Omicidio Nemtsov: confessa uno dei 5 sospetti, Putin lo decorò

Pubblicato il 08 marzo 2015 da redazione

Boris Nemtsov killing arrests

MOSCA. – Ha confessato il ceceno Zaur Dadayev, una delle cinque persone di origine caucasica sospettate nell’omicidio dell’ex vicepremier Boris Nemtsov, diventato poi un acerrimo avversario di Vladimir Putin. A dare l’annuncio ufficiale e’ Natalia Mushnikova, il giudice che ha confermato il suo arresto sino al prossimo 28 aprile. La corte ha esteso per un paio di mesi anche la detenzione degli altri quattro sospetti, che pero’ si sono proclamati innocenti: i fratelli Anzor e Shagid Gubashev (cugini di Dadayev), Ramzat Bakhaiev e Tamerlan Eskerkhanov, tutti catturati in Inguscezia. L’ultimo sostiene di avere un alibi, mentre Bakhaiev ha obiettato di essere stato arrestato a casa e che se avesse partecipato all’uccisione avrebbe cercato di fuggire. Solo Dadayev e Anzor Gubashev sono comunque stati formalmente incriminati, come esecutori del delitto, mentre gli altri tre sono considerati ancora sospetti. Un sesto ricercato, accerchiato dalla polizia nel suo appartamento a Grozny, si e’ fatto saltare in aria con una granata dopo averne lanciata una contro gli agenti, secondo quanto riferito da una fonte delle forze dell’ordine locali citata da Interfax. Ancora buio fitto sul vero movente, a parte quello – scontato – per il quale si sarebbe fatta reclutare la ‘manovalanza’: il denaro, ha decretato il tribunale. Come in tutti i delitti su commissione. Sino ad oggi gli investigatori hanno assicurato di non scartare alcuna pista: dal tentativo interno o esterno di destabilizzare il Paese al malcontento dei nazionalisti russi per la critica di Nemtsov al ruolo di Mosca nella crisi ucraina; da una vendetta per motivi di gelosia (la fidanzata era una giovane modella ucraina) o di affari, sino ad un attacco degli estremisti islamici legato alla posizione dell’oppositore su Charlie Hebdo. Quest’ultima pero’ sembrerebbe cadere con il movente venale attribuito ai cinque sospetti esecutori: gli estremisti islamici non uccidono per soldi. ”Il coinvolgimento di Dadayev nel crimine e’ confermato, oltre che dalla sua confessione, dalla totalita’ delle prove raccolte”, ha spiegato in ogni caso la giudice Mushnikova. Dadayev e’ il sospetto sul quale si concentrano le maggiori attenzioni. Per una decina d’anni, infatti, ha militato nel battaglione di polizia ceceno ‘Sever’ (Nord), che combatte contro gli estremisti islamici alle dipendenze del ministero dell’interno locale di Grozny, e nell’ottobre 2010 e’ stato decorato da Putin con una medaglia al merito. Non e’ stato reso noto se fosse ancora in servizio o se si e’ congedato. Comunque e’ personaggio apparentemente imbarazzante sia per il leader del Cremlino sia per il suo luogotenente in Cecenia, Ramzan Kadyrov, che finora non ha aperto bocca. Difficile del resto pensare che le milizie di Kadyrov sfuggano al suo totale controllo o che possano fare qualcosa che metta in difficoltà Putin. E non e’ la prima volta che un esponente delle forze dell’ordine e’ coinvolto in omicidi eccellenti, come nel caso Politkovskaia. ”Gli altri sospettati negano il coinvolgimento ma gli inquirenti hanno le prove della loro partecipazione”, ha riferito un portavoce del tribunale, al termine di un’udienza show trasmessa con risalto anche sulle tv di Stato, quasi a dimostrare la sollecitudine dell’indagine, come aveva chiesto Putin. Ma per ora restano ancora molte ombre sull’inchiesta, dal ruolo del ‘poliziotto’ Dudaiev e dei suoi complici sino alla mancanza dei mandanti. In una intervista alla Cnn Zhanna Nemtsova, figlia della vittima, si e’ detta convinta della natura ”politica” e ”intimidatoria” dell’uccisione del padre: ”Penso che ormai la Russia abbia passato il segno e che la gente avra’ paura di esprimere idee che contraddicano il punto di vista ufficiale”. (di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora