Le carceri italiane, costano care e sono superaffollate

Pubblicato il 17 marzo 2015 da redazione

CARCERI INDEGNE, SI' AD AMNISTIA E INDULTO

ROMA. – Tre anni di provvedimenti sulle carceri hanno fatto calare la popolazione degli istituti di pena di circa 13 mila unità, ma non siamo ancora alla parità tra detenuti e posti letto, con un tasso di sovraffollamento che arriva al 118%. La reclusione è “una risposta costosa e non efficace”: come segnala l’associazione per i diritti nelle carceri Antigone, che oggi a Roma ha presentato il suo rapporto annuale, spendiamo 150 euro per ognuno dei circa 54 mila detenuti, contro i 133 della Francia e i 50 euro della Spagna. E l’83% della cifra se ne va per gli stipendi del personale. Un sistema “tra i più costosi d’Europa – ha sottolineato il ministro della Giustizia Andrea Orlando – quasi tre miliardi, e tra i più inefficienti, con un tasso di recidiva tra i più alti”. Dunque, ha aggiunto il Guardasigilli “da ripensare per intero” togliendo al carcere “la centralità che ha assunto in tutti i sistemi puntivi”. Sono 53.982 i detenuti presenti nelle carceri italiane al 28 febbraio, erano 66.897 alla fine del 2011, anno nel quale sono stati assunti i primi interventi deflattivi: pertanto in tre anni i detenuti sono diminuiti di 12.915 unità. Sui 49.943 posti regolamentari, circa 4.200 sono inutilizzabili per manutenzione, così rimane ancora una discrepanza tra presenze e posti letto. “Il dato significativo – ha detto il presidente di Antigone, Patrizio Gonnella – è che il calo della popolazione detenuta non è stato lineare, ma si è intervenuti su aspetti patologici, troppi stranieri, troppe misure cautelari e carcerazione per reati con pene bassissime. Tuttavia la discesa si è fermata e speriamo di non assistere ad un’inversione della curva”. Per questo “bisogna insistere sul terreno delle riforme per arrivare a una situazione ‘normale’ ovvero di un detenuto per un posto letto”. Diecimila – secondo Antigone – sarebbero i detenuti i meno se si procedesse alla legalizzazione della cannabis. Il dossier riconosce l’effetto positivo della fine della “ondata securitaria”, cui corrisponde il quasi dimezzamento degli ingressi in carcere e anche il calo dei reati, “smentendo l’affermazione ‘più criminali in carcere e meno delitti fuori'”. “La sanzione penale – ha sottolineato Orlando – si giustifica se produce deterrenza e se la sua esecuzione non produce recrudescenza”. Ora, ha aggiunto il ministro è necessario “ridare centralità alle misure sanzionatorie diverse dalla detenzione”. Secondo il rapporto di Antigone nel 2014 gli ingressi dalla libertà sono stati 50.217, mentre erano ben 92.800 nel 2008: il calo è dovuto alla bocciatura della legge sull’immigrazione (la carcerazione per il cosiddetto reato di clandestinità), alle nuove norme in materia di arresto (tendenti a evitare le cosiddette porte girevoli) e custodia cautelare (limiti all’uso nei casi di reati di minore allarme sociale). “I delitti nella fase storica del decongestionamento carcerario sono infatti diminuiti”, gli omicidi dell’11,7%, le rapine del 13% e i furti dell’1,5%. E’ però ancora alto il dato sulla custodia cautelare, oltre un detenuto su tre non è condannato in via definitiva, “una percentuale che è ancora ben al di sopra di quella europea del 21%”. E la percentuale di stranieri è del 32%, ovvero 11 punti in più rispetto al dato europeo. Sono 14 i detenuti accusati o condannati per terrorismo internazionale jihadista; 725 quelli sottoposti al 41 bis, di cui 8 donne e uno straniero. Sono stati 9 i suicidi dall’inizio dell’anno e 44 nel 2014. Infine Antigone dedica un capitolo agli ex manicomi giudiziari, destinati alla chiusura a fine mese: c’è stato un drastico calo delle presenze, passando dalle oltre 1.200 persone internate nel 2012, alle 847 di maggio 2014 fino alle 761 del 30 novembre 2014, ma continuano “gli ingressi, la media di ricoveri è di 77 a trimestre, praticamente un paziente al giorno, sintomatico di un certo schema interpretativo della magistratura che continua a ritenere l’Opg un’opzione praticabile”. (di Melania Di Giacomo/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora