Nuova lettera di Fidel Castro in appoggio a Maduro

Fidel-y-Maduro

L’AVANA. – L’ex presidente cubano Fidel Castro ha scritto una nuova lettera di appoggio al presidente Nicolás Maduro -dopo quella pubblicata lo scorso 10 marzo- nella quale denuncia “l’insolita politica del governo degli Stati Uniti contro il Venezuela e l’Alba”, l’Alleanza Bolivariana per le Americhe, i cui dirigenti si riuniscono all’Avana per discutere della crisi fra Caracas e Washington. Nel messaggio, che campeggia in prima pagina del Granma -organo ufficiale del Partito Comunista Cubano- Fidel ricorda come l’Alba fu fondata da Hugo Chávez, “con il desiderio di condividere con i suoi fratelli dei Caraibi le enormi risorse economiche che la natura aveva dato alla sua patria natale”. L’anziano leader rivoluzionario sottolinea che per molto tempo la ricchezza del petrolio venezuelano “è andata a finire nelle mani di potenti aziende americane e una manciata di milionari venezuelani”, mentre “la corruzione e lo spreco sono stati lo stimolo fondamentale della prima oligarchia di tendenza fascista, portata alla violenza e al crimine”. Secondo Fidel, il popolo venezuelano “non ammetterà mai un ritorno al passato vergognoso dell’epoca prerivoluzionaria, che ha portato al saccheggio dei centri commerciali e l’uccisione di migliaia di persone”, ma comunque il governo chavista di Caracas “ha sempre dichiarato che è sempre stato disposto a discutere in modo pacifico e civile con il governo degli Usa, ma non accetterà mai minacce ed imposizioni da quel paese”.