Il Wolfsburg stende l’Inter, disastro di Carrizo e Palacio

Pubblicato il 12 marzo 2015 da redazione

VfL Wolfsburg vs Inter Milan
MILANO. – In Germania crolla l’Inter che viene battuta 3-1 dal Wolfsburg. Gli errori di Palacio e soprattutto di Carrizo compromettono la partita e la qualificazione ai quarti di Europa League. Illusoria la rete dell’argentino dopo soli 6′, perché i padroni di casa recuperano e poi trovano il doppio vantaggio firmato da De Bruyne. L’Inter ‘copetera’ chiesta a gran voce da Mancini, dura poco più di venti minuti, poi torna la squadra schiava dei propri punti deboli. Preoccupante la prestazione dei nerazzurri nel secondo tempo: ai soliti buchi difensivi si unisce un centrocampo inconsistente e un attacco poco incisivo. A Wolfsburg l’Inter si condanna da sola, commettendo errori grossolani per una squadra che punta al titolo e, nella prossima stagione, allo scudetto. Questa sera, poi, non si salva neppure Mancini. Lascia perplessi la scelta di affidarsi a Carrizo nel cammino in Europa League, perché al portiere va gran parte della responsabilità della debacle nerazzurra. Dubbi anche sulla decisione di cambiare sistema di gioco sostituendo Hernanes con Vidic e consegnando così le chiavi del centrocampo agli avversari. Giovedì prossimo a San Siro sarà difficile per l’Inter ribaltare il 3-1 dell’andata. Ma è stata l’Inter stessa a complicare la qualificazione, perché il Wolfsburg non è squadra imbattibile e due dei tre gol sono stati subiti da calcio piazzato. I nerazzurri partono bene, aggressivi, vanno in pressing sul portatore di palla e sembrano voler subito gestire la partita. E l’approccio propositivo viene premiato: dopo 6′ dal fischio d’inizio D’Ambrosio intercetta palla, sfruttando un’incertezza a centrocampo di Schurrle, passa ad Icardi che fornisce l’assist a Palacio. Inter in vantaggio e partita subito in discesa, quasi i nerazzurri avessero trovato uno dei pochi punti deboli della formazione di casa. Ma la gara è solo alle battute iniziali e la reazione degli avversari può essere temibile. I tedeschi, infatti, per mentalità, non sono una formazione che si dà per vinta. Con pazienza e costanza gli uomini di Hecking rialzano la testa e si affacciano con pericolosità nella metà campo nerazzurra. E al 27′ l’Inter ricade nei soliti errori difensivi: Caligieri, indisturbato, prova la conclusione di testa da posizione ravvicinata, ma Carrizo devia in calcio d’angolo. E proprio sugli sviluppi del corner, il Wolfsburg trova l’1-1: cross di De Bruyne, black out difensivo e Naldo che indisturbato colpisce di testa battendo Carrizo. La rete del pari è preludio ad un dominio totale dei Lupi nella ripresa. Palacio, però, ha un’occasione d’oro che ribalterebbe la partita. Al 12′ riceve palla davanti alla porta, ha tempo di stoppare e prendere la mira, ma sbaglia clamorosamente. A quel punto Mancini cambia modulo e da quel momento il Wolfsburg prende il sopravvento. Al 18′ incredibile leggerezza di Carrizo che sbaglia il passaggio a Juan Jesus e serve invece Vieirinha, cross al centro e De Bruyne che porta in vantaggio i tedeschi. Il pallino del gioco come il possesso palla è in mano al Wolfsburg e alla mezz’ora arriva il 3-1 su punizione (dopo fallo di Vidic) calciato da De Bruyne. Manca equilibrio a questa Inter che fallisce l’esame della maturità. Il passo indietro rispetto alla gara con il Napoli è evidente. E probabilmente dopo l’andata di questi ottavi di Europa League, si devono anche ridimensionare le ambizioni stagionali dei nerazzurri.

Ultima ora

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

20:48Brasile: stampa, Temer in ospedale per serie esami urologici

(ANSA) - SAN PAOLO, 13 DIC - Il presidente del Brasile, Michel Temer, si sottoporrà oggi a una serie di esami urologici presso l'ospedale Sirio-libanese di San Paolo: lo rende noto la stampa locale. Il ricovero - precisano i media - era previsto per venerdì, ma sarebbe stato anticipato ad oggi su consiglio del medico curante del capo di Stato, il cardiologo Roberto Kalil Filho. Temer, che ha 77 anni, a fine ottobre aveva già subito un intervento chirurgico alla prostata.

20:42Biotestamento: ok art.3 sulle Dat con 158 sì, 62 no

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Passa nell'Aula del Senato l'articolo 3 del disegno di legge sul biotestamento. Un altro punto nodale del testo che riguarda le Dat, cioè le "disposizioni anticipate di trattamento". La norma passa con 158 sì, 62 no e 10 astenuti.

Archivio Ultima ora