8.918 migranti, contro i 5.611 dello stesso periodo del 2014, un anno che ha già fatto registrare afflussi record. Ed evidenzia: “Se si vuole che Frontex faccia più operazioni abbiamo bisogno di risorse e staff, e dell’impegno degli Stati membri a rendere disponibili i loro mezzi”. Per il 2015 l’Agenzia Ue conta su un bilancio complessivo di 115 milioni di euro, con un quarto delle risorse impegnate per l’operazione congiunta Triton. E la cifra su cui si sta ragionando per il budget 2016 è più o meno della stessa entità. Quanto alla possibilità che vi sia l’Isis dietro il traffico dei migranti dalla Libia, “non ci sono prove, ma dobbiamo essere coscienti dei rischi e stare attenti”, afferma Leggeri. “Quello che non accade ora potrebbe avvenire in futuro”. I foreign fighters potrebbero decidere di salire sui barconi quando “i controlli ai varchi legali delle frontiere esterne saranno rafforzati”, e la probabilità di essere scoperti sarà più alta, “ma è solo una teoria”, sottolinea. Intanto “le autorità italiane hanno rafforzato “la sicurezza per mitigare il rischio” dopo le minacce fatte da trafficanti armati durante un salvataggio vicino alle coste libiche. Leggeri evidenzia poi come non ci sia contraddizione tra la missione di Triton ed il suo contributo alle operazioni di ricerca e salvataggio. “Sono complementari”, dice. “L’operazione Triton è sotto la catena di comando italiana” che si occupa di controllo delle frontiere. La ricerca ed il salvataggio in mare rientrano invece sotto la competenza di una diversa catena di comando. Ma se c’è bisogno di fare soccorso in mare, i due comandi si parlano e collaborano unendo le forze. “Dal primo novembre un terzo delle vite sono state salvate grazie al nostro contributo”.  (di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora