I ministeri tagliano le auto blu, al via i controlli del ministro Madia

Pubblicato il 11 marzo 2015 da redazione

auto-blu

ROMA. – Il dossier sui tagli alle auto blu firmato dal ministro della P.A, Marianna Madia, dovrebbe arrivare domani in Consiglio dei ministri, un passaggio deciso proprio per accelerare la sforbiciata, che fissa a cinque il numero massimo di vetture a disposizione di ciascuna amministrazione centrale. In realtà c’è ancora tempo per portare a compimento la ‘mission’, l’ultima scadenza è fissata a fine anno, ma Madia vuole vederci chiaro e ha inviato una sorta di ultimatum a tutti gli interessati, affinché mettessero nero su bianco i piani per rientrare nei nuovi limiti. Ora, quindi, si saprà il come si intende procedere e in prima linea ci saranno i ministeri, i loro programmi di ‘abbattimento’ del parco auto, tra aste online e vendite ‘vecchia maniera’, ma se ne potranno anche liberare cedendole gratis a delle Onlus. Madia assicura che “tutti i ministeri” si sono mossi, quindi dovrebbero essere arrivati i piani che scandiscono i tagli, nel rispetto delle tappe stabilite per decreto. La prima in realtà è già venuta a maturazione, ma riguardava le amministrazioni più piccole che, garantisce Madia, avrebbero fatto il loro dovere. Certo, riconosce, non mancano delle “criticità”, ma comunque Madia si dice “più o meno soddisfatta”, constatando come ci sia “stata collaborazione”. L’altro round di tagli scatta a giugno (per le P.A. con parcheggi da oltre 50 macchine), l’ultima tornata coincide invece con la fine dell’anno e riguarda le amministrazioni con più vetture (oltre 100). Per adesso verranno rese note le risposte dei ministeri, mentre per le altre amministrazioni centrali, dalle Agenzie fiscali alle Autorità indipendenti, occorrerà aspettare. Un punto fermo c’è e sono i risultati ottenuti con le aste sul eBay , finora delle 118 vetture già messe in palio ne sono state aggiudicate 82 (per un incasso totale di 702 mila euro). Ma giusto qualche giorno fa è partita una nuova asta (33 macchine della Difesa). L’obiettivo che si persegue attraverso le riduzione delle auto blu è il contenimento della spesa. E tante sono le strade per fare risparmi, anche la nuova figura del ‘capo hi-tech’ non è avulsa da una logica di spending review. E’ infatti passato in Commissione al Senato, dove la riforma della P.a. è al voto, l’emendamento (prima firmataria la senatrice Lanzillotta) che prevede la “possibilità di collocazione alle dirette dipendenze dell’organo politico di vertice di un responsabile, dotato di adeguate competenze tecnologiche e manageriali, per la transizione alla modalità operativa digitale e dei conseguenti processi di riorganizzazione, finalizzati a maggiore efficienza ed economicità”. Insomma non sarebbe solo una questione tecnologica, ma in ballo c’è la gestione il riassetto degli uffici nel loro complesso (incluso il personale). Non a caso Lanzillotta parla di “agente del cambiamento”. La Commissione Affari Costituzionali ha dato il suo via libera anche alla regola del silenzio-assenso tra le amministrazioni pubbliche (il concetto potrebbe stendersi oltre quelle statali), per cui dopo 30 giorni il parere si intende acquisito. In caso di contese a decidere è il premier, ma prima (e qui c’è una modifica rispetto al testo originale) si dovrà esprimere il Cdm. Passa anche l’articolo che limita l’autotutela amministrativa, il potere che ha lo Stato di agire in difesa, annullando un provvedimento (il tempo massimo per intervenire è ridotto a un anno e mezzo). La novità impatta, per fare degli esempi, su autorizzazioni per avviare un’attività imprenditoriale. I punti più caldi della delega saranno però affrontati la prossima settimana. A proposito, il polo unico della medicina fiscale prevede il passaggio delle competenze dalle Asl all’Inps e quindi e implica un trasferimento delle risorse (a seguito di un confronto tra Stato e regioni). Cambiamenti che preoccupano i medici fiscali liberi professionisti delle liste Inps (chiedono la priorità).
(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora