Usa-Cuba: colloqui a L’Avana, ma con l’ombra del Venezuela

CUBA-USA-avvio-colloqui-allAvana
L’AVANA. – Nuovo round di negoziati tra gli Stati Uniti e Cuba nell’ambito della svolta nei rapporti bilaterali annunciata a dicembre, incontro che coincide però con una nuova crisi nelle relazioni tra gli Usa e il Venezuela, alleato storico dell’Avana. A differenza dei primi due colloqui, a gennaio e febbraio, l’appuntamento di oggi nella capitale cubana è stato fissato in un clima di massima discrezione. A guidare le rispettive delegazioni ci sono le due diplomatiche protagoniste del processo di disgelo, la cubana Josefina Vidal e la statunitense Roberta Jacobson. Quest’ultima qualche giorno fa ha precisato a Washington che non intendeva rilasciare dichiarazioni: i colloqui in programma all’Avana, aveva sottolineato, “non hanno la stessa rilevanza storica” dei due incontri precedenti. L’appuntamento dell’Avana coincide con una nuova crisi tra Caracas e Washington. Qualche giorno fa, il presidente Barack Obama ha confermato sanzioni contro dirigenti venezuelani e dichiarato il governo ‘bolivariano’ di Nicolas Maduro una minaccia per la sicurezza degli Usa. Intanto, davanti all’Università della capitale la Federazione degli studenti cubani ha organizzato un concerto a sostegno del Venezuela, paese che – è stato precisato – “affronta un’escalation di aggressioni da parte dell’amministrazione statunitense”.