Csm pensa a detenuti per digitalizzare il suo archivio

(ANSA) – ROMA, 11 MAR – I detenuti di Rebibbia al lavoro per informatizzare l’archivio del Csm. E’ il progetto che Palazzo dei marescialli sta mettendo in cantiere per ridurre l’immensa mole dei propri documenti, ma anche per dare un’opportunità di reinserimento ai reclusi del carcere romano. Poco più di 42 mila euro è il costo del piano, che prevede la digitalizzazione iniziale in sei mesi di 900 mila pagine, e che dopo il sì del Comitato di presidenza, è in attesa solo del via libera definitivo del plenum.

Condividi: