Tirreno-Adriatico: impresa di Poels, tappa e maglia

Tirreno-Adriatic cycling race

ROMA. – Uno scatto micidiale in salita, a 6 chilometri dall’arrivo. Così il 27enne olandese Wouter Poels, del Team Sky, ha vinto la quarta tappa della Tirreno-Adriatico, la più lunga di questa 50/a edizione della ‘corsa dei due mari’ con i suoi 226 km. Poel si è anche preso la maglia di leader della classifica generale, e ha interrotto un digiuno che durava da quasi un anno, ovvero dall’aprile 2014 quando aveva vinto una tappa del giro dei Paesi Baschi. Adesso sogna anche il colpo grosso, visto che è primo nella classifica generale, con 17” di vantaggio sul vice-campione olimpico Rigoberto Uran Uran, argento a Londra 2012 e convinto di poter prendersi il primato domani, quando la corsa transiterà per il Monte Terminillo e potrebbero esserci condizioni meteo decisamente fastidiosi, con freddo e nevischio. Dietro il colombiano si è piazzato ‘Purito’ Rodriguez, che puntava forte su questa frazione conclusasi a Castelraimondo e invece ha ottenuto solo un buon risultato parziale. E’ scivolato indietro Vincenzo Nibali, che non è riuscito a rimanere nel gruppo di quelli che si sono messi a inseguire Poels, e ora ha 31” di distacco dal nuovo leader della classifica (prima era a 19”) e soltanto 2 di vantaggio su Alberto Contador. “Rimango con i piedi per terra e penso già a domani – ha detto Nibali dopo l’arrivo -. Mi sento bene e penso che sarà una tappa molto dura. Ma cercherò di darmi da fare”. Si vedrà domani quali altri grossi calibri decideranno di uscire allo scoperto, considerando che ancora in ballo è anche Nairo Quintana. Intanto va detto che oggi si sono dati molto da fare anche Michele Scarponi e Giovanni Visconti, andati all’attacco forse troppo presto assieme all’altro colombiano Julian Arredondo. In precedenza ci avevano provato anche gli australiani Luke Durbridge e Matthew Hayman, arrivati a guadagnare fino a otto minuti e mezzo di vantaggio. Non sono bastati, anche in quel caso si trattava di una fuga cominciata troppo presto.

Condividi: