Nudo e terrorismo, Facebook rafforza le sue regole

Pubblicato il 17 marzo 2015 da redazione

fb

ROMA. – A pochi giorni dalla presa di posizione di Twitter su abusi online e ‘revenge porn’, anche Facebook fa più chiarezza su nudi, propaganda terroristica, bullismo e ‘hate speech’, i post che incitano all’odio. Insomma tutti quei contenuti inappropriati che a volte vengono rimossi, su richiesta dei governi ma anche dopo mobilitazione corale degli utenti. “Più chiarezza sulle regole e i limiti di cosa si può condividere con la propria community”, spiega Mark Zuckerberg ai suoi quasi 1,4 miliardi di iscritti, aggiornandoli anche sulle richieste provenienti dai governi. “Ora è più chiaro – aggiunge alla Bbc Monika Bicket, capo della policy del social network – che non solo non tolleriamo organizzazioni terroristiche e i loro membri all’interno della nostra community, ma anche che non permettiamo sostegno o lode ai gruppi terroristici e alle loro azioni”. Riguardo i contenuti pornografici, Facebook spiega che mette al bando parti del corpo ben precise come i capezzoli, i genitali o il sedere (che ne sarà delle foto di Kim Kardashian) ma anche quei testi che includono una descrizione minuziosa di atti sessuali. Fanno eccezione i post concepiti per motivi satirici o di istruzione. “È nostra intenzione – spiega Facebook – rispettare il diritto delle persone di condividere contenuti importanti per loro, siano essi fotografie di una scultura come il David di Michelangelo o foto di famiglia di una madre che allatta al seno il figlio”. Un cambiamento netto rispetto a due recenti querelle. La prima affrontata in un tribunale francese dopo che un utente si era visto rimuovere l’immagine del celebre quadro ‘L’origine del mondo’ di Gustave Courbet. La seconda, relativa alla protesta di un gruppo di mamme dopo la censura di immagini di allattamento. Con l’aggiornamento, oltre al terrorismo e alle immagini di nudo, il social network fa chiarezza anche sul cosiddetto ‘hate speech’ (l’incitamento all’odio), sul bullismo e la violenza grafica. “Rimuoviamo determinate immagini quando sono condivise per piacere sadico o per celebrare la violenza”, spiega Facebook aggiungendo che il giro di vite riguarda anche “i contenuti che attaccano direttamente le persone in base alla loro razza, etnia, nazionalità, religione, orientamento sessuale, identità di genere e di gravi handicap o malattie”. Contestualmente all’aggiornamento delle regole per la community, Facebook ha anche pubblicato il rapporto sulle richieste di rimozione dei governi, in crescita: sono arrivate a quota 35.051 nella seconda metà del 2014, contro le 34.946 della prima parte dello stesso anno. Con un calo da parte di Usa e Germania e un incremento da India, Turchia e Russia. Zuckerberg specifica che la piattaforma cerca di proteggere gli utenti da richieste “non necessarie dei governi” ma, mettendo le mani avanti, aggiunge che non può ignorarle. Il social network ha “responsabilità nei confronti degli utenti dei paesi in cui Facebook è presente” e potrebbe essere bloccato. “E’ un modo – conclude Zuckerberg – di dare voce a più gente possibile”. Un concetto già puntualizzato nel suo intervento al Mobile World Congress di Barcellona, che si sposa con la filosofia (anche commerciale) del progetto Internet.org che ha l’obiettivo di portare il web ovunque nel mondo. (di Titti Santamato/ANSA)

Ultima ora

13:54Germania: Seehofer rieletto a guida Csu con 83,7% voti

(ANSA) - BERLINO, 16 DIC - Horst Seehofer è stato rieletto alla presidenza della Csu bavarese con l'83,7% dei voti. Il risultato di questa elezione, al congresso in corso a Norimberga, è una dimostrazione di tenuta per il leader, dopo la forte perdita subita alle urne del 24 settembre. Due anni fa Seehofer aveva ottenuto l'87,2%.

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

Archivio Ultima ora