Le sanzioni del presidente Obama e la “molla” del nazionalismo

Pubblicato il 17 marzo 2015 da redazione

LEY-HABILITANTE

CARACAS. – Dalla politica interna a quella estera. Dalla crisi economica, che ormai colpisce tutti i venezuelani senza differenza di classi sociali, di credo religioso, di militanza politica o di colore della pelle, alla diplomazia del microfono, inaugurata dall’estinto presidente Chávez il secolo scorso e trasformata dal presidente Maduro in una consuetudine. Messo alle corde da una implacabile crisi economica, il capo dello Stato ha trovato, nella decisione del presidente Obama di inasprire le sanzioni ad alcuni esponenti ed ex esponenti di spicco del governo venezuelano, l’argomento che gli mancava per distogliere l’attenzione della gente comune, e dei propri simpatizzanti, dai problemi della quotidianità.

Stando agli esperti, l’inasprimento delle sanzioni contro sette esponenti del governo, cinque di questi militari, possono avere molteplici letture. Come è ovvio, c’è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi, al contrario, lo vede mezzo vuoto. Comunque sia, la decisione del presidente Obama è stata un fulmine a ciel sereno. E ha scosso l’opinione pubblica venezuelana.

Mettiamo da parte le reazioni immediate delle frange più radicali – soprattutto quelle che risiedono all’estero e vivono la realtà venezuelana solo di riflesso -, che a nostro avviso e in queste circostanze non fanno testo. Esse hanno immediatamente applaudito alla decisione del presidente Obama. E condannato, in cambio, la condotta prudente dell’Unione Europea: censura alla violenza con cui si reprimono le manifestazioni di protesta, energica richiesta di libertà degli esponenti politici oggi in prigione – leggasi, López, Ceballos, Ledezma -, ma nessuna sanzione.

Il vero dibattito in Venezuela, oggi, è tra chi avalla con prudenza la posizione espressa dal presidente Obama e chi, invece, la considera estemporanea e per questo poco utile a coloro che, nelle file dell’Opposizione, desiderano una trasformazione politica del Paese, ma nel rispetto dell’istituzione democratica.

Da un lato c’è chi pur avendo grossi dubbi sull’efficacia delle sanzioni ritiene che con esse il presidente Obama desideri inviare un messaggio più che al presidente Maduro, al suo esecutivo o agli esponenti dello Psuv, ai governi dell’America Latina, della Cina e della Russia. Con le sanzioni, nella sostanza, il presidente nordamericano starebbe dicendo a Cina, Russia e ai paesi di questo emisfero che il governo degli Stati Uniti segue con attenzione quanto accade in Venezuela ed è preoccupato per le ripercussioni che potrebbe avere la crisi politica ed economica del Venezuela sul resto dell’America Latina. E’ vero, questa parte del mondo non è più il “patio trasero” degli Stati Uniti. Ma anche così il colosso del nord continua a considerarla un’area di sua influenza. Certo, avrebbe potuto percorrere altre vie per rilevare l’interesse nordamericano verso l’America Latina. Ma la diplomazia nordamericana non sempre, a nostro avviso, segue il cammino più conveniente.

D’altro canto, c’è chi considera che le sanzioni al Venezuela siano controproducenti. Anzi, che possano trasformarsi in un “boomerang”. E’ questo, a nostro avviso, il parere della maggioranza dei venezuelani. In effetti, l’inasprimento delle sanzioni, così come annunciato dalla Casa Bianca, è stato un salvagente per il governo del presidente Maduro, alle corde per una crisi economica che non riesce a gestire e per la carenza di valuta, a conseguenza anche della drammatica caduta dei prezzi del petrolio, che ne aggrava le dimensioni.

Il capo dello Stato, ormai in un vicolo chiuso, ha trasformato le sanzioni degli Stati Uniti in un argomento per distrarre l’attenzione dei venezuelani dai problemi della quotidianità e per rinverdire i sentimenti di nazionalismo che covano in ogni persona. Il nazionalismo è sempre stato il “coniglio nel cappello”, quell’asso nella manica rispolverato dai governi nei momenti di difficoltà.

L’inasprimento delle sanzioni, poi, ha fatto scattare la leva della solidarietà internazionale. E così, semplici sanzioni contro alcuni funzionari accusati di corruzione e di aver violato i diritti umani, gestite attraverso un’abile campagna di propaganda, hanno trasformato il Venezuela nel David contro Goliath.

La corruzione, come dimostrano la mega-inchiesta di Le Monde di alcune settimane fa, che ha svelato come il tra il 2005 e il 2007 il Venezuela fosse stato il terzo paese con maggior quantità̀ di dollari – circa 14,500 milioni di dollari proprietà di appena 1150 clienti -, nella filiale svizzera della banca inglese Hsbc, e la notizia pubblicata da quotidiano El Mundo, che ha portato alla luce un preoccupante lavaggio di denaro attraverso istituti finanziari nelle Andorre, continua ad essere un cancro difficile da estirpare.

Quindi, l’inasprimento delle sanzioni annunciate dalla Casa Bianca, e soprattutto l’annuncio di un Venezuela considerato un pericolo per la sicurezza del “colosso del nord” hanno permesso al presidente Maduro di ricompattare le proprie file e di ricevere la solidarietà dei Paesi dell’emisfero. Anche di quelli che non condividono, e anzi criticano l’atteggiamento autoritario del “chavismo”.

Dubbi e timori. Le sanzioni a sette funzionari del governo sono state trasformate attraverso un’abile propaganda politica in sanzioni a tutto il Venezuela. E hanno permesso al governo di lanciare un primo grido d’allarme su un ipotetico “embargo” economico. Non è da scartare, quindi, che in un futuro prossimo le difficoltà che vivono i venezuelani, a causa della gestione dell’economia dell’attuale governo e di quello dell’estinto Presidente Chávez, siano attribuite dal “chavismo” ad un “embargo” di fatto. E allora la tesi della “guerra economica”, avrebbe più consistenza.

La polemica tra David e Goliath, tra il Venezuela e gli Stati Uniti si svolge in un clima economico di grave crisi. Il nuovo schema dei controlli di cambi, nonostante non si possano negare alcuni aspetti positivi come il riconoscimento della necessità di un mercato libero della valuta, non è riuscito a frenare la folla corsa del dollaro nel mercato nero. E difficilmente ci riuscirà se non si permetterà al “dollaro Simadi” di oscillare liberamente, anche se sotto l’occhio vigile delle autorità monetarie. La crisi del paese non potrà risolversi se la domanda di beni, sempre più in crescita, continua a confrontarsi con la mancanza di beni negli scaffali dei supermarket. Ma questi, purtroppo, riflettono la realtà della struttura produttiva nazionale. Gli industriali privati non possono produrre a perdita. O si concede loro il dollaro preferenziale o il permesso di coprire le spese attraverso l’incremento dei prezzi dei prodotti. Ed è questa la disgiuntiva che deve affrontare il governo. Non aiuta, d’altro canto, l’inefficienza delle aziende pubbliche, incapaci di rispondere alle esigenze del mercato. La maggior parte delle industrie espropriate ed oggi in mano allo Stato presenta una produzione deficitaria.

E così, mentre il governo alimenta il nazionalismo, chiede la solidarietà internazionale e studia come trasformare propagandisticamente le sanzioni a pochi funzionari in un “virtuale” “embargo” economico, il venezuelano continua a vivere la penuria della crisi economica.

(Mauro Bafile/Voce)

 

Ultima ora

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

Archivio Ultima ora